Con il ritiro della Russia, la vita sta lentamente tornando a Kiev: il patriottismo

Dopo cinque settimane difficili, Kiev Diventata una città di posti di blocco, strade vuote e attacchi russi, ci sono segnali che la capitale ucraina stia tornando a vivere.

Kiev è ancora una città immune da sacchi di sabbia, barriere di carri armati, filo spinato, trincee, veicoli militari e casse di plastica di bombe molotov, ma sta cercando di riaprirla.

Anche se potrebbe essere troppo presto per sfoggiare la vittoria in piazza Maidan, poiché le speranze della Russia di catturare Kiev sembrano svanire, la gente del posto ha affermato che la vita normale sta cominciando a tornare.

Per saperne di più:

All’interno di Kharkiv, una città un tempo vicina alla Russia viene bombardata quotidianamente

“La città è viva”, ha detto Sasha Chingova, che gestisce Bloor Coffee, che ha chiuso quando è iniziata la guerra e da allora ha riaperto.

“Sempre più posti stanno aprendo, sempre più persone stanno tornando”.

Ha detto che si aspetta più clienti “perché abbiamo molte persone che hanno perso la città e vogliono essere qui”.

In un vicino negozio di alimentari gourmet, il venerdì il personale riforniva gli scaffali di bottiglie di vino. Il divieto imposto dal governo ucraino alla vendita di bevande alcoliche all’inizio della guerra è terminato alle 11 del mattino

I clienti che spingevano i carrelli della spesa vagavano per i corridoi, anche se alcuni scaffali erano ancora spogli.

Gli scaffali delle scorte di Kate Polanska quando il divieto di vendita di alcolici viene revocato a Kiev il 1 aprile 2022.

Stuart Bell/Notizie globali

‘ ha detto Konstanin, mentre stava comprando il vino spagnolo che aveva lasciato più di un mese fa.

Lo sviluppatore ha mandato in salvo i suoi figli in Polonia, ma ha detto che Kiev stava diventando notevolmente più occupata e c’erano più auto nel parcheggio fuori dal suo condominio.

Nelle ore successive all’inizio della sua invasione dell’Ucraina da parte del presidente Vladimir Putin, alcuni prevedevano che la capitale sarebbe caduta rapidamente, ma le forze russe erano immotivate, incapaci e mal equipaggiate.

Anche le difese ucraine si sono dimostrate sorprendentemente resistenti e hanno allontanato i vacillanti russi dalla periferia di Kiev.

Per saperne di più:

‘L’inferno che brucia ancora e ancora’: i residenti di Mariupol descrivono la città in rovina

Un funzionario del Pentagono ha detto che circa il 20% delle forze russe intorno a Kiev aveva iniziato a ritirarsi.

L’affermazione di Mosca questa settimana secondo cui si sarebbe ritirato da Kiev è stata accolta con scetticismo, con funzionari che lo hanno descritto come un tentativo di riposizionare le forze russe nei combattimenti nella regione del Donbass sud-orientale dell’Ucraina.

Non era ancora chiaro cosa significherebbe per Kiev, ma i funzionari hanno detto che la capitale è tornata in piedi.

“La città sta gradualmente prendendo vita”, ha scritto su Facebook Mykola Povoroznik, il primo vice dell’amministrazione di Kiev.

Bombe molotov in un sito delle forze di difesa regionali ucraine, Kiev, 1 aprile 2022.

Stuart Bell/Notizie globali

Kate Polanska ha detto di aver rimosso le bottiglie di vino per riempire gli scaffali del negozio in cui lavorava, e in nessun modo Kiev è tornata alla normalità, ma che non era più infastidita dall’esercito russo.

“Semplicemente non ci interessa quello che fanno”, ha detto.

È stato bello tornare al lavoro, ha detto, il che è stato una distrazione dal ciclo cupo delle notizie.

“Non puoi semplicemente stare a casa e stare sempre al telefono.”

