Coe Italia avverte che sei dalla “parte sbagliata della storia” dopo il doping di Schwazer

Il capo del mondo di atletica leggera Sebastian Coe ha avvertito l’Italia di non essere dalla “parte sbagliata della storia” dopo che il tribunale ha assolto il campione olimpico di corse Alex Schwazer dal doping in un procedimento penale.

Un tribunale italiano di Bolzano ha stabilito il mese scorso che i campioni di urina di Schwazer, che erano stati banditi per otto anni prima delle Olimpiadi di Rio 2016, erano stati “probabilmente” manomessi.

Il procedimento penale è stato archiviato dopo che il tribunale ha dichiarato che il campione avrebbe potuto essere manomesso per mostrare un risultato positivo.

A Schwazer è stato concesso un lungo divieto perché era il suo secondo reato di doping, avendo precedentemente scontato una sospensione di tre anni e mezzo per essere risultato positivo all’eritropoietina prima delle Olimpiadi di Londra del 2012.

L’italiano non ha contestato i risultati di quel primo test.

Ha affermato di essere stato vittima di un gameplay malvagio legato alla sua seconda fermata, che gli è stata consegnata dopo un campione del 1 ° gennaio 2016.

All’inizio ha dato risultati negativi, ma una nuova analisi ha rivelato gli effetti degli stimolanti.

L’Agenzia mondiale antidoping (WADA) ha concesso al campione di escursionismo di 50 chilometri di Pechino 2008 un divieto di otto anni per il suo secondo reato, ma dopo la sentenza del tribunale italiano, Kuo ha criticato la sua decisione.

“Respingiamo categoricamente qualsiasi tentativo da parte dell’atleta o di qualsiasi individuo a lui associato di indebolire o cercare di ribaltare la sentenza finale emessa dal Tribunale Arbitrale dello Sport”, ha detto Kuo in una conferenza stampa.

READ  Atalanta Sassuolo, Gomez non ancora convocato: si allena in orari diversi

“Era un premio basato su ciò che può essere meglio descritto come teorie manipolative inverosimili”.

Alex Schwazer ha vinto la 50 km di marcia maschile alle Olimpiadi di Pechino 2008 © Getty Images
Alex Schwazer ha vinto la 50 km di marcia maschile alle Olimpiadi di Pechino 2008 © Getty Images

La sentenza nel caso Bolzano ha portato a suggerire che Schwazer potesse appellarsi alla Corte Federale Svizzera.

Il tribunale arbitrale CAS Sport ha respinto l’appello di Schwazer per annullare il suo lungo divieto nell’agosto 2016 e il tribunale federale svizzero ha confermato la sentenza del CAS quando l’italiano ha successivamente presentato ricorso.

Schwazer è stato privato del titolo di Campionato mondiale di marcia a squadre vinto a Roma nel 2016 a seguito di una seconda violazione antidoping.

“Non voglio che l’Italia si trovi dalla parte sbagliata della storia qui”, ha aggiunto Coe.

“La Global Athletics and Athletics Integrity Unit aderisce pienamente alla posizione che ha assunto.

“Ovviamente la questione riguarda l’Italia ed è importante che qui restiamo molto fermi e fermi.

“Non voglio che l’atletica leggera italiana sia inquinata, spero solo che la gente si renda conto che questa è una questione importante e che la storia sarà dura”.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x