David Seymour: fondatore di Magnum e fotografo per i diritti umani

David Seymour ha catturato con la sua macchina fotografica la difficile situazione dei bambini vittime della guerra. Anche le sue foto erano popolari. Il suo segno: Esprimere empatia.

La biografa di David Seymour, Carol Carpenter, osserva che “Shim era motivato dalla sua sensazione che i bambini fossero sempre le più grandi vittime delle guerre”. Seymour, che tutti chiamavano Chim, è stato uno dei fondatori della famosa agenzia fotografica Magnum.

Seymour lasciò la Polonia da ebreo nel 1932 e tornò dagli Stati Uniti nel 1948 per fotografare bambini e giovani nell’Europa devastata dopo la seconda guerra mondiale. Le sue fotografie li hanno evidenziati come vittime di guerre e conflitti.

Leggi anche: Il più alto premio artistico del Giappone assegnato al fotografo Sebastiao Salgado

“La sua fotografia, e in particolare il suo lavoro sui bambini per l’UNICEF, è stata rivoluzionaria”, ha detto Al-Najjar. Le sue immagini sensibili dei sopravvissuti alla guerra sono ancora in movimento fino ad oggi e hanno influenzato innumerevoli fotoreporter che hanno lavorato in aree di guerra e di crisi.

Un primo inizio nel documentare la sofferenza delle persone

All’inizio della guerra civile spagnola (1936-1939), Seymour ha scattato famose fotografie delle forze repubblicane che combattevano contro il dittatore fascista Francisco Franco. Come socialista, si schierò con le forze repubblicane nei suoi ritratti e ritrasse la popolazione civile sofferente. Era una moda.

All’epoca, Seymour, nato il 20 novembre 1911, aveva ancora il suo nome polacco, Dawid Szymin.

Dieci anni dopo, quando nel 1948 Shim accettò il comitato dell’UNICEF appena istituito per scattare fotografie per il progetto Children of Europe, era diventato a lungo un fotoreporter di successo. Inoltre, ha co-fondato l’agenzia di fama mondiale Magnum Photos nel 1947, con i suoi amici e colleghi Robert Capa, Henri Cartier-Bresson e Georges Rodger.

READ  Letture giornaliere nella tomba in onore di Dante 700 anni dopo la sua morte

“Sperava di attirare l’attenzione internazionale sulla difficile situazione dei bambini rimasti orfani e mutilati dalla guerra e che spesso soffrono di malnutrizione e malattie”, ha detto Al-Najjar. Invece della sua solita tariffa giornaliera di $ 100, all’epoca accettò una somma forfettaria di $ 2.600 per una missione dell’UNICEF che durò diversi mesi. Alla fine ha pubblicato 257 rullini di pellicola.

Con profonda sensibilità e simpatia, Shim ha fotografato bambini in Grecia, Italia, Austria, Polonia e Ungheria nell’estate del 1948.

Il fotografo, che ha ottenuto la cittadinanza statunitense nel 1942, da allora è conosciuto come David Robert Seymour.

Scattare foto nella Germania e in Francia del dopoguerra

Già nel 1947 ha fotografato la vita quotidiana dei bambini in Francia e Germania tra le rovine e i resti della seconda guerra mondiale.

Il libro illustrato dei bambini d’Europa è stato pubblicato nel 1949 e aveva lo scopo di documentare il lavoro delle Nazioni Unite e dell’UNICEF. Post-War Children’s Relief è stata fondata l’11 dicembre 1946 e celebra il suo 75° anniversario nel 2021.

“Shim è stato davvero il primo fotografo di diritti umani”, ha detto Carpenter, che ha scritto della vita e del lavoro di Seymour in libri e articoli. “Ha aperto la tradizione dei fotografi che lavorano con le organizzazioni per i diritti umani”.

Coloro che hanno seguito le orme di Shim includono i fotografi Magnum Bruce Davidson, Thomas Durzak, Martin Frank (che spesso ha lavorato con bambini e anziani), Paul Fusco, Susan Meisilas, Sebastião Salgado, Fazal Sheikh, Chris Steele-Perkins, Larry Towers e altri .

