Città adriatica, l'”altra” faccia d’Italia

Oggi, invece, l’urbanizzazione lungo la catena montuosa adriatica rimane un progetto potenziale e per lo più incompiuto, confine tra il vecchio continente europeo e le opportunità offerte dalle nuove potenze asiatiche. In questo senso è di vitale importanza lo sviluppo e il potenziamento della rete infrastrutturale: porti e centri logistici, trasporto passeggeri e merci su rotaia, mobilità “verde”, ma anche il tema dello smantellamento o del riutilizzo delle piattaforme petrolifere offshore. Quest’ultimo, argomento particolarmente affascinante, torna di attualità grazie al riemergere di storie fin da quella dell’Isola delle Rose. Progettata, finanziata e costruita nel 1968 dall’architetto Giorgio Rosa, l’isola era un progetto idilliaco a metà tra architettura navale e esperimenti politici che divenne un simbolo di libertà e fuga dalla società tradizionale, uno spazio di autodeterminazione che catturò lo spirito del tempo e la difesa liberatoria della città dell’Adriatico.

Dal 5 al 24 luglio Adriatico Si svolgerà a Riccione la prima summer school promossa dall’Associazione Architettonici e patrocinata dal Comune di Riccione per studiare, discutere e immaginare la città dell’Adriatico di domani.

READ  L'americano Bobby Fink vince l'oro negli 800 m stile libero maschili

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x