DNV prevede nove volte la domanda nello spazio oceanico entro il 2050 – reNews

Si prevede che la crescita dell’energia eolica offshore aumenterà di nove volte la domanda di aree oceaniche entro il 2050, secondo un nuovo rapporto pubblicato oggi dall’ente di certificazione DNV.

il Il futuro dell’oceano fino al 2050 Il rapporto prevede che i venti offshore richiederanno un’area oceanica delle dimensioni della massa continentale italiana entro la metà del secolo.

Il rapporto prevede che questa crescita sia particolarmente pronunciata nelle regioni con lunghe coste che attualmente hanno una bassa penetrazione dei venti offshore, come il Nord America e il subcontinente indiano.

DNV prevede che la domanda di spazio cresca rispettivamente di 50 e 30 volte in queste due regioni.

Il rapporto rileva che la crescita della domanda di eolico offshore porterà a cambiamenti nella cosiddetta economia blu.

DNV riferisce che petrolio e gas rappresentano attualmente circa l’80% di tutta la spesa in conto capitale nell’economia blu, ma questo potrebbe scendere al 25% della spesa entro il 2050.

Al contrario, si prevede che gli investimenti nelle attività eoliche offshore aumenteranno in modo significativo e entro tale data rappresenteranno la metà delle spese in conto capitale totali.

I risultati di DNV fanno parte di una previsione più ampia e completa dell’economia blu, che copre aree diverse come il cibo, l’energia, i trasporti marittimi, la desalinizzazione del turismo e la pianificazione territoriale.

Il Presidente e CEO del Gruppo DNV Remi Eriksen (nel quadro) Egli ha detto: “L’economia blu sta entrando in un periodo di diversificazione settoriale e geografica.

“Attualmente, le aree che beneficiano maggiormente dell’oceano dal punto di vista economico sono quelle che hanno accesso ai giacimenti di petrolio e gas al largo delle loro coste.

READ  Draghi accetta di provare a formare il governo italiano - Politico

“Ma poiché il mondo è decarbonizzato e la necessità di energia rinnovabile cresce, i paesi che non sono in grado di far parte dell’era dei combustibili fossili possono far parte dell’era del vento”.

Il rapporto aggiunge che l’economia blu sarà più focalizzata sull’Asia di quanto non lo sia oggi, con la Grande Cina destinata a rappresentare più di un quarto delle spese in conto capitale entro il 2050 mentre costruisce acquacoltura eolica e marina offshore.

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x