Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti: il G7 può sostenere il 15% più l’imposta minima globale | Notizie di economia e commercio

È un passo verso un accordo globale tanto atteso su come tassare le più grandi multinazionali e società di servizi digitali.

Il vice segretario al Tesoro degli Stati Uniti, Wally Adimo, ha affermato di aspettarsi un forte sostegno dalle sue controparti del G7 per la proposta di imposta globale sulle società del 15%, oltre all’aliquota fiscale minima globale per le società, che dovrebbe aiutare a rafforzare il sostegno del Congresso degli Stati Uniti per la legislazione fiscale nazionale sulle società.

“La mia sensazione è che vedrete molto sostegno unito tra il G7 mentre avanza”, ha detto Adimeo a Reuters lunedì dopo che Francia, Germania, Italia e Giappone hanno espresso commenti positivi sulla proposta del Tesoro.

Adimeo ha detto che questo sostegno potrebbe essere espresso in una riunione personale dei ministri delle finanze del G7 a Londra il 4-5 giugno.

L’ottimismo su un accordo globale tanto atteso su come tassare le più grandi multinazionali e le società di servizi digitali è aumentato da quando il Dipartimento del Tesoro ha dichiarato la scorsa settimana che avrebbe accettato un’aliquota fiscale globale inferiore del 15% o superiore.

L’aliquota è ben al di sotto dell’aliquota inferiore del 21% proposta dall’amministrazione Biden per i redditi delle società statunitensi all’estero e dell’aliquota dell’imposta sulle società proposta dal 28%.

Il Financial Times ha riferito giovedì che le nazioni del G7 sono vicine al raggiungimento di un accordo sulla tassazione delle società multinazionali. Mentre sono in corso colloqui tra quasi 140 paesi attraverso l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), i paesi del G7 – Stati Uniti, Giappone, Germania, Gran Bretagna, Francia, Italia e Canada – hanno una forte influenza sulle decisioni multilaterali.

READ  Mamma mia! L'Italia è la 'madre' di tutte le riforme economiche | Affari ed economia

La Gran Bretagna, presidente del Gruppo dei Sette, che attualmente impone un’aliquota dell’imposta sulle società del 19%, ha reagito in modo più prudente. Alla domanda se la Gran Bretagna sosterrebbe la proposta di Washington con un minimo del 15%, il primo ministro Boris Johnson ha spostato l’attenzione sulla tassazione delle grandi società tecnologiche come Alphabet Inc e Facebook Inc.

“Il raggiungimento di un accordo internazionale su come tassare le grandi aziende digitali è una priorità e accogliamo con favore il rinnovato impegno degli Stati Uniti nel trovare una soluzione”, ha affermato Johnson.

La proposta di tassazione minima globale negli Stati Uniti dovrebbe essere un argomento di discussione importante in un ipotetico incontro premier dei leader finanziari del G7 venerdì.

Riparazione necessaria

Ademu, che è coinvolto nei colloqui fiscali presso l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, ha affermato di aspettarsi un ampio impegno internazionale del 15% o più per creare sostegno al Congresso per aumentare le tasse sulle società statunitensi riducendo il divario tra le aliquote statunitensi ed esterne .

Nel 2017, l’amministrazione Trump ei repubblicani al Congresso hanno abbassato l’aliquota dell’imposta sulle società statunitensi al 21% e fissato un’aliquota fiscale minima sul reddito esterno da fonti immateriali al 10,5%. Gruppi di imprese, compresa la Camera di commercio americana, si sono opposti a qualsiasi aumento delle aliquote fiscali statunitensi, sostenendo che ciò metterebbe le società americane in una posizione di svantaggio.

Ademo ha affermato che l’imposizione di tasse più elevate negli Stati Uniti fornirebbe incentivi per altri paesi a spostarsi verso l’aliquota statunitense.

“Se riusciamo a convincere il mondo che sono disposti a fare almeno il 15 per cento, questo ci dà la possibilità di tornare alla conversazione internazionale una volta che il lavoro locale è finito”.

READ  ETERNA Maglioni Spring Report di tendenza 2022: un nuovo focus

Il presidente della commissione per le finanze del senato Ron Wyden si è detto incoraggiato dai progressi del Tesoro nei negoziati.

“Un accordo globale potrebbe supportare le riforme necessarie delle leggi fiscali statunitensi, assicurando che le nostre multinazionali siano incentivate a investire negli Stati Uniti e pagare la loro giusta quota”, ha detto Wyden.

I negoziatori nei colloqui fiscali presso l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico miravano a un accordo in linea di principio quest’estate.

Adimeo ha affermato che quando i leader finanziari del G20 si incontreranno a Venezia a luglio, dovrebbe esserci un buon senso di unità attorno a una struttura fiscale globale più bassa. Ha aggiunto che ci sarebbero molti dettagli tecnici del lavoro, quindi potrebbe essere necessario attendere che i leader del G20 si incontrino a Roma alla fine di ottobre.

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x