Diarrea neonatale: un problema emergente negli allevamenti

Un maggiore grado di intensificazione ha contribuito all’aumento dell’incidenza di ND, causando significative perdite economiche (mortalità e impatto negativo sui parametri di prestazione) e un uso eccessivo di antimicrobici. La frequenza dei casi di ND nei paesi dell’UE è aumentata negli ultimi anni, colpendo sia gli allevamenti con stato sanitario tradizionale sia quelli con stato sanitario elevato dopo il reinsediamento. I costi stimati per gli allevamenti affetti da ND con una mortalità stimata del 10% a causa di malattie possono arrivare fino a € 134 per suino all’anno (Tabella 1). Insieme alla dissenteria suina, la ND è uno dei tipi più costosi di infezioni intestinali negli allevamenti di suini.

Patogeni del complesso della diarrea neonatale

Per definizione, la ND è caratterizzata da diarrea, solitamente accompagnata da mortalità, che si sviluppa durante la prima settimana di vita nei suini. L’incidenza e la gravità della ND possono essere influenzate da molti fattori e includono una serie di agenti patogeni tra cui ETEC (enterico Escherichia coli) tensioni batteri coli E il Clostridium perfringens I tipi A e C. ETEC responsabili di ND contengono adesivi e proteine ​​di superficie chiamate fimbrie, identificate come F4, F5, F6 e, in misura minore, F41. Le fimbrie consentono all’organismo di legarsi a recettori specifici sui bordi delle spazzole delle cellule dell’intestino tenue. La specie ETEC più diffusa con fimbrie F4 colonizza la lunghezza del digiuno e dell’ileo, causando diarrea.

C. perfringens Il tipo A (CpA) è stato riconosciuto in diversi studi come uno dei più importanti agenti patogeni che causano ND, quindi l’attenzione si concentra sul suo controllo efficace. La CpA è inclusa nei microrganismi intestinali dei suini e ceppi adeguatamente preparati sono in grado di causare malattie intestinali. L’infezione dei suini è caratterizzata da una lieve infiammazione della mucosa, talvolta con materiale necrotico aderente. Le lesioni microscopiche possono includere danni superficiali alle punte epiteliali dei villi nell’intestino tenue durante i primi giorni di vita. Altri agenti patogeni possono essere coinvolti nei casi di ND, insieme a fattori di gestione che contribuiscono.

READ  Americani, due russi tornano sulla Terra da una stazione spaziale

Il ruolo di C. perfringens A e tossine specifiche

Uno studio pubblicato di recente che utilizza campioni di un programma di sorveglianza in diversi paesi europei ha valutato l’incidenza di agenti patogeni nelle feci di suini con diarrea neonatale (ND) nel 2020. Nell’esame batteriologico di campioni di 116 colture, i batteri più frequentemente isolati sono stati i patogeni batteri coli (48,6%), seguito da C. perfringens (33,9%). scrivi file C. perfringens Gli isolati hanno rivelato che tutti ne fanno parte C. perfringens Digitare A (CPA). Il 90,6% di loro portava i geni che codificano per le tossine alfa e beta2, e quindi mostrava un’elevata capacità di virulenza. L’analisi di rilevamento semiquantitativo ha rivelato che il 79,4% di batteri coli Gli isolati si sono verificati a contenuto medio o alto e fino al 96,7% di essi C. perfringens isolati, suggerendo il loro ruolo nel causare diarrea. Nei suini giovani, la CpA provoca un’ampia enteropatia post-riproduttiva, che a volte è associata all’adesione del Clostridium alla mucosa intestinale. Tutti i ceppi CpA producono la tossina essenziale CPA (tossina alfa) in quantità variabili. La tossina beta-2 è un’altra importante tossina prodotta dai ceppi di CpA che causano diarrea nei suinetti. Diversi autori suggeriscono che la tossina Beta2 svolga un ruolo nel causare infezioni intestinali nei suini, ma anche in altre specie animali. Il rilevamento genico e la presenza del gene della tossina beta2 vengono utilizzati per diagnosticare e caratterizzare i ceppi che causano diarrea nei suinetti e sono stati proposti come marker di patogenicità.

