Decine di migliaia di persone stanno lasciando la Russia, anche con poche strade fuori dal Paese

Il giorno in cui l’esercito russo ha iniziato a lanciare attacchi in tutta l’Ucraina, Mikhail Greenberg e sua moglie Polina hanno appreso che dovevano andarsene. L’unica domanda era che dovrebbero andare subito a prendere i loro passaporti o hanno tempo per fare le valigie?

Acquistarono i biglietti per il giorno successivo, il 25 febbraio, riempirono alcune valigie e volarono da Mosca a Riga, la capitale della Lettonia.

“Voglio sicuramente un futuro migliore per la mia famiglia”, ha affermato Mikhail, 35 anni, che lavora come product manager presso la società tecnologica russa Yandex. “Ma evita anche quella sensazione di disgusto.”

Poche vie d’uscita dalla Russia

Mercoledì, Il presidente russo Vladimir Putin ha parlato di purificazione della società russa Dei “traditori” le cui menti sono allineate con l’Occidente, ma Decine di migliaia di persone che vivono in Russia hanno già scelto di andarsene.

Alcuni temono un ulteriore isolamento della Russia attraverso sanzioni economiche, che potrebbero portare a carenze di cibo e medicine, ma altri, come i Grinberg, affermano di non poter più permettersi di vivere nel paese.

Con lo spazio aereo europeo chiuso, attraversare i confini della Russia con Finlandia, Estonia e Lettonia è tra le uniche vie di uscita dal paese, a condizione che i viaggiatori abbiano i visti necessari.

Un gruppo di persone ha lasciato la Russia ed è entrato in Lettonia al valico di frontiera di Terehova, uno dei tre punti di passaggio tra i due paesi, mercoledì. Con lo spazio aereo europeo chiuso, attraversare i confini della Russia con Finlandia, Estonia e Lettonia è tra le uniche vie di uscita dal paese, a condizione che i viaggiatori abbiano i visti necessari. (Bryer Stewart/CBC)

La famiglia Greenberg si è recata in Lettonia, dove più di un terzo della popolazione parla russo come prima lingua, perché i parenti di Polina vivono in una comunità a nord-est di Riga.

Mikhail aveva già lasciato la Russia. Ha studiato inglese in Ucraina, la coppia ha vissuto in precedenza nel Regno Unito, dove è nato il figlio di due anni Leo.

Hanno deciso di tornare a Mosca perché a Mikhail è stato offerto il suo “lavoro dei sogni” per aiutare a progettare la piattaforma Yandex per l’apprendimento dell’inglese.

vergognarsi

Quando i Greenberg si sono svegliati e hanno appreso la notizia dell’invasione il 24 febbraio, volevano andarsene il prima possibile, ma anche dopo che se ne sono andati è seguito il senso di colpa.

Polina, 37 anni, è scoppiata in lacrime mentre parlava di non riuscire a dormire la notte mentre continua a filmare i bambini uccisi in Ucraina.

“È difficile per me mettere a fuoco perché tutto ciò a cui riesco a pensare sono quelle immagini che mi parlano direttamente”, ha detto.

Paulina Kreenberg tiene il figlio di due anni, Leo. La famiglia rimane con i parenti vicino a Riga mentre scoprono dove dovrebbero lavorare e vivere. Più di un terzo della popolazione lettone parla russo come prima lingua. (Alexei Sergeev/CBC)

Da studente in Russia, Mikhail ha spesso partecipato a proteste antigovernative, ma si è fermato quando è diventato troppo pericoloso.

“Non ho abbastanza coraggio per rischiare una pena detentiva di per sé, ma posso ancora fare certe cose”, ha detto. “Posso smettere di pagare le tasse in Russia”.

Mikhail dice che dovrà trovare un altro lavoro da qualche parte nell’UE e capisce che potrebbe affrontare un po’ di risentimento perché è russo.

Dice di aver iniziato a cercare lavoro sul sito di lavoro LinkedIn e di aver visto alcuni post di persone che scrivevano “Morte a tutti i russi”.

