Cosa ha ottenuto la perseveranza in 240 giorni su Marte

In poco tempo da Agenzia della NASA rover perseveranza Atterrato su Marte Lago del cratere Il 18 febbraio 2021 ha già fatto la storia.

Al momento, Marte e la Terra si trovano ai lati opposti del Sole e i pianeti non possono comunicare tra loro. Dopo aver lavorato senza sosta negli ultimi 216 giorni su Marte, i team scientifici si stanno prendendo la prima vera pausa dall’inizio della missione.

noi Due Individui Dal team Perseverance e Rover in giro NS 20 giorni di sincronizzazioneÈ il momento perfetto per fare un passo indietro e riflettere sul compito svolto finora.

Perseverance ha testato tutte le sue capacità ingegneristiche, guidato 1,6 miglia (2,6 chilometri) Su un terreno accidentato, ha preso Decine di migliaia di foto insieme a 19 telecamere.

Tra tutti questi incredibili successi, ci sono tre traguardi principali di cui siamo particolarmente entusiasti:

3. DoRaccolta dei primi campioni delle rocce di base

2. L’ingegnosità di pilotare un elicottero

1. Pubblicazione dei nostri primi risultati scientifici sul cratere Jezero Delta.

La perseveranza ha effettivamente nascosto nella cache due campioni di roccia marziana dopo aver perforato i nuclei da una roccia, il primo dei quali è il cratere che vediamo qui.NASA/JPL-Caltech

3. In che modo la NASA ha raccolto campioni da Marte?

Uno degli obiettivi primari della perseveranza è usare sistema di campionamento a bobina Per estrarre piccoli nuclei di roccia – delle dimensioni di pennarelli cancellabili a secco – e sigillarli in speciali provette per campioni. Una futura missione li raccoglierà e li porterà in un lungo viaggio interplanetario verso la Terra.

Per il primo tentativo di perforazione di Perserverance ad agosto, il nostro team ha selezionato una bella roccia piatta facile da raggiungere con un trapano. Dopo sei giorni di valutazione del substrato roccioso – e infine di perforazione – siamo stati entusiasti di vedere un buco nel terreno e ottenere la conferma che il tubo del campione era stato sigillato con successo.

READ  La Stazione Spaziale Internazionale ha deviato per evitare la spazzatura spaziale

Tuttavia, il giorno successivo, il rover ha inviato le immagini del tubo all’interno e abbiamo visto che era effettivamente vuoto. Parte dell’atmosfera di Marte è intrappolata all’interno e sarebbe utile per lo studio, ma non è quello che sperava il team.

Alla fine, il nostro team ha concluso che la roccia stessa era molto più morbida del previsto e che è stata completamente frantumata durante il processo di perforazione.

Tre settimane e 1.800 piedi (550 metri) dopo, ci siamo imbattuti in alcune rocce promettenti che sporgevano sopra la superficie rossa. Ciò indica che le rocce erano più dure e quindi più facili da campionare.

Questa volta, Perseverance è riuscita a estrarre e conservare due campioni di carota della roccia grigia levigata dal vento. Dopo aver raccolto fino a qualche dozzina in più, i campioni cadranno in un luogo sicuro e facilmente accessibile sulla superficie di Marte. Agenzia della NASA Ritorno del campione di Marte La missione, attualmente in fase di sviluppo, catturerà i campioni delle provette alla fine del 2020 e li riporterà a casa.

Ma gli scienziati non devono aspettare così tanto per saperne di più sulle rocce. Su entrambi i siti, ho usato il file di persistenza Sherlock e pixel Uno spettrometro sul braccio per misurare la composizione delle rocce. Abbiamo trovato minerali cristallini che indicano la formazione di rocce nel flusso di lava basaltica, così come minerali di sale che potrebbero essere Prove di acque sotterranee antiche.

Il primo volo di Ibdaa, visto in questo video, ha mostrato che un elicottero poteva volare su Marte. Credito: NASA/JPL-Caltech.

2. Destrezza: prima nel viaggio

La perseveranza può essere molto lontana da terra, ma ha il suo lato. Il elicottero dell’ingegno Si è separato dal rover poco dopo essere atterrato su Marte ed è diventato il primo rover a volare attraverso l’atmosfera di un altro pianeta.

