Dopo Bajrang e Vinesh, potrebbero Ravi Dahiya e Deepak Punya essere i cavalli neri dell’India alle Olimpiadi?

Un cavallo nero, a cui non aveva mai pensato prima, si precipitò sulla pista con una travolgente vittoria…

La storia dell’India alle Olimpiadi, che risale a più di 100 anni fa, ha molti resoconti duraturi di cavalli neri che hanno avuto successo contro ogni previsione e hanno colto di sorpresa l’intera nazione. Di recente, alle Olimpiadi di Rio 2016, le due medaglie indiane sono state vinte da individui su cui l’India probabilmente non riponeva le sue speranze.

A 21 anni, Sindhu ha mostrato al mondo che la sua era stava per iniziare quando ha vinto la medaglia d’argento, mentre Sakshi Malik è diventata la prima wrestler indiana a vincere una medaglia olimpica con una medaglia di bronzo.
Il wrestling indiano si trova in un’era interessante prima delle Olimpiadi di Tokyo. Un totale di sette lottatori qualificati per i giochi (in precedenza, c’erano otto lottatori prima che Sumit Malik fosse sospeso per doping), di cui quattro erano indiani con rating. Chiunque segua il wrestling conosce il coraggio dei più grandi contendenti alle medaglie dell’India alle Olimpiadi. Le superpotenze indiane Bajrang Punya e Finch Phogat sono al secondo e primo posto nelle rispettive categorie di competizioni maschili e femminili.
Al di là di Bajrang e Vinesh, che hanno aggiunto diverse piume ai loro cappelli, c’è l’elenco dei wrestler capaci, il cui potenziale e le cui realizzazioni rimangono spesso meno scambiate nella confraternita. Due di questi nomi includono il wrestler Deepak Bunya e Ravi Dahiya.

Deepak e Ravi, rispettivamente di 22 e 23 anni, hanno dimostrato la loro capacità di ottenere un vantaggio nella competizione di wrestling più rispettata al mondo. Dagli umili inizi fino a diventare una potenza formidabile, l’India ha visto emergere due personalità di livello mondiale nel pool di talenti del wrestling che negli ultimi quattro anni sono stati in bilico sul tappeto per la sacra quota olimpica.

Deepak Bunya ha iniziato a seguire le orme di suo nonno e suo padre e ha iniziato a lottare negli akhara locali per guadagnare qualche soldo extra. Nel 2015, Deepak è stato trasferito allo stadio Chhatrasal di Delhi, dove può ricevere una formazione formale. Fu allora che la sua maturità e il suo coraggio furono messi alla prova. Ha iniziato a praticare questo sport e ha fatto un ingresso straordinario sulla scena internazionale vincendo i Campionati mondiali di wrestling cadetti 2016 a Tbilisi, in Georgia. Tuttavia, il suo vero potenziale è stato rivelato nel 2019 quando ha battuto tutti gli altri wrestler sulla strada per vincere la medaglia d’oro alla Junior World Wrestling, il primo wrestler indiano in 18 anni a raggiungere l’impresa.
Tuttavia, il tirocinante sotto la due volte medaglia olimpica Sushil Kumar era affamato di fare più passi. Nello stesso anno partecipa ai campionati mondiali per adulti a Nur-Sultan, in Kazakistan. Ha affrontato un pareggio relativamente più facile nella competizione 86kg ed è arrivato in finale. Un infortunio alla gamba ha privato le sue possibilità di vincere l’oro e ha dovuto accontentarsi dell’argento. Il “Giovane lottatore dell’anno” è tornato indignato e incapace di combattere il campione del mondo Hassan Yazdani.

Deepak, seconda testa di serie nella categoria 86kg, si prepara da tempo a realizzare i suoi sogni olimpici. Durante il blocco, si è trasferito ad Akhara a Narila per continuare la sua formazione.

