Contratti del settore manifatturiero in Italia nel mese di luglio -PMI

ROMA (Reuters) – Il settore manifatturiero italiano ha subito una contrazione a luglio per la prima volta in oltre due anni a causa di un forte calo della produzione industriale, secondo un sondaggio di lunedì.

L’indice S&P Global Purchasing Managers’ Index (PMI) per il settore manifatturiero italiano si è attestato a 48,5, in calo rispetto al 50,9 del mese precedente e al di sotto della soglia dei 50 che separa la crescita dalla contrazione per la prima volta da giugno 2020.

L’indice è sceso per il quinto mese consecutivo poiché il settore manifatturiero della terza economia più grande dell’Eurozona è stato colpito dall’incertezza legata alla guerra in Ucraina e dalle aspettative di un quadro economico in peggioramento.

La lettura dell’indice a luglio è stata peggiore del previsto, poiché un sondaggio Reuters su sei analisti ha fornito una previsione mediana di 49,3.

Il sottoindice per i nuovi ordini è sceso a 42,5 da 43,9, ben al di sotto della soglia dei 50 tasti e registrando un ottavo calo consecutivo.

Gli effetti di ricaduta del conflitto in Ucraina hanno influito sulle prospettive economiche nei paesi dell’eurozona, ma l’Italia finora è andata meglio di alcuni dei suoi principali partner commerciali.

L’Istat ha dichiarato venerdì che l’economia italiana è cresciuta più velocemente del previsto dell’1,0% nel secondo trimestre del 2022 e del 4,6% su base annua.

(Reportage di Angelo Amanti; Montaggio di Crispian Palmer e Toby Chopra)

READ  Ventile registra una crescita "senza precedenti" delle vendite di ecoscopi

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x