Crescere con Clelia: Comportamento scorretto

Estratti dalla singolare storia di vita di un immigrato italiano.

L’articolo descrive la vita di Clelia, una donna italo-americana che è migrata negli Stati Uniti quando aveva 17 anni. Adesso, lei ha 92 anni, Clelia ha sempre pensato che parlare la lingua inglese con i figli e con la gente fosse importante per assomigliare al modello di vita americano. Lei ha imparato l’inglese piano piano e racconta come si é Concentrata sempre su una sola parola al giorno. Lei legge ancora il giornale e Continua a parlare non solo l’inglese (ancora con un accento diverso) ma anche il suo dialetto siciliano. Sua figlia, la scrittrice, ha scritto di certi strafalcioni che sua mamma dice che la fa ridere anche adesso.

Le generazioni future dovrebbero sapere cosa ha passato nostra madre Clelia crescendo durante la seconda guerra mondiale in un piccolo paese del sud Italia. Si è sposata a 17 anni ed è immigrata dall’Italia, sola e incinta a 18 anni, per iniziare una nuova vita in America. Nonostante sia stata sfidata da una nuova cultura, lingua e difficoltà che avrebbero potuto sconfiggere una persona meno potente, ha fatto del suo meglio per adattarsi allo stile di vita americano. Ora una rispettabile vecchia all’età di 92 anni, è la madre della nostra numerosa famiglia italoamericana!

Diventare “americana” era molto importante per Clelia. Sapendo che la lingua si impara meglio quando è molto giovane, io e le mie sorelle abbiamo chiesto a nostra madre perché non ci parlava in italiano formale quando siamo cresciute, dato che il suo accento era parlato principalmente tra i membri della famiglia.

READ  Cose da fare, film a Los Angeles: Charlie Chaplin, Mad Max

Ci ha spiegato che se ci avesse parlato in italiano non avrebbe mai imparato a parlare inglese.

Le ho chiesto come avesse imparato a parlare inglese e lei ha detto: “Non sono andata a scuola perché ho dei bambini di cui accudire. Leggo il giornale tutti i giorni. Mio marito e mio suocero parlavano inglese perché erano già venuti in America per guadagnare soldi per le loro famiglie in Italia. Un amico di un’amica di mia suocera mi ha chiesto di scegliere una parola ogni mattina e lo dico tutto il giorno.

L’uso delle parole da parte di Clelia ha perfettamente senso per lei e riflette ciò che pensa di aver sentito in TV, dagli altri e dalla lettura del giornale. Molti scarsi orientamenti comici [the mistaken use of an incorrect word in place of a word with a similar sound, resulting in a nonsensical, sometimes humorous utterance]abbiamo sentito che crescere con Clelia è stato divertente mentre cercavamo di capire come le è venuta in mente la scelta delle parole.

La sua lingua, l’accento italiano che non ha mai perso, l’inflessione e l’intonazione della sua voce quando era arrabbiata, sono qualità speciali che non dimenticheremo mai. C’erano così tanti usi unici delle parole pronunciate nel suo stile distintivo di parlare che abbiamo persino messo insieme un elenco che chiamiamo Clara Gilded. Spero che vi piaccia tanto quanto me quando stavamo crescendo! Eccone alcuni:

finestra fredda (vento freddo)

Clara osserva il tempo ogni mattina e molte volte durante il giorno, quindi quando i venti invernali fanno sì che la temperatura si raffreddi, mia madre parla di “freddo alla finestra”. Vai alla finestra e senti quanto fa freddo: questa è la freddezza della finestra. Da allora, tocco sempre i finestrini della mia macchina per “sentire” il caldo.

READ  Google collabora con 15 organizzazioni locali per raccontare la storia di Pittsburgh | Arte e intrattenimento | Pittsburgh

Hamburger a spicchi (hamburger vegetariano)

Tenendo presente che l’italiano non ha la lettera “W” nel suo alfabeto, anni fa, quando il veggie burger era nuovo, nostro nipote Michael stava facendo un barbecue il 4 luglio e decise di servire un veggie burger per i vegetariani/vegetariani in famiglia. La mamma ha annunciato che Michael stava mangiando un hamburger Widgy al barbecue! Abbiamo riso tutti! Gli hamburger vegetariani sono buoni, gli spicchi no!

Knee (impasto) (impastare l’impasto)

A mia madre piace solo lasciare la fine delle parole a volte.

Bingo (Bing – Ciliegia)

Agli italiani piace anche aggiungere una vocale alla fine delle parole inglesi.

Go-pay (Co-pay)

È vero che “co-pay” significa che devi pagare il medico.

figli dei fiori

Dato che ero un hippie alla fine degli anni ’60, mia madre (e la mia “gentilezza”) mi chiamava Yippie, non capendo che non ero un membro del Partito Internazionale della Gioventù, un movimento rivoluzionario controculturale radicale. Stava dicendo: “Questi sono Yuppies!!” Ma ero solo un hippie.

Puerto Viagra (Puerta Vallarta)

Mia madre doveva aver ascoltato spot pubblicitari sul Viagra o su come avrebbe saputo quella parola. Vallarta è difficile da dire, ma il Viagra no?

Quando abbiamo detto a mia madre che siamo andati a vedere “Legally Blond”, la mamma ha detto: “Oh, sì, ecco cos’era tuo padre”. Ma era legalmente cieco!

La prima volta che ho chiamato casa dopo essere stata via per un po’ alla Bowling Green State University e mia madre ha risposto al telefono, sono rimasta scioccata e, allo stesso tempo, felice di sentirla parlare inglese con un forte accento italiano. Non ne ho idea!

READ  Come il libro di Berkeley del professor Trump ha ispirato il film di Matt Damon

A partire dai settant’anni, Clara ha iniziato a mostrare segni di tremore essenziale, che purtroppo ha influito sulla sua voce. Guardando vecchi video quando era più giovane, ascoltiamo e ci meravigliamo del suo forte accento italiano e ci godiamo i vecchi tempi, quando ci insegnava preghiere e filastrocche e ci urlava contro nel suo inglese unico.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x