Seymour divenne vicepresidente di Magnum Photography nel 1948 e presidente di essa nel 1954, dopo la morte del cofondatore e presidente di Magnum Robert Capa in Vietnam.

READ  Water cooler: la magia della mozzarella fatta in casa

Shim era considerato un importante uomo d’affari e negoziatore, ma continuò anche a scattare foto da solo.

Torna in Europa

Nel 1950 Seymour si trasferì a Roma e sviluppò il suo nuovo stile di fotografia: attori, artisti e musicisti chiedevano che fosse fotografato. Secondo Al-Najjar, è stata la natura affidabile e sensibile del fotografo a trasformare questi scatti personali in dinamite.

“La specialità di Chem era scoprire le stelle prima che diventassero star”, ha detto Carpenter, “tra le quali Erin Pappas, Joan Collins, Gina Lollobrigida, Ingrid Bergman e innumerevoli altre”. Scatta foto di artisti del calibro di Sophia Loren, Pablo Picasso e Audrey Hepburn.

“Con le giovani stelline, Shem ha avuto il modo di diventare fidanzato e fidanzata e guadagnarsi la loro fiducia, in modo che i selfie riguardino più l’intimità e la spontaneità che la magia”, ha aggiunto Carpenter.

La famiglia Seymour: vittime dell’Olocausto in Polonia

Secondo il suo biografo, il trasferimento di Seymour a Roma nel 1950 fu un tentativo di prendere le distanze dalle esperienze degli anni precedenti.

Durante la seconda guerra mondiale, Seymour – allora soldato americano – era di stanza a Londra. Il suo compito era valutare fotografie e fotografie aeree di attacchi alleati contro la Germania nazista. Il lavoro dell’interprete fotografico fu importante anche nella preparazione dell’invasione alleata della Normandia del 6 giugno 1944, nota come “D-Day”.

Nato a Varsavia il 20 novembre 1911, Shim è tornato in Polonia nel 1948 per un progetto di fotografia europea per bambini. Lì, ha visto la devastazione nella sua terra natale e ha avuto una visione più chiara del fatto che i suoi genitori e gran parte della sua famiglia ebrea erano stati assassinati dai nazisti durante l’Olocausto.

READ  Trump usa 'Gloria' e Umberto Tozzi si arrabbia

Credere nell’umanità e nella misericordia

Così quando si trasferì in Italia nel 1950, disse che mirava a “reinventarsi”: “Io sono mediterraneo”, disse. Il falegname ha detto che sentiva che l’Italia e la Grecia erano le culle della civiltà, e amava essere circondati dalla storia.

Ha continuato il suo delicato lavoro fotografico, fotografando italiani con problemi di alfabetizzazione imparando a scrivere, ad esempio, e di ricostruire una scuola dopo la guerra civile in Grecia.

“Era anche pieno di umorismo e generosità… un uomo di profonde convinzioni politiche con profonda umanità e compassione e la sua influenza nel campo della fotografia è stata enorme”, ha detto Carol Carpenter, che sta pubblicando un nuovo libro su David Seymour alla fine 2021. Per quanto riguarda la sua autobiografia, ha notato che ha visto ogni stampa di contatto delle sue foto per comprendere appieno i metodi di lavoro di Shem, fino alla sua ultima foto durante la guerra di Suez.

Nell’estate del 1956, l’esercito egiziano guidato dal presidente Gamal Abdel Nasser occupò il Canale di Suez, un’importante via d’acqua internazionale. Francia, Gran Bretagna e Israele non lo accettarono e scoppiò la guerra di Suez contro l’Egitto.

Seymour si recò nella zona nel novembre 1956 per fotografare la crisi.

Poi, il 10 novembre, mentre Shem stava guidando verso un sito egiziano con il collega fotografo francese Jean Roy, l’auto è stata colpita. I due giornalisti sono stati uccisi da un proiettile mortale. David “Shim” Seymour aveva solo 44 anni.

Questo testo è stato modificato dal tedesco Luisa Schaefer.

Segui altre storie su Sito di social network Facebook & Twitter

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x