Ma ha detto che la città non sarebbe mai stata quella che era e aveva bisogno di trovare una “nuova normalità” che riconoscesse i pericoli della vita tra Europa e Russia.

“Voglio che siamo preparati per ogni occasione”, ha detto.

Le forze russe bombardano un centro commerciale a Kiev, 1 aprile 2022.

Stuart Bell/Notizie globali

Metà della popolazione di Kiev è fuggita. Le forze di difesa del territorio hanno interrotto il traffico ai posti di blocco per verificare l’identificazione e perquisire i bauli dei veicoli.

I lavoratori stavano rimuovendo le macerie da un attacco missilistico a un centro commerciale.

Ma lo chef Volodymyr Yaroslavsky ha affermato che l’approvvigionamento alimentare in città sta migliorando giorno dopo giorno e che i prezzi stanno scendendo.

Il giudice del reality show di cucina MasterChef Ukraine, Yaroslavskyi, ha riaperto lunedì il ristorante di lusso Lucky.

Servire solo quattro piatti la prima notte, poi cinque e poi sette.

Ha detto che attirava circa 50 clienti al giorno, rispetto ai 300 prima della guerra. Il suo numero di chef è sceso da 11 a sette, ma era felice di essere tornato in attività.

“È come se la vita fosse tornata”, ha detto.

Kiev, Ucraina, 1 aprile 2022.

Stuart Bell/Notizie globali

Dall’inizio della guerra, il suo equipaggio ha preparato 300 pasti giornalieri per soldati ucraini, volontari della protezione civile e medici. Ci proteggono e noi li aiutiamo”, ha detto Yaroslavsky.

Ma ha detto che ha bisogno di pagare i conti, che i lavoratori hanno bisogno della loro busta paga e la città sta riprendendo, così ha deciso di riaprire le porte del suo ristorante.

“Molte persone stanno tornando, anche clienti e dipendenti”, ha detto.

Christina Melnik è stata tra coloro che sono tornati in città.

L’avanzata delle forze russe a Kiev ha spaventato la 26enne, che è fuggita dalla città in auto con il fidanzato, la madre e il fratello. Suo padre è rimasto indietro per unirsi ai volontari nelle forze di difesa regionali.

Sono stati ricevuti da una famiglia nella regione di Leopoli, nell’Ucraina occidentale. Ma quando i missili hanno colpito Leopoli, Melnik ha sentito che non c’era un posto sicuro in Ucraina ed è tornato a casa nella capitale.

Kristina Melnik, a sinistra, è fuggita da Kiev quando è iniziata la guerra, ma da allora è tornata.

Stuart Bell/Notizie globali

La città un tempo vivace era stranamente buia e tranquilla a causa del coprifuoco serale.

“Ora è molto meglio”, ha detto. La città sembrava “più viva, ora vediamo molte macchine”.

Mentre stava parlando, un autobus si fermò. I passeggeri sono sbarcati con le borse della spesa. Un uomo che cammina con un caffè da asporto. Sono state aperte una banca vicina e una tipografia. Ho aspettato un taxi sul marciapiede per prendere una tariffa. La bici per la consegna del cibo ha accelerato.

Tuttavia, la maggior parte dei negozi del centro città sono chiusi con le vetrine coperte.

Melnyk ha detto che le basi come il latte erano difficili da trovare. Lei ordinava online. Ora doveva telefonare e vedere quali negozi erano aperti e cosa avevano in magazzino.

“È molto lontano dalla normale quiete”, ha detto. “Penso che la guerra non sia finita e continuerà, purtroppo”.

Stewart.Bell@globalnews.ca


Clicca per riprodurre il video:



Alcuni residenti sono tornati a Kiev con la riduzione delle forze russe


Alcuni residenti sono tornati a Kiev con la riduzione delle forze russe

READ  Gli attivisti bloccano una ferrovia vicino alla General Dynamics a causa della vendita di armi

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x