Dominion fa causa alle agenzie di stampa statunitensi per accuse di elezioni conservatrici | Notizie di economia e commercio

La società di macchine per il voto Dominion ha citato in giudizio i media conservatori One America News Network e Newsmax Media, nonché l’ex CEO di Overstock.com, per diffamazione in relazione alle elezioni presidenziali statunitensi del 2020.

L’offerta fallita dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump per la Casa Bianca nel 2020 e le sue affermazioni infondate di aver perso la corsa a causa di brogli elettorali continuano a gettare un’ombra legale sulla nazione.

Martedì, Dominion Voting Systems Corp., uno dei maggiori produttori di macchine per il voto negli Stati Uniti, ha intentato una causa contro i media conservatori statunitensi One America News Network e Newsmax Media Inc, nonché l’ex CEO di Overstock.com. in relazione alle elezioni elezioni presidenziali del 2020.

Dominion sostiene che due testate giornalistiche di destra e Patrick Byrne, fondatore ed ex CEO di Overstock.com, abbiano diffamato la società affermando falsamente di aver truccato le elezioni contro Trump spostando i voti al presidente Joe Biden.

Dominion chiede più di 1,6 miliardi di dollari di danni da tre diverse cause legali, relative a mancati profitti e altri danni.

Le cause sono l’ultima azione legale di Dominion con sede a Denver in relazione alla corsa presidenziale del 2020. La società ha anche intentato cause per diffamazione contro la conservatrice Fox News, così come Mike Lindell, CEO di MyPillow Inc, l’ex avvocato di Trump Rudy Giuliani e l’ex manager della campagna di Trump Sydney Powell.

Le testate giornalistiche e le persone citate dal Dominion per diffamazione hanno invocato i diritti del Primo Emendamento alla libertà di parola in loro difesa.

In una dichiarazione riportata da Reuters, Newsmax ha dichiarato: “Sebbene Newsmax non abbia esaminato il dossier Dominion, nella sua copertura delle elezioni presidenziali del 2020, Newsmax ha semplicemente riportato accuse fatte da personaggi pubblici ben noti, tra cui il presidente e i suoi consiglieri. E membri del Congresso – Il lavoro di Dominion is Today è un apparente tentativo di soffocare tali rapporti e minare la libertà di stampa”.

READ  Il programma nucleare iraniano e la pressione per il processo di pace in Afghanistan e Siria: con Joe Biden, ferma la strategia di disimpegno in Medio Oriente

I rappresentanti legali di Fox News hanno affermato in una causa a maggio che le agenzie di stampa “dovrebbero essere in grado di riportare su entrambi i lati una storia che include accuse che colpiscono il cuore della nostra democrazia”.

Ad aprile, Newsmax si è scusata con l’allora dipendente del Dominion Eric Comer per aver affermato senza prove di aver falsificato individualmente il conteggio dei voti contro Trump. Comer ha quindi ritirato Newsmax dalla sua causa per diffamazione.

Sebbene i funzionari statali e federali non abbiano trovato prove di frode elettorale, Trump continua a sostenere falsamente che le elezioni gli sono state rubate.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x