Domenico Procacci debutta con la serie di documentari sul tennis ‘The Team’

Il produttore italiano Domenico Procacci, dopo aver sponsorizzato più di 100 film e diverse serie TV, tra cui un adattamento dell’imminente Netflix Elena Ferrante intitolato “The Lying Life of Adults” tramite il panel di Fandango, farà il suo debutto alla regia con la serie di documentari in sei puntate The Squadra. ” vario Parla con Procacci esclusivamente di ciò che lo ha spinto a mettersi dietro la macchina da presa per quella che dice essere solo un’esperienza unica come regista, debuttando con la versione sottotitolata in inglese del trailer qui sopra.

Il progetto è una ricostruzione approfondita delle complesse – e talvolta comice – dinamiche dietro la squadra italiana di tennis che ha vinto la Coppa Davis 1976 e ha raggiunto la finale di quella coppa altre tre volte tra il 1976 e il 1980.

In “The Team”, che si presenta come un work in progress al Torino Film Festival, i protagonisti del gioco sono i giocatori della squadra, Adriano Banata, Corrado Barazzotti, Paolo Bertolucci, Tonino Zugarelli, e il capitano della squadra , la leggenda del tennis italiano Nicola Pitrangelli. È una storia Amicizia, scontri, grandi sconfitte e vittorie, ma anche uno sguardo approfondito al tennis professionistico degli anni ’70 e alla società italiana in un momento in cui tennis e politica si incrociavano, come avvenne quando l’Italia sconfisse il Cile per vincere il titolo.

Per “The Team”, che viene venduto da Fandango Sales e acquisito da Sky per l’Italia, Procacci ha anche intervistato diversi professionisti del tennis internazionale negli anni ’70, come il cileno Jaime Fillol, e prevede di intervistare altri grandi nomi tra cui Bjorn Borg, Eli Nastase, e Australia John Alexander e Tony Roach, che amplieranno la portata internazionale della serie.

READ  La vendita degli studi francesi "Emilie in Paris" a Tarek Ben Ammar

Nel frattempo, la squadra italiana di Coppa Davis 1976 e il suo capitano parteciperanno domenica alla prima della squadra in corso di Torino, proprio mentre Torino ospiterà anche le finali ATP e i tornei di Coppa Davis 2021.

Seguono estratti da una conversazione con Procacci:

Cosa ti ha spinto a dirigere dopo aver prodotto più di 100 film? So che ami il tennis.

Sì davvero. Ho conosciuto molti membri di questa squadra perché amo il tennis e amo guardare i tornei dal vivo. A bordo campo ho incontrato Banata e Barazzotti, e mi sono incuriosito molto. Dicono sempre: “È meglio non incontrare le tue icone” e la mia generazione è cresciuta con la leggenda di questa squadra. Ma, invece, quando li ho incontrati il ​​mio apprezzamento per loro è cresciuto; Sono diventati più umani. Ho pensato che sarebbe stato davvero bello raccontare le loro storie e come gli alti e bassi di questa squadra sono stati su un arco che attraversa gli anni ’70.

La narrazione presenta un rapido contrappunto tra i protagonisti, che è davvero divertente. È così che hai sempre immaginato la storia?

Sì davvero. maSii completamente onesto, quello che hai fatto non è davvero direttivo. Non è come dirigere un film. Ho conosciuto i personaggi. Avevo un’idea di come intrecciare i romanzi e abbiamo seguito quella strada. Ma molto è stato fatto nell’editing [done by Giogiò Franchini (“The Consequences of Love”)] Utilizzando l’abbondante materiale d’archivio che siamo stati in grado di raccogliere. Tuttavia, quando sono state condotte le interviste Direi a ciascuno di loro quello che hanno detto gli altri membri del team, o quello che è stato detto nei libri. Ciò ha contribuito a fornire molteplici prospettive che a volte sono molto divertenti. È infatti, nel suo nucleo, una commedia all’italiana. I quattro attori sono principalmente archetipi comici italiani: Banata è Vittorio Jasman. Bertolucci è Ugo Tognazzi. Zugarelli è Nino Manfredi e Barazzutti è Stefano Satta Flores.

READ  Rashford e Saca furono esclusi dalla prossima partita dell'Inghilterra contro Albania e Polonia

Poi c’è l’aspetto politico in quanto nel 1976 c’era molta opposizione di sinistra verso l’Italia che giocava la finale in Cile, che all’epoca era governata da Augusto Pinochet e dalla sua brutale dittatura.

Sì, certo che è Molto interessante perché c’è un aspetto che ha a che fare con l’ingerenza della politica nello sport. Ma ho anche imparato che non potevo concentrarmi su tutto e che doveva avere un arco più ampio. Ho pensato che con un arco più ampio, la serie potesse diventare un prisma in cui rappresentare il gioco del tennis e anche gli aspetti sociali e politici dell’Italia di quegli anni.

Cosa resta da fare?

Poche interviste aggiuntive e più editing con materiale d’archivio. Penso che sarà completato intorno a marzo e suonerà su Sky in Italia a maggio.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x