Chi sarà il prossimo presidente dell’Italia?

Nel cuore di Roma, il Quirinale è stato per secoli il palazzo più importante d’Italia. Prima residenza dei Papi, poi di Casa Savoia, dal 1946 è sede della Presidenza della Repubblica. Negli ultimi anni è tornato ad essere il tempio del potere in Italia.

L’Italia è una repubblica parlamentare: la costituzione postfascista del 1947 metteva in guardia contro un capo di stato o di governo sopraffatto.

Ma con l’inchiesta nazionale del 1992 sulla corruzione politica nota come “Mani pulite” – e il conseguente crollo degli allora partiti di massa – nonché il susseguirsi di crisi politiche, il ruolo del Presidente della Repubblica è diventato sempre più importante.

Due esempi sono Giorgio Napolitano – soprannominato “Re Giorgio” perché è stato presidente per quasi nove anni, dal 2006 al 2015, e per una volta nella storia dell’Italia repubblicana – e l’attuale presidente Sergio Mattarella, che è stato fondamentale per l’ascesa di Mario Draghi come primo ministro.

“I presidenti nell’immediato dopoguerra erano meno importanti e il ruolo di primo piano era svolto dalle forze politiche”, afferma Marco Follini, vicepresidente del Consiglio sotto Berlusconi.

“Nel tempo la funzione del presidente è diventata sempre più importante. Questo in parte perché i presidenti hanno scelto di interpretare il loro mandato in un modo che non è solo notarile. E in parte, e soprattutto, direi, perché il i partiti che fino a pochi anni fa dominavano l’arena politica hanno perso gran parte della loro influenza, ha aggiunto Follini.

Il capo dello stato è eletto dai membri del Parlamento, la Camera dei rappresentanti e il Senato riuniti in una sessione, più un numero di rappresentanti di ciascuna regione.

READ  Necrologio - Paul Nelson Johnson Jr.- San Marino Tribune

L’elezione di un presidente della propria regione politica rappresenta una grande opportunità: significa influenzare sempre di più le politiche pubbliche e gli equilibri del Paese.

Draghi contro Berlusconi

Quindi chi eleggerà 1.008 “Grandi Elettori”, come vengono chiamati i membri del Parlamento ei rappresentanti distrettuali, a gennaio?

Difficilmente riconfermano Mattarella, che ha fatto capire di non volere la rielezione.

Il binomio Draghi e Mattarella “è stato però eccezionale, anche nel rilanciare l’immagine dell’Italia a livello internazionale”, osserva Antonella Seddon, professore associato di scienze politiche all’Università di Torino.

“Un esempio è il Trattato del Quirinale che Macron e Draghi hanno firmato davanti a Mattarella. Le affinità internazionali si trovano perché due personalità come Mattarella e Draghi sono rassicuranti. Fanno sentire ad altri Paesi, oltre che ai mercati, di poter contare sull’Italia”. disse Sidoni.

Per gran parte della stampa italiana il candidato ideale alla presidenza è Draghi. Alcuni commentatori chiedono addirittura modifiche alla costituzione per rendere più efficaci le sue azioni.

“Tranne qualche sparsa voce critica, i media sono completamente concentrati a lodare Draghi, che è il salvatore del Paese e la panacea per tutti i mali della repubblica”, afferma Francesco Maria Tedesco, docente di politica politica. Filosofia all’Università di Camerino.

“Questa è una posizione orribile, un fascino sinistro per la tecnocrazia. Non dovrebbe essere necessario ricordare quanto sia assurda e pericolosa l’idea dell’unico uomo responsabile. Soprattutto se quest’uomo è il risultato di una proliferazione interna di classi dirigenti, “, ha detto Tedesco.

“Parte dello spettro politico italiano sarà felice con Draghi al Quirinale. Sarebbe un modo per prolungare una fase molto comoda, in cui si ottengono i vantaggi e l’emergere del potere, senza dare a Draghi e ai suoi consiglieri la responsabilità del giudizio. .”

READ  Salvini della Lega italiana dice che Draghi non può far passare le riforme promesse

Secondo l’ex presidente del Consiglio Matteo Renzi, spetta al centrodestra italiano eleggere il capo dello Stato: Napolitano è stato un esponente di spicco del Partito comunista italiano fino al 1991, e Mattarella è un democristiano di sinistra.

Matteo Salvini, leader della Lega di estrema destra, vuole eleggere l’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Ma per molte parti della sinistra e dell’opinione pubblica, l’idea è inaccettabile.

Parti del centrosinistra, tra cui Giuseppe Conte, leader del Movimento Cinque Stelle, chiedono l’elezione di una donna.

Sarà la prima volta nella storia italiana.

afferma Fedra Negri, ricercatrice di scienze politiche all’Università degli Studi di Milano.

“Non sarà una scelta dettata dal desiderio di vedere una donna all’apice, finalmente, ma dalla necessità di colmare il gap decisionale”, ha detto Negri.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x