Cosa rende un Paese una “grande potenza”?

Alcuni termini geopolitici sono usati più spesso senza una definizione – o anche un significato comune – come grande potere. Dall’inizio della prima guerra mondiale fino all’invasione russa dell’Ucraina, alcuni paesi sono stati descritti come “grandi potenze”, mentre altri sono stati ridotti a semplici “medie potenze” o “piccole potenze”, sembra, sulla base dell’impressione piuttosto che qualunque altra cosa.

Questo non è solo un problema linguistico, o un problema nei corridoi dei dipartimenti di relazioni internazionali dell’università. Ha ripercussioni nel mondo reale: prima che le truppe di Vladimir Putin entrassero in Ucraina a febbraio, la Russia era una “superpotenza” e l’Ucraina era solo una “piccola” potenza, e molti esperti di politica estera suggerivano che quest’ultima potesse avere il proprio potere. Destino determinato dal primo.

Il problema più grande con il modo in cui immaginiamo le grandi potenze è concentrarsi sul potere militare, piuttosto che considerare le strutture economiche, tecnologiche, sociali e politiche che compongono lo stato. Come rivela la Russia di Putin mentre lotta per fare progressi nel suo attacco all’Ucraina, proprio come hanno mostrato in passato l’Italia di Benito Mussolini nella seconda guerra mondiale o l’Austria di Francesco Giuseppe nella prima guerra mondiale, le sole forze militari sono un parametro molto ingannevole per capire cosa rende una nazione “Grande”.

Infatti, guardando la domanda da una prospettiva sia storica che contemporanea, ha più senso affrontare la questione dall’estremo opposto: la domanda su cosa genera il potere militare, e la risposta che ci aiuterà poi a capire la differenza tra il “reale grandi poteri». “E falsi. Gli eserciti sono manifestazioni dei fattori fondamentali che li creano, e questi fattori hanno un impatto molto maggiore sul modo in cui operano gli eserciti in guerra rispetto alle tabelle numeriche di quanto equipaggiamento hanno o quanti soldati hanno. Per capire come per costruire una vera superpotenza, dobbiamo esplorare le caratteristiche di un Paese in tre categorie distinte: base, formazione e prodotto.

READ  Il morale delle imprese e la fiducia dei consumatori in Italia sono scesi a luglio con il ritorno dell'instabilità politica

Guardare il mondo dal 1900 ai giorni nostri costituente Un elemento di tutte le vere grandi potenze, che mancano a tutte le false grandi potenze, è che le vere grandi potenze sono i leader tecnologici ed economici del loro tempo. Ciò significa che non solo possono sviluppare i prodotti tecnologici più avanzati (comprese le armi), ma hanno anche la capacità di produrli in serie e farli funzionare. Questi tre elementi – sviluppo, produzione e funzionamento – devono essere presenti, perché avere un gran numero di sistemi ad alta tecnologia è molto diverso dal poterli utilizzare efficacemente in guerra. La storia è piena di esempi di eserciti che hanno acquistato o acquistato le armi più avanzate ma non ne hanno ricavato il massimo.

Naturalmente, essere un pioniere della tecnologia economica non è sufficiente. Oggi, ad esempio, Germania e Giappone possono qualificarsi come stati, ma non sono superpotenze, perché non hanno tradotto questa capacità in potenza militare, anche se il Giappone sembra che potrebbe andare così. Perché alcuni leader tecnologici ed economici diventano superpoteri e altri non si trasformano in ciò che si può chiamare formazione Fattori. Sono queste le principali caratteristiche sociali, culturali e politiche di questi paesi, gli elementi che traducono le capacità dei rispettivi paesi in potenza militare.

Durante il ventesimo e il ventunesimo secolo, la regola generale (ma non assoluta) è stata che più lo stato è libero e flessibile, e più efficace è lo stato di diritto, meglio funziona questo processo. I paesi con popolazioni impegnate, con sistemi politici che lavorano contro il governo unipersonale e che incoraggiano l’indagine scientifica e filosofica pubblica, hanno maggiori probabilità di tradurre il loro potere tecnologico ed economico in modo più efficace in potere militare – Produttore. Non solo questi paesi avrebbero armi avanzate, ma avrebbero probabilmente soldati meglio addestrati e attrezzature meglio mantenute, e sarebbero guidati da strategie più razionali, quelle non inclini ai capricci di un leader autoritario.