Tensioni in Lettonia

In Lettonia, dove c’è una grande popolazione russa, Il governo ha espulso tre dipendenti dell’ambasciata russa di venerdì. Il ministro degli Esteri lettone ha dichiarato su Twitter di essere stati espulsi “per attività incompatibili con il loro status diplomatico”, nonché per “la continua aggressione russa in Ucraina”.

Prima di quella che la Russia chiamava la sua “operazione militare speciale”, c’era già tensione in Lettonia tra la comunità lettone e quella russa.

Negli ultimi anni, ci sono state proteste da parte di gruppi russi contro i piani del governo di far insegnare in lettone tutte le scuole.

Il 25 febbraio, il giorno dopo l’invasione russa dell’Ucraina, un monumento a Riga che commemora la vittoria dell’esercito sovietico sulla Germania nella seconda guerra mondiale è stato dipinto di blu e giallo, i colori nazionali dell’Ucraina. (SPD/Facebook)

Ci sono state anche petizioni per rimuovere quello che è noto ufficiosamente come il “Monumento della Vittoria” a Riga, che celebra la vittoria dell’esercito sovietico sulla Germania nella seconda guerra mondiale. Il 25 febbraio, il monumento è stato vandalizzato con vernice blu e gialla, i colori nazionali dell’Ucraina.

Il giorno prima, lo era Il governo lettone ha smesso di rilasciare visti Schengen ai cittadini russi. I visti consentono loro di entrare in Lettonia e viaggiare attraverso 26 paesi europei. I russi ora non possono attraversare il confine lettone a meno che non abbiano già i documenti appropriati, ma i visti vengono rilasciati ai cittadini ucraini che vivono in Russia. La Russia è casa Per la più grande diaspora di ucraini Nel mondo.

Il governo fa quello che vuole.

Mercoledì, al valico di frontiera di Terehova nel sud-est della Lettonia, un flusso costante di persone che trasportavano bagagli e borse si trovava tra i checkpoint russi e lettoni, quando l’equipaggio di CBC News ha visitato. Sbarcati sul lato russo del confine, hanno attraversato la Lettonia.

Quasi tutte le persone contattate dalla CBC hanno detto che erano ucraine, incluso un gruppo di infermieri dalla Russia che erano in viaggio per l’Ucraina, dove avevano pianificato di dare una mano in un ospedale militare.

Halyna Poberezhna fa parte di un gruppo di cinque infermiere che hanno lasciato la Russia attraverso la Lettonia per recarsi in Ucraina per aiutare con i suoi ospedali. Vive e lavora a Mosca da 15 anni, ma dice di non voler mai più tornare in campagna. (Bryer Stewart/CBC)

Halina Popyrigna, 55 anni, che ha lavorato in un ospedale di Mosca negli ultimi 15 anni, dice che non ha intenzione di tornare.

“A causa di ciò che stanno facendo alla nostra gente, ora sono nemici da secoli”, ha detto Pobergna, che ha pagato un autista di minibus per venirla a prendere in Lettonia.

A centinaia di metri di distanza, la 73enne Lydia era accompagnata dal nipote di 12 anni, Igor Semenov, attraverso il controllo passaporti.

Igor Semenov, 12 anni, accompagna sua nonna, Lydia, verso la loro auto al confine di Terehova tra Russia e Lettonia. (Bryer Stewart/CBC)

È ucraina e vive in Russia da anni.

“La gente è arrabbiata”, ha detto. Ma il governo fa quello che vuole”.

Guarda | I russi che si oppongono all’invasione dell’Ucraina fuggono all’estero:

I russi contrari alla guerra fuggono all’estero

I russi scelgono di lasciare il loro paese per sentimenti di disgusto, senso di colpa e rabbia per la guerra in Ucraina. Irrita il presidente Vladimir Putin, che ha definito i russi contrari all’invasione “feccia” e “traditori”. 2:36

READ  Ecco chi potrebbe trascorrere un bianco Natale in Canada

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x