Diario del Fango Fantastic Fest – Giorno 6 e 7

Zelda Adams in HELLBENDERS.

Il tratto principale di Fantastic Fest può mettere alla prova i limiti della propria resistenza. Quanti film puoi davvero guardare in sei giorni? Hai davvero bisogno di ordinare di nuovo il flauto di pollo? Non dovresti andare a letto? Queste sono domande a cui possiamo rispondere solo per noi stessi, e nelle risposte impariamo chi siamo.

Il mio sesto giorno al Fantastic Fest è stato interrotto Un po’ di affari personali, un impegno di tre ore che era di sei anni nel prossimo futuro.

Tornati al festival, è il momento del secondo show segreto. Mentre Tim Legge faceva un appello appassionato per mantenere le nostre menti aperte all’idea del cinema basato sulla fede, un gruppo di suore arrabbiate lo frustava e lo trascinava fuori dal palco.

Poi lo schermo del teatro ha riempito il volto di Paul Verhoeven, che ha presentato il suo nuovo film Benedita, con Virginie Evera nei panni di una monaca del XVII secolo in Italia, che, dopo aver raggiunto la fama per le sue visioni religiose e le sue performance stigmatizzanti, viene processata per rapporti sessuali con un altro membro del monastero (Daphne Patakia).

Benedetta.jpg

Ma è arte? Verhoeven è ancora un provocatore a ottant’anni, il che mi sembra estenuante, ma il pubblico era qui per questo. Visioni di Cristo come un supereroe che brandisce una spada, taglia teste e arti e esce con una suora provocherebbero sicuramente un certo sdegno demografico se riconoscessero l’esistenza del film. Due suore che si portano a voce alta l’un l’altra all’orgasmo con il totem modificato della Vergine Maria probabilmente subiranno anche un po’ di stress, si potrebbe immaginare.

READ  Il conduttore televisivo italiano si scusa per i gesti imitatori degli asiatici

Famiglia Adams

famiglia Adams. (Foto di Jack Plunkett)

Il film è stato poi Hellbender, un’altra creazione horror personalizzata della famiglia Adams, che ci ha presentato Più scavi due anni fa. Ho adorato il loro film precedente in parte a causa della mancanza di riferimenti cinematografici. Mostra una sorta di salute mentale in cui nulla al di fuori sembra influenzare la loro visione. Hellbender Li trova ancora preservati dagli elementi esteriori del genere, ma questa storia, una sorta di popolare racconto horror madre-figlia su due “inferni”, descritto come “un misto tra una strega, un demone e un predatore all’apice”, si basa sulla dinamica del loro film precedente e si sente dolcemente in conversazione con lui. Zelda Adams e la sua mamma nella vita reale, Toby Poser, ancora una volta capitalizzano sulla loro relazione reale per arricchire i loro personaggi – un’influenza speciale che nessun artista VFX può emulare. Il padre/collaboratore John Adams ha un ruolo minore sullo schermo questa volta, ma il lavoro dietro la macchina da presa (e sulla colonna sonora) della famiglia sta crescendo in modo esponenziale, crescendo in ambizione e assertività. Meritano il loro successo, ma si spera che non ci sarà molto successo. È emozionante pensare alla famiglia Adams sulla loro montagna, lanciare nuove visioni fantastiche ogni due anni ed evolversi silenziosamente nei registi horror più singolari d’America.

Timekeepers_of_eternity_01_4web__large.jpg

Il settimo giorno del Fantastic Fest è stato per lo più freddo, ma l’equipaggio di Fango (unito dall’ex Meredith Borders) era entusiasta di dare un’occhiata allo spettacolo Kingcast di Guardiani dell’eternità, remix del 1995 Langlers. Il regista Aristotelis Maragkos ha stampato ogni fotogramma del film per la TV su carta, ha manipolato i fogli (inceppati, strappati, ecc.) e poi ha rimontato il film in un sogno febbrile in bianco e nero. È stato infinitamente avvincente e le domande e risposte dopo che Scott Wampler ed Eric Vespe di Kingcast hanno parlato su Zoom con Maragkos e l’attore Bronson Pinchot sono state deliziose.

READ  Brio Italian Grille, chiuso da marzo 2020, riapre con nuova proprietà

Il divertimento è continuato fino a notte fonda, ma non sono narcisista, quindi finiamo qui.

Successivo: La fine del festival.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x