READ  Sputare vino: erede italiano accusa Sting di calunnia, scuse esplicite | affari nazionali

Utilizzando questo modello, vediamo che un solo paese ha costantemente raggiunto la soglia della “grande potenza” dal 1900: gli Stati Uniti. Gran Bretagna e Germania – le due maggiori potenze tecnico economiche in Europa, e le ancore delle loro varie alleanze in entrambe le guerre mondiali – hanno raggiunto questa definizione dall’inizio del ventesimo secolo fino alla fine della seconda guerra mondiale. Dalla fine di questo conflitto in poi, l’Unione Sovietica può essere considerata in modo più ristretto una “grande potenza”, purché riconosciamo che il suo dominio economico e tecnologico era basato in gran parte sulla produzione industriale e sulla scienza, piuttosto che su altre forme di innovazione o crescita . Tuttavia, l’Unione Sovietica iniziò a perdere questo prestigio alla fine degli anni ’70 o all’inizio degli anni ’80: le caratteristiche della formazione sovietica, come realizzò Mikhail Gorbachev, non erano in grado di creare un sistema sufficientemente aperto e flessibile per competere nell’era dei computer.

Il declino dell’Unione Sovietica dal suo status di grande potenza ha lasciato gli Stati Uniti come unica superpotenza mondiale fino all’ascesa relativamente recente della Cina. Certamente per la Cina, la forza della sua posizione tecnologico-economica nel mondo di oggi supera quella dell’Unione Sovietica in qualsiasi momento della sua storia, almeno rivaleggiando con Germania e Gran Bretagna all’apice della potenza di questi due paesi, e forse in qualche rispetto che superano gli Stati Uniti, o potrebbe presto farlo. I cinesi hanno fattori determinanti seriamente dubbi – caratterizzati da una società non libera in cui il governo di un solo uomo si è radicato – ma lo stato ha tentato di mettere in atto un sistema che consenta una forte crescita economica come compensazione. Tuttavia, se le lezioni degli ultimi 120 anni sono corrette, questo potrebbe essere il tallone d’Achille della Cina se mai tentasse di esercitare la forza militare. L’esercito cinese è grande, con sistemi apparentemente avanzati, ma non ha mai funzionato in una guerra.

READ  Last Day for Christmas Cashback: ecco come sono cambiate le regole da gennaio

Quest’ultimo punto è fondamentale. Un grande esercito di potenza non è creato solo da forze costituenti e costituenti; Il suo funzionamento in guerra ne è fortemente influenzato. Ad esempio, l’esercito russo è stato molto sopravvalutato nella sua creazione e abbiamo visto in Ucraina che le sue operazioni sono state fortemente ostacolate dal fatto che la Russia è tecnologicamente improduttiva e che il regime di Putin manca di flessibilità. I soldati provengono dalle parti più povere della società russa e ricevono un addestramento frettoloso e scadente, al punto che sembrano incapaci di usare le armi nel modo più efficace che dovrebbero. Inoltre, la rigida struttura di comando della Russia significa che i militari hanno difficoltà ad adattarsi e rispondere, spesso ripetendo lo stesso errore più e più volte, come ha fatto, ad esempio, nei suoi tentativi di fortificare Snake Island.

Chiedere cosa rende una “grande” superpotenza può sembrare vago e accademico, ma la pratica di farlo ci offre lezioni su come i paesi possono usare il loro presunto potere. Con l’eccezione di pochi esempi – e nessuno più degli Stati Uniti – sarebbe molto difficile classificare qualsiasi altro paese dal 1900 come grande potenza. Che si tratti dell’Italia di Mussolini, del Giappone imperiale o della Russia di Putin, quando le pseudo-grandi potenze cercano di agire come vere potenze, a volte possono esplodere in una farsa in tempo di pace, quando il prestigio fa la differenza. Ma quando arrivano i tempi della guerra, la loro vera debolezza viene rivelata.

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x