Il ruolo della tossina beta 2

La maggior parte degli isolati di CpA da casi clinici contengono il gene della tossina Beta2, che ne indica il ruolo nella patogenesi della ND nei suini. Nelle indagini dell’autore in cui tutti gli isolati sono stati raccolti da casi clinici di ND durante l’identificazione dei candidati alla vaccinazione, il 94,2% di C. perfringens I ceppi esaminati appartenevano al tipo A e l’87,9% degli isolati era positivo per il gene della tossina beta 2 (cpb2). I ceppi con formazione di tossina alfa bassa o moderata spesso mostrano una significativa formazione di tossina beta2. in laboratorio. Si suggerisce che vi sia un effetto sinergico di entrambe le tossine basato sul miglioramento dell’assunzione di alfa tossina da parte della tossina-2 con l’effetto negativo sulla mucosa intestinale e sulla sua integrità. Allo stesso tempo, negli esperimenti di avvelenamento, è stato dimostrato che i semi immunizzati formano anticorpi contro entrambe le tossine – α e 2 – che vengono trasmesse alla loro prole attraverso il colostro e svolgono un ruolo protettivo. Ciò è stato dimostrato durante la registrazione di un nuovo vaccino contro ND contenente sette diversi antigeni, inclusi i tossoidi alfa e beta2 (Enteroporc Coli AC, Ceva Santé Animale, Francia).

READ  Hubble cattura una vista straordinaria di un ammasso globulare

Figura 1 – Ruolo dominante degli isolati CpA positivi per Beta2 La tossina è un caso clinico di ND. Numero di isolati e percentuale con e senza gene della tossina-2 su un totale di 117 isolati per paese di origine. Il numero di isolati per ogni paese è tra parentesi.

Efficacia della vaccinazione CpA in condizioni di campo

Lo scopo di questo studio era di testare l’efficacia di C. perfringens Ingredienti certificati di tipo A (CpA). C. perfringens Vaccino tossoide di tipo A/C (Enteroporc AC) in condizioni di campo. durante il processo (figura 2), i suinetti di 16 suinetti inoculati e 18 suinetti di controllo sono stati seguiti fino a 26 giorni di età. La vaccinazione sul campo ha aumentato gli anticorpi contro le tossine alfa e beta2 nel siero e nel colostro e ha comportato una diminuzione significativa (p <0,05) dell'incidenza di diarrea: un totale del 38,7% dei suinetti (84/217) dei suini vaccinati con diarrea rispetto a 62,6% dei suinetti Piccoli (161/257) dei fluidi di controllo. L'efficacia e la protezione indotte dal vaccino in condizioni di campo sono state dimostrate in caso di infezione da CpA, non complicata da altri agenti patogeni coinvolti nella ND.

Figura 2 – Significativa riduzione del tasso di diarrea nelle vaccinazioni Maiali rispetto al controllo.

Foto: 3

conclusione

Cpb2 positivo C. perfringens I ceppi di tipo A si trovano comunemente nei suinetti con diarrea e svolgono un ruolo importante nei casi di ND. Sulla base dell’analisi in vitro incentrata sulla quantificazione dei patogeni, il 96,7% di C. perfringens Gli isolati di tipo A crescono a tassi moderati o alti, indicando il loro ruolo nei casi clinici presentati per la diagnosi.
uso commerciale C. perfringens Un vaccino di tipo A con entrambe le tossine ha portato alla formazione di anticorpi contro le tossine alfa e beta nel colostro, che proteggono i suini dagli effetti delle tossine di cui sopra e confermano il ruolo della vaccinazione contro i patogeni e il composto ND. I programmi di medicina preventiva dovrebbero concentrarsi sulla protezione dei suini prima dello svezzamento, compresa la vaccinazione dei suini portatori per indurre il trasferimento passivo di anticorpi e l’immunità cellulare ai suini attraverso il colostro.

I riferimenti sono disponibili se richiesti.

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x