― Advertisement ―

spot_img
HomeWorldChi compete per la carica di Presidente dell’Iran nel secondo turno delle...

Chi compete per la carica di Presidente dell’Iran nel secondo turno delle elezioni? | Notizie sulle elezioni

Rimangono in corsa due candidati, Saeed Jalili e Masoud Pezeshkian. Quali campi rappresentano e chi li sostiene?

Le campagne elettorali sono quasi finite, i dibattiti sono finiti e non resta che votare.

Saeed Jalili e Masoud Pezeshkian si sfideranno venerdì al secondo turno delle elezioni presidenziali iraniane, dopo che nessun candidato ha ricevuto più del 50% dei voti nel primo turno del 28 giugno.

Il vincitore diventerà il nuovo presidente dell'Iran, dopo la morte del defunto presidente Ebrahim Raisi in un incidente in elicottero il 19 maggio.

Chi sono i due candidati rimasti in corsa?

A competere nel secondo turno sono Saeed Jalili e Masoud Pezeshkian.

Jalili è diventato noto a livello internazionale per il suo ruolo nella gestione del dossier nucleare iraniano tra il 2007 e il 2012, quando era il capo negoziatore nucleare dell'Iran.

Attualmente è uno dei rappresentanti diretti della Guida Suprema Ali Khamenei nel Consiglio Supremo di Sicurezza Nazionale e si è candidato alla presidenza due volte senza successo.

Pezeshkian, chirurgo cardiotoracico, è membro del Parlamento dal 2008 ed è stato vicepresidente del Parlamento dal 2016 al 2020. Oltre a ciò, la maggior parte dei suoi incarichi governativi sono stati legati al settore sanitario: è stato ministro della Sanità nel primi anni 2000 e membro di lunga data del comitato sanitario del parlamento iraniano.

Ha provato a candidarsi alla presidenza nel 2021, ma è stato bloccato dal Consiglio dei Guardiani.

Quali schieramenti politici rappresentano i candidati?

Jalili è considerato un conservatore intransigente, simile al suo ex alleato, il defunto presidente Raisi. Essendo una figura antioccidentale, il suo ruolo nel Consiglio supremo di sicurezza nazionale gli ha permesso di dirigere quello che ha definito un “governo ombra” durante il governo moderato di Hassan Rouhani tra il 2013 e il 2021.

READ  L'ora rimane fissa quando la Columbia Britannica passa all'ora legale perpetua

Jalili era contrario all’accordo sul nucleare con l’Occidente nel 2015 e probabilmente non sarebbe disposto ad accettare i termini occidentali per ripristinare l’accordo se diventasse presidente. Tuttavia, ha promesso di ridurre rapidamente l’inflazione, anche se non è entrato nei dettagli su come farlo.

D’altra parte, Pezeshkian è considerato un moderato e ha ottenuto il sostegno di centristi e riformisti di alto livello all’interno dell’establishment iraniano, come gli ex presidenti Mohammad Khatami e Hassan Rouhani.

Rouhani afferma che lavorerà per ripristinare l’accordo sul nucleare del 2015 e ha anche espresso opposizione al modo in cui il Paese ha gestito le proteste, comprese quelle nazionali che hanno scosso l’Iran in seguito alla morte di una giovane donna, Mahsa Amini, mentre era in custodia di polizia a 2022.

Chi è il candidato che rappresenta l’establishment politico in Iran?

La prima cosa da notare è che l’élite politica iraniana non è un unico blocco, ma piuttosto ci sono diversi centri di potere che ruotano attorno al leader supremo Ali Khamenei.

Sia Jalili che Pezeshkian sono membri di lunga data di questa istituzione e fedeli al governo iraniano – anche se Pezeshkian ha tendenze più riformiste.

I conservatori hanno avuto la tendenza a dominare l'establishment politico iraniano, soprattutto negli ultimi anni, e molti di loro si sono radunati attorno a Jalili.

Jalili e Pezeshkian sostengono il Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica, uno dei pilastri dell'apparato militare dello Stato. Jalili è un ex membro del Corpo delle Guardie rivoluzionarie islamiche e Pezeshkian ha mostrato il suo sostegno all'organizzazione in passato indossando la sua uniforme militare.

Pezeshkian ha anche dimostrato la sua lealtà al regime politico iraniano non sostenendo le proteste antigovernative, anche se, come osservato in precedenza, ha criticato alcuni aspetti della risposta dello Stato.

READ  La Germania intende raddoppiare gli aiuti militari all’Ucraina nell’ambito del piano Schulz, riferisce Bloomberg

Qual è stato il risultato del primo turno?

Pezeshkian ha ottenuto il 44,4% dei voti, mentre Jalili ha ricevuto il 40%, mentre il secondo candidato più alto in classifica, l'ex sindaco conservatore di Teheran Mohammad Bagher Qalibaf, ha ricevuto il 14,4%. Poiché nessuno dei due candidati ha ricevuto più del 50% dei voti, i primi due candidati sono passati al ballottaggio.

Le elezioni hanno visto una partecipazione record, con solo il 40% degli oltre 61 milioni di iraniani aventi diritto che hanno partecipato al voto.

Questo significa che Pezeshkian è il candidato favorito?

non necessariamente. Ghalibaf, insieme ad altri due candidati conservatori falliti che hanno ricevuto una piccola quantità di voti, hanno sostenuto Jalili.

Le possibilità di Pezeshkian dipendono da una maggiore affluenza alle urne al secondo turno, che può essere raggiunta solo convincendo a votare un numero sufficiente di iraniani centristi e riformisti.

D'altro canto, molti – soprattutto all'interno del campo riformista – non vorranno partecipare al sistema politico del paese, soprattutto sulla scia della repressione da parte dello Stato nei confronti del movimento di protesta antigovernativo. Il continuo sostegno di Pezishkian all’establishment dominante potrebbe spingere molti di loro a decidere di restare a casa.

D'altra parte, il timore della linea dura della presidenza di Jalili potrebbe convincere alcuni elettori orientati alle riforme a partecipare, anche se non sono completamente convinti da Pezeshkian.

Le possibilità di Pezishkian dipendono dal numero di elettori che riuscirà ad influenzare.