Cosa sarebbe diverso dalle elezioni anticipate in Italia?

Sospensione

L’Italia è diventata sinonimo di tumulto politico, con il crollo della coalizione di governo guidata dal premier Mario Draghi, l’ultimo esempio di quanto sia diventata debole la presa del potere dei suoi leader. Le elezioni sono previste per il 25 settembre, le prime dall’approvazione delle modifiche costituzionali che hanno ridotto le dimensioni di entrambe le camere del parlamento. Una coalizione di destra sembra essere sulla buona strada per una vittoria schiacciante del voto, che si presenta come la terza economia più grande dell’eurozona – e una delle più indebitate – di fronte alle ricadute dei prezzi energetici elevati, degli alti tassi di interesse e della Russia invasione dell’Ucraina.

1. Perché la politica italiana era così instabile?

Il Paese era profondamente frammentato, con lealtà divise tra molti partiti – più di 20 dei quali sono rappresentati nella legislatura uscente. Molti di loro avevano ideologie simili ma differivano su chi avrebbe ottenuto posizioni di leadership chiave. Le coalizioni sono spesso composte da tre o più partiti e sono notoriamente instabili. Anche il cambio di partito è comune, con oltre 400 deputati e senatori che hanno cambiato alleanza dal 2018. Il Movimento Cinque Stelle, un tempo la più grande forza politica unica del paese, ha visto il suo numero di deputati alla Camera più che dimezzato dal voto precedente.

2. Cosa mostrano i sondaggi?

Le prime indicazioni suggeriscono che una coalizione guidata dai Fratelli italiani della Georgia di destra Meloni potrebbe conquistare quasi i due terzi dei seggi in entrambe le camere del parlamento. Il blocco comprende la Lega Matteo Salvini e Forza Italia guidata da Silvio Berlusconi, che ha fatto cadere il governo Draghi. Ha convenuto che il partito con il maggior numero di voti avrebbe scelto il candidato alla carica di primo ministro, aumentando le probabilità che Meloni diventasse la prima donna primo ministro d’Italia. Il suo partito sembra avere il 23,3% di consensi, mentre la Lega dovrebbe vincere il 13,5% e Forza Italia il 9%, secondo un sondaggio pubblicato dal Corriere della Sera a luglio. Altri sondaggi d’opinione mostrano un risultato simile. Si è disintegrata un’alleanza tra il Partito Cinque Stelle anti-establishment ei Democratici e il centrosinistra sta ancora lavorando alle coalizioni.

READ  Air Liquide e Shell firmano un accordo decennale per l'energia elettrica rinnovabile in Italia - Ingegneria Chimica

3. Cosa c’è di diverso in queste elezioni?

Le riforme costituzionali approvate nel referendum del 2020 hanno ridotto il numero dei senatori da 315 a 200 e i rappresentanti da 630 a 400. Di conseguenza, i collegi elettorali sono stati riprogrammati e ampliati. Circa il 37% dei seggi sarà assegnato ai candidati di partito con il maggior sostegno nei collegi elettorali, mentre il resto sarà assegnato in proporzione al numero di voti che riceveranno a livello nazionale. Il sistema incoraggia i partiti a formare coalizioni perché ciò aumenta le loro possibilità di vincere i primi posti. I partiti devono raggiungere il 3% dei voti per qualificarsi per seggi di rappresentanza proporzionale e le coalizioni il 10%. La campagna coinciderà con la stagione delle vacanze estive, una programmazione che è stata evitata nel secolo scorso, principalmente a causa dei passi previsti dalla costituzione italiana per formare un governo e della necessità di approvare il bilancio annuale entro la metà dell’autunno. Ciò può influire sull’affluenza alle urne e sui risultati finali.

4. Qual è la differenza tra Camera dei Deputati e Senato?

Secondo la costituzione italiana, le due Camere hanno uguali poteri e nominano il primo ministro ed entrambe devono approvare tutta la legislazione. I leader del partito di solito si candidano per un seggio al Senato, il cui presidente è il secondo più alto funzionario del paese. Una recente modifica costituzionale ha abbassato l’età minima per votare per i senatori da 25 a 18 anni, per portarla in linea con la Camera dei Rappresentanti, aggiungendo alla lista circa 4 milioni di cittadini. I candidati devono avere almeno 40 anni per essere eletti Senatori e almeno 25 anni per essere eletti Rappresentanti.

READ  Il cricket porta gioia ai migranti bloccati in Bosnia

5. Come viene selezionato il Primo Ministro?

Il primo ministro è nominato dal presidente dopo aver consultato i partiti politici. Quindi forma il governo, che richiede il voto di fiducia del Parlamento entro 10 giorni dalla sua formazione. La coalizione che vince le elezioni determina chi dovrebbe diventare primo ministro. Se non c’è un vincitore assoluto, il presidente può dare un mandato condizionato al primo ministro designato che può raccogliere il maggior sostegno per formare un governo di unità o un’ampia coalizione. Se nessuno riesce a raccogliere la maggioranza, il presidente può sciogliere il parlamento e indire nuove elezioni come opzione finale, anche se questo non ha precedenti.

Altre storie come questa sono disponibili su bloomberg.com

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x