Coronavirus: l’Organizzazione mondiale della sanità ora utilizza l’alfabeto greco per vari nomi

GINEVRA – Le lettere dell’alfabeto greco sono state ora assegnate a varianti di coronavirus con nomi alfanumerici nel tentativo di semplificare la discussione e la pronuncia evitando lo stigma.

L’Organizzazione mondiale della sanità ha rivelato i nuovi nomi lunedì Tra le critiche che quelle presentate da studiosi come la cosiddetta variante sudafricana con più nomi tra cui B.1.351, 501Y.V2 e 20H / 501Y.V2 erano troppo complesse.

Pertanto, le quattro varianti del Coronavirus considerate preoccupanti dall’agenzia delle Nazioni Unite e generalmente conosciute dal pubblico come le varianti nel Regno Unito, Sud Africa, Brasile e India hanno ora ricevuto le lettere Alpha, Beta , Gamma e Delta secondo il loro ordine rivelato.

Altre varianti di interesse continuano nell’alfabeto.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha detto, spiegando la decisione: “Sebbene questi nomi scientifici abbiano i loro vantaggi, sono difficili da dire e da recuperare e sono soggetti a false segnalazioni”.

La scelta dell’alfabeto greco è arrivata dopo mesi di deliberazioni in cui gli esperti hanno considerato altre possibilità come divinità greche e nomi inventivi e pseudo-classici, secondo il batteriologo Mark Palin che è stato coinvolto nei colloqui.

Ma molti di loro erano in realtà marchi, società o nomi esotici.

Un’altra nozione di indicazione di variabili preoccupanti come VOC1, VOC2, ecc. È stata cancellata dopo aver indicato che assomiglia a una parola della sezione inglese.

Storicamente, i virus sono stati spesso associati a siti da cui si pensa abbiano avuto origine, come l’Ebola, dal nome del fiume Congo.

Ma questo può essere dannoso per i luoghi ed è spesso impreciso, come nel caso della cosiddetta pandemia di “influenza spagnola” del 1918, le cui origini sono sconosciute.

READ  La sessione di Zoom termina bruscamente quando il tribunale si rende conto che il sospettato si trova nella stessa casa della vittima della presunta aggressione

“Nessun paese dovrebbe essere stigmatizzato con il rilevamento e la segnalazione di varianti”, ha detto Maria Van Kerkhove, epidemiologa presso l’Organizzazione mondiale della sanità.

Prima del nuovo piano dell’OMS, alcuni scienziati hanno adottato le loro designazioni semplificate di varianti come il documento di febbraio utilizzando nomi di uccelli. Tuttavia, è stato criticato dal fatto che questo potrebbe mettere a rischio gli uccelli e dalla madre di una ragazza di nome “Robin”.

(Co-reportage di Michael Shields, a cura di Giles El Jud)

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x