Croazia e Italia firmano un accordo di delimitazione della zona economica esclusiva

Foto: Patrick Masek/PIXSELL

Zagabria, 24 maggio 2022 – Croazia e Italia hanno firmato un accordo per delimitare i confini delle zone economiche esclusive, ha affermato martedì a Roma il ministro degli Esteri croato Gordan Grílic Radman, definendo il documento storico per le relazioni tra i due Paesi.

Parlando alla stampa dopo l’incontro con il ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio, ha affermato che la firma dell’accordo è stata una “pietra angolare” nelle relazioni italo-croate.

Grealich Radmann ha affermato che l’accordo definisce la linea di demarcazione delle zone economiche esclusive tra i due vicini amici e regola permanentemente la demarcazione con l’Italia in linea con il diritto internazionale.

Ha aggiunto che l’accordo ha confermato l’attuale linea di demarcazione della piattaforma continentale. Definendo questa linea, Croazia e Italia rafforzeranno la loro cooperazione nell’Adriatico, nell’Adriatico, il nostro comune patrimonio culturale, storico e geopolitico.

Ha affermato che i due paesi hanno una grande responsabilità nella protezione dell’ambiente marino e nell’uso sostenibile del mare e delle sue risorse naturali.

Ecco perché questo accordo è di importanza storica per le relazioni tra i due Paesi, ha affermato Grelich Radmann, “oltre che un modello nel contesto europeo”.

Ha affermato che la Croazia e l’Italia stanno sviluppando una cooperazione di buon vicinato nel nord dell’Adriatico anche con la Slovenia nell’ambito di un triumvirato istituito a Trieste nel dicembre 2020.

Di Maio ha detto che la firma dell’accordo ha segnato una nuova tappa nelle relazioni italo-croate che si sono rifocalizzate sull’Adriatico. Ha aggiunto che questo asse strategico è rafforzato dalla cooperazione tripartita con la Slovenia.

READ  L'Italia è diventata più importante per la sicurezza degli Stati Uniti. Ecco cinque motivi per cui.

Grelic Radmann è stato a Roma alla guida di una delegazione croata alla quinta riunione del Comitato di Coordinamento dei Ministri dei due Paesi, che ha portato alla firma di una dichiarazione congiunta che definisce le linee guida per tutte le aree importanti nel prossimo periodo.

“L’Italia è uno dei nostri partner economici più importanti”, ha detto, aggiungendo che lo scorso anno il commercio si è avvicinato ai 6 miliardi di euro, in crescita del 27%.

Negli ultimi anni, ha affermato, le “relazioni bilaterali” sono decollate, aggiungendo che esiste il potenziale per un ulteriore rafforzamento dei legami economici, in particolare nel campo delle tecnologie dell’informazione, della digitalizzazione, del settore alimentare e delle infrastrutture.

Nel febbraio 2021 il parlamento croato ha adottato una risoluzione che dichiara una zona economica esclusiva, cosa che è già stata fatta da tutti i paesi mediterranei tranne Grecia e Turchia a causa delle tensioni ai confini.

A quel tempo, è sorta la domanda sul perché la Croazia abbia fatto questo solo allora, e Grelic Radmann ha detto: “Abbiamo aspettato e parlato con i vicini per aumentare il livello di protezione del Mar Adriatico” e che l’Italia e la Croazia hanno incluso la Slovenia nel processo , anche se non dovevamo.

Prima della dichiarazione della zona economica esclusiva, la Croazia proteggeva il Mare Adriatico ai sensi della legge sulla protezione dell’ambiente e della pesca del 2003.

Per ulteriori informazioni, controlla la nostra sezione politica.

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x