READ  I ricercatori canadesi aiutano a scoprire le più antiche prove dell'attività umana nella grotta africana

Destrezza ad energia solare, peso 4 libbre (1,8 kg)Il suo corpo principale ha le dimensioni di un pompelmo. Il 19 aprile 2021, l’elicottero ha effettuato il suo primo volo, librandosi a 10 piedi (3 metri) dal suolo per 39 secondi prima di atterrare. Questo breve salto ha mostrato che le sue lunghe lame potevano generare abbastanza portanza da consentirgli di volare attraverso l’aria rarefatta di Marte.

I voli successivi hanno testato la capacità dell’elicottero di muoversi orizzontalmente, coprendo ogni volta distanze più lunghe, viaggiando fino a 2.050 piedi (625 metri) Sul suo volo più lontano ancora.

La creatività ora ha volato 13 volte e ha catturato immagini dettagliate della Terra per esplorare il terreno accidentato prima di perseverare. Queste immagini aiutano il team a determinare come aggirare gli ostacoli sulla strada verso la destinazione finale del veicolo, un grande delta al cratere Jezero.

Il delta nel cratere Jezero, mostrato in questa immagine satellitare, è il luogo in cui Perseverance raccoglierà la maggior parte dei suoi campioni.ESA / DLR / FU-Berlino

1. Ingrandisci il delta di Jezero

La NASA è stata selezionata Jezero Crater come luogo di atterraggio per la perseveranza Proprio perché permette al veicolo di accedere a un grande cumulo di rocce situato alla fine di una valle fluviale in secca. Basato su Ma non tutti realizzano i propri sogniGli scienziati ritengono che queste rocce siano costituite da sedimenti depositati da un antico fiume che scorre approssimativamente in un lago 3,5 miliardi di anni fa. Se fosse vero, questo sito potrebbe essere un ottimo ambiente di vita.

Tuttavia, l’accuratezza dei dati satellitari non è sufficientemente elevata per confermare se i sedimenti si sono depositati lentamente in un lago longevo o se la struttura si è formata in condizioni più asciutte. L’unico modo per saperlo con certezza era scattare foto dalla superficie di Marte.

determinazione immobiliare Un miglio (circa 2 chilometri) dalle scogliere nella parte anteriore del delta. Siamo entrambi nel team responsabile di Mastkam-Z Uno strumento, un insieme di telecamere con obiettivi zoom che ci permettono di vedere una graffetta dal lato opposto di un campo di calcio.

READ  Fossile della specie più antica di Ankylosaur scoperto in Marocco

Per le prime settimane della missione, abbiamo utilizzato la Mastcam-Z per rilevare rocce lontane. Da quelle viste panoramiche, abbiamo scelto luoghi specifici per guardare più in dettaglio con il rover SuperCamTelecamera telescopica.

Quando le immagini sono tornate sulla Terra, abbiamo visto strati inclinati di sedimenti nelle parti inferiori delle scogliere di 80 metri. Verso la vetta abbiamo individuato massi, alcuni fino a 5 piedi (1,5 metri) di diametro.

Dalla struttura di queste formazioni, il nostro team è stato in grado di ricostruire una storia geologica vecchia di miliardi di anni, cosa che abbiamo fatto pubblicato In Science il 7 ottobre 2021.

Per molto tempo – forse milioni di anni – un fiume è confluito in un lago che ha riempito il cratere Jezero. Questo fiume ha depositato lentamente gli strati inclinati di sedimenti che vediamo nelle rapide del delta. Successivamente, il fiume è diventato per lo più asciutto ad eccezione di alcuni importanti eventi alluvionali. Questi eventi avevano energia sufficiente per portare a valle i grandi massi e depositarli sopra gli antichi sedimenti; Queste sono le rocce che vediamo ora sopra le scogliere.

Da allora il clima è stato secco ei venti stanno lentamente erodendo le rocce.

La conferma dell’esistenza di un lago nel cratere Jezero è la prima grande scoperta scientifica della spedizione. L’anno prossimo, la perseveranza raggiungerà la sommità del delta, studiando gli strati della roccia in dettaglio microscopico lungo il percorso e raccogliendo molti campioni. Quando questi campioni finalmente arriveranno sulla Terra, scopriremo se contengono i segni della vita microbica che un tempo potrebbe aver prosperato in questo antico lago su Marte.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato Conversazione di Riso alla melissa alla Western Washington University e Briony Horgan in un Università di Purdue. Leggi il L’articolo originale è qui.

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x