READ  Quanto è complicato rilanciare la Juve. Tre casi devono essere risolti prima di considerare nuovi acquisti
Sebbene Deepak sia stato fortunato ad evitare forti concorrenti nella sua classe di peso in passato, può offrire sorprese ai giochi. Sulla base delle sue valutazioni, Deepak potrebbe affrontare una dura sfida dal campione del mondo 2018 dagli Stati Uniti, David Taylor, dal giapponese Susuke Takatani e dal russo Artur Naifonov. Se riesce a raggiungere le semifinali, potrebbe affrontare il sammarinese Miles Amin, che può essere battuto per Deepak. Tuttavia, presumeva di essere riuscito in qualche modo a superare la piscina delle semifinali. In questo caso, la resa dei conti finale sarà contro il suo rivale Yazdani, medaglia d’oro a Rio 2016 con l’oro a 74kg, considerato anche il miglior wrestler freestyle iraniano mai prodotto. Con le permutazioni e le combinazioni fatte, Deepak sembra ancora un buon contendente sulla carta e ha la possibilità di ottenere una medaglia d’argento dai Giochi di Tokyo.
Ravi Dahiya, che ha vinto la medaglia d’oro ai Campionati asiatici di wrestling del 2021 ad Almaty, in Uzbekistan, non vede l’ora che arrivino le prossime partite a Tokyo. Ravi ha iniziato a lottare all’età di undici anni, quando ha visto Sushil Kumar vincere per la prima volta la medaglia olimpica nel 2008. Da allora, sogna di emulare i successi del suo idolo. Fin dall’inizio, è stato guidato da Satal Singh, l’allenatore che ha allenato Sushil.

Ha visto una crescita costante durante la sua carriera, rendendolo una forza calcolatrice nella classe 57kg alle Olimpiadi di Tokyo. Nel 2015, Ravi ha fatto irruzione nel ring internazionale quando ha vinto la medaglia d’argento ai Campionati del Mondo Junior.

Nel 2017, ha subito un infortunio al ginocchio durante i Senior Nationals. È stato selezionato per esibirsi nelle semifinali della competizione. A causa del suo infortunio, Ravi non aveva sponsor e alla fine ha dovuto ricorrere ai suoi sostenitori per riprendersi dall’infortunio. Ma presto si è ripreso e ha fatto una grande rimonta. L’anno successivo vince la medaglia d’argento ai Mondiali Under 23 di Bucarest in Romania

Tuttavia, il più grande momento del 23enne wrestler di Sonepat è arrivato nell’ottobre 2019 quando ha vinto una medaglia di bronzo ai Campionati del mondo senior e, nel frattempo, ha anche guadagnato una quota olimpica nella classe 57 kg maschile.

Ravi ha fatto un fantastico ritorno al wrestling internazionale dopo una pausa a causa del blocco e ha mantenuto il titolo del campionato asiatico nel 2021. Il wrestler diretto a Tokyo ha anche portato a casa una medaglia d’argento a Varsavia nella categoria 61 kg al Poland Open, l’ultimo evento in la serie di classificazione prima delle Olimpiadi di Tokyo.

Nella categoria 57 kg, Ravi si è classificato quarto. È probabile che la testa di serie serbo Stefan Micic si incontri in semifinale se non si scontra prima di salire sul palco. A livello internazionale, Micic ha due medaglie di bronzo ai Campionati Europei, una medaglia d’argento ai Giochi Europei 2019 e una medaglia di bronzo ai Giochi del Mediterraneo 2018.

Prima della finale, eviterà uno dei contendenti più duri della sua classe, Süleyman Attlee. Né incontrerà Zavor Ojeev, un punto luminoso per un’opportunità di medaglia.

Mentre l’India si prepara a inviare una delle sue squadre di wrestling più forti alle Olimpiadi, sia Ravi che Deepak hanno l’opportunità di vincere medaglie all’estero, rendendoli i cavalli neri per partecipare ai giochi.

READ  Sei vogatori Skibbereen per rappresentare l'Irlanda agli Europei in Italia

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x