Con Draghi andato, Putin potrebbe fare mosse in Italia

Sospensione

Un ospite non invitato è apparso dal freddo nord nel caldo della politica italiana. Allora, cosa fai con Vladimir Putin?

Non è un segreto che i rapporti tra Italia e Russia siano stati piuttosto cordiali nel recente passato, confondendo gli alleati e danneggiando la credibilità di Roma. C’è per esempio Matteo Salvini della Lega, che una volta è apparso sulla Piazza Rossa con indosso una maglietta bianca con sopra la faccia di Putin. Ha una storia di sminuire le ostilità del Cremlino e di corteggiare apertamente i partiti nazionalisti russi.

C’è anche un intero catalogo di foto di Putin e Silvio Berlusconi – l’ex primo ministro italiano e fondatore di Forza Italia – vestiti con camicie di lino, tutti abbracci e sorrisi, che si sono goduti il ​​pranzo insieme nel corso degli anni, che sia sulla costa italiana o sul nero mare. Gli amici si scambiano convenevoli per decenni e hanno persino condiviso una visione del mondo che mette l’Italia in contrasto con il resto delle nazioni del G7.

La classe politica italiana ha uno strano fascino per la Russia. Ma, non importa chi guida il prossimo governo italiano, questo non è il momento di annullare la svolta dura di Mario Draghi contro la Russia.

Ad essere onesti, Berlusconi non è contento di Putin in questi giorni. Ha detto ai suoi sostenitori di essere rattristato dall’invasione dell’Ucraina da parte di Putin. È anche possibile che ciò sia dovuto a Draghi che, durante il suo incarico di primo ministro, ha messo a tacere ogni ambiguità lasciata dai governi precedenti.

READ  Il ghiacciaio è crollato nelle Alpi italiane, uccidendo almeno sei persone

Ha preso le distanze dall’Italia dalla retorica filo-russa per diventare uno dei critici più accesi di Putin al Consiglio europeo. Ha svolto un ruolo chiave nella progettazione di sanzioni contro la Banca centrale russa e ha difeso lo status dell’Ucraina come candidato all’Unione europea. Il suo nuovo approccio si è concretizzato nel suo viaggio – insieme al presidente francese Emmanuel Macron e al cancelliere tedesco Olaf Scholz – a Kiev per riaffermare il loro sostegno congiunto alla sovranità dell’Ucraina. È un quadro che passerà alla storia italiana.

Alcuni in Italia sostengono che la posizione di Draghi abbia accelerato la sua caduta in disgrazia poiché ha acuito le tensioni all’interno della sua coalizione. Ma Draghi non si è pentito del cambio di rotta verso la Russia, e ha ribadito che era la cosa giusta e onorevole da fare. Il suo successore deve restare in pista.

Se i sondaggi sono corretti, il prossimo governo potrebbe essere una coalizione di destra guidata dai Fratelli d’Italia insieme a Lega e Forza Italia. Questa è una combinazione abbastanza tossica sul fronte della politica estera da far alzare le sopracciglia a Washington e Bruxelles. Berlusconi e Salvini giocherebbero un ruolo centrale in un simile governo.

Giorgia Meloni, Presidente di Fratelli d’Italia, non è stata messa alla prova sulla scena internazionale e manca di esperienza fuori dall’Italia. Tuttavia, Meloni cerca di appianare la sua immagine per espandere la sua attrattiva all’interno e apparire meno radicale all’esterno. In una delle sue prime interviste dopo le elezioni del 25 settembre, Meloni ha detto al quotidiano italiano La Stampa che la sua politica non sarebbe cambiata da quella di Draghi: mantenere le sanzioni alla Russia e chiedere più armi da inviare all’Ucraina in modo che possa reagire. Ha anche ribadito l’Atlantico italiano, termine usato nel Paese per definire le relazioni forti con gli Stati Uniti e la NATO.

READ  Angel Training: il fondatore Fledge Accelerator conduce nuovi corsi per investitori in erba

In superficie, Meloni gioca la carta moderata. La domanda è se intende affari o sono solo tattiche per commercializzarsi e dipingere i fratelli d’Italia in una luce più appetibile. Più facile a dirsi che a farsi. Un recente studio del Consiglio europeo per le relazioni estere ha descritto i suoi elettori come più scettici sulla guerra in Ucraina di quanto le sue dichiarazioni potrebbero suggerire: più della metà dei suoi elettori si oppone all’invio di armi in Ucraina e oltre il 30% dei suoi sostenitori incolpa l’Occidente. L’Ucraina è in guerra. Pertanto, data la sua base divisa, non è detto che Meloni proseguirà il percorso tracciato da Draghi. Farlo potrebbe diventare più difficile poiché l’impatto economico delle sanzioni diventa più rigoroso senza una leadership ferma. È già discutibile.

Tuttavia, la voce dell’Italia è importante. È un membro fondatore dell’Unione Europea, un membro del Gruppo dei Sette e uno dei fondatori originari della NATO. Mentre le commedie spesso distraggono dall’importanza internazionale del paese, la Roma rimane un attore potente negli ambienti europei. La determinazione dell’Italia sarà fondamentale nella definizione di nuove sanzioni e nell’attuazione di quelle esistenti per un periodo più lungo a Bruxelles, dove ogni pacchetto dovrà essere approvato all’unanimità.

Con Draghi fuori carica, Putin metterà sicuramente alla prova la determinazione del suo successore, forse sperando che le vecchie amicizie portino a sanzioni più morbide e spingano l’Ucraina ad accettare la pace per scontata. L’Italia non può cadere nella trappola. Non dovrebbe diventare la porta della Russia verso l’Europa. Se ciò accadrà, il danno per il blocco, che deve affrontare la sua più grave prova geopolitica, sarà enorme.

READ  Draghi Ally è considerato il miglior candidato per la gestione di un istituto di credito statale italiano

Questo dovrebbe essere ovvio per chi guida l’Italia dopo. Mantenere la determinazione e la concentrazione che Draghi ha instillato in politica estera è il primo passo per creare fiducia tra i suoi alleati europei. Tutte le strade portano a Roma, ma quando si parla di Russia, non ci può essere via di riconciliazione finché Putin fa la guerra.

Altro da questo scrittore e altri su Bloomberg Opinion:

• L’esperimento populista fallito in Italia: Maria Tadeo

Draghi può uscire dalle macerie politiche?: Rachel Sanderson

Il piano di crisi della BCE non riesce a convincere i trader obbligazionari: Marcus Ashworth

Questa colonna non riflette necessariamente l’opinione della redazione o di Bloomberg LP e dei suoi proprietari.

Maria Tdio è una corrispondente europea con sede a Bruxelles per Bloomberg Television, dove si occupa di politica europea, economia e NATO.

Altre storie come questa sono disponibili su bloomberg.com/opinion

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x