Dopo 5 giorni ad Haiti devastata dal terremoto, un’infermiera dell’Ontario torna a casa e condivide ciò a cui ha assistito

Attenzione: il video contiene immagini grafiche.

Un’infermiera di Amherstburg, Ontario, che recentemente è tornata in Canada dopo cinque giorni intensi di aiuto alle persone ad Haiti devastata dal terremoto, ha affermato che le ferite sono state atroci se non peggiori dell’ultimo grande terremoto che ha colpito la nazione caraibica più di un decennio fa .

Carolyn Davis, volontaria e membro del consiglio di amministrazione del Canadian Medical Assistance Teams (CMAT), un’organizzazione di soccorso in caso di catastrofe con sede a Toronto, si trovava a Les Cay, tra le città più colpite della nazione caraibica.

“Le lesioni sono grandi”, ha detto Davis. “Così tante fratture pelviche. Non abbiamo mai avuto così tante doppie fratture pelviche”.

Il terremoto di magnitudo 7.2 nel sud-ovest di Haiti il ​​14 agosto ha ucciso più di 2.200 persone, ferito 12.268 e distrutto quasi 53.000 case.

“Abbiamo saputo che il terremoto è avvenuto alle 8:30. All’una di notte il nostro consiglio si è riunito e ha deciso di pubblicarlo. Erano trascorse cinque ore dal terremoto. Abbiamo organizzato un aereo per portarci qui”.

La squadra è arrivata a Les Cayes 48 ore dopo.

CMAT collabora con HERO

In qualità di organizzazione non governativa, CMAT fornisce aiuti umanitari di emergenza ai paesi colpiti da disastri naturali e provocati dall’uomo. Davis e i volontari sono invitati a collaborare con la Haitian Emergency Recovery Organization (HERO), che coordina ambulanze di emergenza, aerei ed elicotteri.

Davis forniva cure primarie ai pazienti a casa attraverso il Community Care Access Center (CCAC) ad Amherstburg, ma è andato in pensione. Sono un’infermiera volontaria al CMAT dal 2005. Circa 10 anni fa, sono diventata membro del consiglio di amministrazione dell’organizzazione.

READ  Pelosi presenta una risoluzione che istituisce un comitato ristretto per indagare sull'ammutinamento del Campidoglio
Carolyn Davies, un’infermiera di Amherstburg, Ontario, con un paziente che si è rotto entrambe le gambe nel terremoto all’inizio di questo mese. Davis è un volontario e membro del team del Canadian Medical Assistance Teams (CMAT), un’organizzazione di soccorso in caso di catastrofe. (Fornito da Carolyn Davis)

Il suo lavoro con CMAT si è diversificato, dalla diffusione in Pakistan al Nepal e ad Haiti. Nel gennaio 2010, il terremoto di magnitudo 7.0 che ha colpito Haiti ha ucciso più di 200.000 persone e ne ha ferite almeno 300.000.

“Non sembra che ci siano molti danni agli edifici [in 2021] Come abbiamo visto nel 2010 quando eravamo qui, ma ce n’era abbastanza”.

“Ma le lesioni stesse, dico, sono state gravi o peggiori come abbiamo visto nel 2010”.

Valeria Rzybka, direttrice esecutiva del CMAT, sta valutando il trasporto di un paziente a Les Cayes, una delle zone più colpite di Haiti dal terremoto del 14 agosto. (Fornito da Carolyn Davis)

A Les Cayes, Davis e il suo team erano basati fuori dall’Ofatma Hospital, dove erano responsabili della valutazione dei pazienti e del loro trasporto in un ospedale di Port-au-Prince in elicottero. Secondo Davies, nei suoi cinque giorni ad Haiti sono avvenuti dai 40 ai 55 trasferimenti.

“In questo momento, i letti e le provviste sono pieni – gli scaffali sono vuoti”, ha detto Davies. “Stiamo davvero cercando di integrarlo con le nostre donazioni a loro”.

Attrezzature, forniture e finanziamenti necessari

CMAT ha anche aiutato a risparmiare denaro e donazioni.

Giovedì, forniture mediche per un valore di $ 50.000, inclusi ventilatori, lenzuola, unità endovenose (IV) e antibiotici, sono state trasportate a Les Cayes dopo essere state donate da una varietà di cliniche e ospedali canadesi e statunitensi.

Un altro aereo carico di forniture mediche partirà da Toronto per Haiti lunedì (23 agosto).

Davis, il terzo da sinistra, posa con l’equipaggio CMAT poco prima di lasciare Haiti cinque giorni dopo aver fornito assistenza di soccorso. (Fornito da Carolyn Davis)

Il personale sta facendo del suo meglio, ha detto Davis, ma ha bisogno di più attrezzature e forniture mediche.

CMAT ha raccolto circa $ 4.500 in donazioni in contanti e l’organizzazione ne accetta di più. Si possono fare donazioni a cmat.ca.

Ascolta | Ascolta di più dall’infermiera volontaria Carolyn Davies sulla sua esperienza ad Haiti:

Mattina Windsor9:32Un’infermiera ad Haiti

Riceviamo un aggiornamento sulla situazione ad Haiti. Caroline Davis è un’infermiera di Amherstburg. È stata nel paese ad aiutare dal terremoto. 9:32

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x