Cuba: artista dissidente dimesso dall’ospedale dopo quattro settimane | Notizie di arte e cultura

Luis Manuel Otero Alcantara, leader del movimento di protesta di San Isidro, è stato ricoverato il 2 maggio dopo uno sciopero della fame.

L’autorità sanitaria pubblica dell’Avana ha detto oggi, lunedì, che l’artista dissidente cubano, che ha trascorso otto giorni in sciopero della fame, è stato dimesso dall’ospedale.

Luis Manuel Otero Alcantara, leader del movimento di protesta di San Isidro (MSI) di artisti e intellettuali che chiedono maggiore libertà di espressione, ha iniziato il mese scorso uno sciopero della fame per protestare contro il sequestro da parte delle autorità di molte delle sue opere.

È stato ricoverato in ospedale il 2 maggio, otto giorni dopo il suo sciopero della fame.

“Dopo un mese nelle mani del mostro, vedremo come stanno andando le cose per le strade per continuare la lotta”, ha detto Otero Alcantara in un video diffuso da Cubanet dai media dell’opposizione.

Ha detto che le forze di sicurezza dello Stato hanno sequestrato il suo cellulare e lo hanno lasciato “letteralmente per un mese senza contatto e senza contatto con la mia famiglia”. Aggiungendo che presto “narrerà di nuovo tutto ciò che è accaduto”.

L’Ospedale Universitario Generale Calixto Garcia dove era stato precedentemente curato ha dichiarato la sua “completa guarigione” e ha detto che Otero Alcantara “ha ribadito la sua gratitudine al personale che si è preso cura di lui in ogni occasione”.

Nei primi giorni della sua permanenza in ospedale, le autorità hanno rilasciato video di lui che appare in buona salute, ma quelli vicini a Otero Alcantara hanno detto di non essere in grado di comunicare con lui.

READ  Un tribunale ruandese condanna l'eroe di Hotel Rwanda in un caso di terrorismo

“Sono davvero felice ea mio agio”, ha detto l’amica e collega attivista di Otero Alcantara, Iris Ruiz, all’agenzia di stampa Reuters dopo il suo rilascio. “Almeno ora è a casa della sua famiglia”. “C’era molta incertezza prima.”

Amnesty International all’inizio di questo mese ha descritto Otero Alcantara come un “prigioniero di coscienza”, affermando che la sicurezza dello Stato sembrava essere sorvegliata e isolata dal mondo esterno nell’ospedale.

Il funzionario del Dipartimento di Stato americano, Julie Chung, ha espresso preoccupazione per le condizioni dell’attivista quando è stato portato in ospedale e ha esortato il governo cubano a “prendere provvedimenti immediati per proteggere la sua vita e salute”.

L’ambasciata Usa a Cuba ha anche detto all’epoca che Otero Alcantara, come tutti i cubani, “merita di essere trattato con dignità e rispetto”.

Dopo il suo arresto il mese scorso, è stato rilasciato, ma è stato nuovamente arrestato più volte per aver tentato di lasciare la sua casa, che era circondata dalla polizia.

Durante lo sciopero della fame, il suo servizio Internet è stato interrotto e la polizia ha impedito a persone, tra cui due sacerdoti, di visitare Otero Alcantara.

Giovani artisti hanno protestato fuori dalle porte del Ministero della Cultura dell’Avana a novembre contro gli arresti di artisti e attivisti [File: Ismael Francisco/AP Photo]

MSI ha affermato di essere stato portato in ospedale con la forza e che i rapporti medici ufficiali riguardanti le sue condizioni erano “confusi e contraddittori”.

In segno di solidarietà, la scorsa settimana quasi 20 artisti cubani hanno chiesto di nascondere alla vista le loro opere al Museo di Belle Arti dell’Avana. Il museo ha respinto la richiesta, dicendo che non era di “interesse pubblico”.

Il pittore Thomas Sanchez, 73 anni, ha scritto su Facebook: “L’arte cubana sta attraversando tempi difficili … la criminalizzazione della differenza non è e non sarà mai – un percorso verso la convivenza”.

READ  Gli Stati Uniti: le imminenti elezioni in Nicaragua hanno "perso ogni credibilità" Notizie elettorali

I membri del movimento San Isidro hanno organizzato una rara protesta davanti al Ministero della Cultura a novembre per protestare contro le restrizioni alla libertà di espressione e la detenzione di artisti e attivisti.

Da allora, le autorità hanno fatto ricorso ai media statali per denunciare i loro membri e alleati come istigatori che lavorano con gli Stati Uniti per destabilizzare il governo. Il gruppo ha negato le accuse.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x