Costruito da dietro? Questa non è l’Italia

Dimentica i vecchi stereotipi. Le squadre azzurre di successo dello scorso anno erano note per i loro implacabili difensori di serie A (come Fabio Cannavaro, Paolo Maldini, Franco Baresi o Gaetano Seria) e attaccanti letali (Paolo Rossi, Roberto Baggio, Bebo Inzaghi o Francesco Totti). Non questa squadra. Questo è tutto sui centrocampisti, una classe che – con poche eccezioni di rilievo – non è stata il punto forte dell’Italia nei tornei passati.

Ma è qui che l’allenatore Roberto Mancini può affondare il suo potere nel profondo. Da Nicolo Parella dell’Inter a Marco Verratti del Paris Saint-Germain, Manuel Locatelli del Sassuolo e Lorenzo Pellegrini della Roma, questa rosa è ricca di giocatori a due. Il tutto riunisce un regista della vecchia scuola come Jorginho del Chelsea, che ha vinto la Champions League il mese scorso.

Qualunque sia il trio che finirà – e l’Italia finirà quasi sicuramente con un 4-3-3 – avrà il compito di implementare l’attuale visione del calcio di Mancini (si è evoluto più di molti altri nel corso degli anni). Principalmente su possesso palla, passaggi e pressing. Questi “tre punti” sono pensati per rendere la squadra proattiva, piuttosto che reattiva, come in passato.

Parte di questo è la tendenza generale del viaggio nel gioco moderno: difendere e rispondere potrebbero aver funzionato bene in passato (e potrebbero funzionare ancora nelle competizioni a eliminazione diretta), ma poche squadre di alto livello giocano più in quel modo. Parte di esso è semplicemente giocare ai tuoi punti di forza e nascondere le tue debolezze, che, nel caso dell’Italia, erano aree di forza tradizionali in passato.

READ  Gareth Southgate rischia di far infuriare Jose Mourinho se interpreta Harry Kane in tutte e tre le partite dell'Inghilterra

Certo, i big si trovano ancora dietro, ma Giorgio Chiellini ha ormai 36 anni. Leo Bonucci ha 34 anni. Quest’ultimo è stato messo in panchina durante la tournée della Juve a fine stagione ed è improbabile che vedremo la coppia insieme. Hanno un portiere di grande talento, capace di prendere il testimone da gente del calibro di Gigi Buffon (e prima di lui Walter Zinga e Dino Zoff), ma Gianluigi Donnarumma ha ancora 22 anni e, soprattutto, non è nelle migliori condizioni. Ha rifiutato un’offerta di contratto dal Milan, il club per cui gioca regolarmente dall’età di 16 anni e ora è un free agent, scommettendo che i club si schiereranno per ingaggiarlo. Non hanno firmato – ancora – e intanto il Milan ha ingaggiato il suo sostituto.

Davanti, non ci sono stelle di serie A – anche se Federico Chiesa un giorno potrebbe arrivarci e Nicolò Zaniolo potrebbe già esserci se l’infortunio non gli toglierà la stagione 2020-21 e un colpo agli Europei – ma c’è un nucleo di giocatori di talento che stanno lavorando sodo e hanno la capacità di emozionare e portare avanti la squadra. Tutti gli occhi saranno puntati sulla posizione dell’attaccante, perché Mancini probabilmente sceglierà tra Ciro Immobile – macchina da gol della Lazio, e meno sulla scena internazionale – e Andrea Belotti, il tipo che non ha segnato un gol. di gioco aperto a livello di club dall’inizio di febbraio.

Per riuscirci, Mancini avrà bisogno di uno di questi due (o forse, il 21enne Giacomo Raspadori, budget Sergio Aguero) per trasformare le tante opportunità che l’Italia sta creando in questi giorni. Avrà bisogno di Donnarumma per essere nello stato d’animo giusto (cosa che non è stata certo l’ultima volta che il futuro del suo club è stato incerto, nel 2017 all’Europeo Under 21), e avrà bisogno della difesa per resistere e non resistere processo contro la passata difesa dell’Italia.

READ  Campionato 6 Nazioni femminile: L'Irlanda ha apportato tre modifiche per la partita per il terzo posto per l'Italia

Quello di cui probabilmente non devi preoccuparti è una legione di giovani stelle in mezzo al giardino.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x