Contrabbando in Italia dai trafficanti, il “fenomeno” dei bambini e il sogno di trasferirsi al Manchester United

In un piccolo sobborgo di Parma, Amad Diallo ricorda di essere il ragazzo timido con il mondo sotto i piedi. Ha detto poco ma ha parlato sul campo e ha avuto il potere di convincere gli scout a raggiungere rapidamente i loro telefoni per discutere su come ottenere questo straordinario talento.

Enzo Gueri, il presidente del suo primo club, il Boca Barco in Italia, risponderà alle chiamate pochi minuti dopo aver visto i club giocare Diallo. Non sorprende che il 18enne abbia iniziato a mantenere la sua promessa al Manchester United dopo aver trasferito 37 milioni di sterline dall’Atalanta.

Il viaggio di Diallo dalla Costa d’Avorio in Italia è stato oggetto di un’indagine delle autorità italiane sul traffico di un adolescente e fratello Hamid Junior Traore nel paese da parte di una rete di trafficanti di bambini sei anni fa. L’indagine si è recentemente conclusa con un patteggiamento dei fratelli e una multa di 42.000 sterline.

Dopo il suo primo gol per lo United la scorsa settimana, Ole Gunnar Solskjaer ha indicato che Diallo si era trasferito in Inghilterra senza una nota a piè di pagina, stabilendosi da solo e facendosi strada in un nuovo paese come ha fatto in Italia.

“Era sempre un ragazzo molto timido, anche perché a 12 anni cambiare continente non doveva essere stato facile. Tuttavia, i nostri figli lo hanno accolto con tutto”.

L’Amateur Club, situato a mezz’ora di macchina da Parma, indossa i colori del Boca Juniors sin dalla sua fondazione negli anni ’70. Vestito con gli stessi colori di Diego Maradona e Carlos Tevez, Diallo è emerso rapidamente e ha chiesto ai club di Serie A di portarlo in tribunale.

READ  GF Vip, Wild Rome in lacrime: cosa è successo?

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x