Dopo le perdite del 2020, i repubblicani statunitensi si muovono per limitare i diritti di voto Donald Trump News

L’ex presidente Donald Trump stava cercando di escludere qualche migliaio di voti in Georgia, sufficienti per aiutarlo a vincere le elezioni presidenziali statunitensi del 2020.

“Guarda, tutto quello che voglio fare è questo. Voglio solo trovare 11.780 voti, che è più di quello che abbiamo, perché abbiamo vinto lo stato”, ha detto Trump al segretario di Stato della Georgia repubblicano Brad Ravensburger nella ormai famigerata telefonata.

Nel tentativo di annullare la vittoria di Joe Biden, Trump ha rimproverato Ravensberger, sostenendo che decine di migliaia di voti fraudolenti sono stati espressi da schede elettorali imbottite, assassini, elettori fuori dallo stato e false firme su schede elettorali per corrispondenza.

Ravensburger ha assicurato al presidente che questo non era vero. Ora, i legislatori repubblicani in Georgia, colpiti dalle perdite nelle elezioni del 2020, si stanno muovendo per trovare i voti di cui Trump ha bisogno, limitando il futuro voto nello stato.

“L’elezione di Biden, anche se non avrebbe dovuto essere una sorpresa”, ha detto Chris Sutter, un consigliere democratico con sede a Washington, DC, specializzato in diritto elettorale. “Le elezioni speciali per il Senato in Georgia hanno scioccato conservatori e repubblicani”.

In aggiunta alle sofferenze dei repubblicani della Georgia, due senatori repubblicani in carica hanno perso i ballottaggi contro i rivali democratici a gennaio, dando ai democratici il controllo del Senato degli Stati Uniti.

L’Assemblea Generale della Georgia controllata dai Repubblicani presenta proposte che limiterebbero le urne, terminare il voto senza scuse per posta, terminare la registrazione automatica degli elettori e limitare il voto anticipato.

I legislatori repubblicani in Georgia si congratulano a vicenda dopo che il Senato ha approvato un disegno di legge per modificare le leggi sul voto della Georgia [Ben Gray/AP Photo]

Se le proposte di legge diventassero legge, metterebbero fine all’uso diffuso di schede elettorali per posta in Georgia e potenzialmente ridurrebbero le campagne elettorali domenicali delle chiese nere.

READ  Processo a un giornalista americano arrestato mentre copriva la protesta del BLM | Le vite dei neri contano per le notizie

“Se vieni coinvolto negli intrighi di Trump, è positivo per i legislatori che pensano che le elezioni siano state rubate”, ha detto Charles S. Pollock, professore di politica all’Università della Georgia.

Influenzato dalle accuse di frode di Trump, il 67% degli elettori repubblicani in tutto il paese ritiene che le elezioni del 2020 non fossero valide, secondo un recente sondaggio dell’R Street Institute, un think tank conservatore con sede a Washington, DC.

Pollock ha detto ad Al Jazeera: “Questo è diventato molto comune con i repubblicani, e potresti non essere in grado di trattenerli. Il governatore ei repubblicani potrebbero vedere questo come un modo per ripristinare le grazie degli elettori di Trump”.

Il 4 novembre, centinaia di sostenitori di Donald Trump si sono riuniti fuori dal registro della contea di Maricopa a Phoenix per protestare contro la vittoria di Biden. [Matt York/AP Photo]

Nello stato dell’Arizona, vinto da Biden, i repubblicani stanno introducendo più di 50 progetti di legge riguardanti il ​​voto e le elezioni.

Il rappresentante John Kavanagh, presidente repubblicano del comitato elettorale della Camera dei rappresentanti dell’Arizona, ha dichiarato: “Il principale difetto che abbiamo identificato e che stiamo cercando di correggere riguarda la frode elettorale”.

“C’è la preoccupazione che ci sia un gran numero di schede elettorali anticipate che vengono spedite a persone che non sono più lì perché sono morte o fuori dallo stato”, ha detto Kavanagh ad Al Jazeera.

Alla domanda se ci fossero prove di una diffusa frode elettorale in Arizona, Kavanagh ha detto: “È difficile da sapere perché non avremo alcun modo per scoprirlo”.

Nel frattempo, il Senato dell’Arizona ha convocato macchine per il voto e ha richiamato due milioni di schede elettorali dalla più grande contea dello stato, ei leader repubblicani stanno pianificando di condurre le proprie indagini dopo che i funzionari statali avranno convalidato i risultati.

READ  Cancellazione di Covid e Natale a Londra: inizia il blocco rigoroso | Johnson: "Agisci contro la nuova variante del virus"

Mucchi di voti attendono un conteggio per le elezioni generali nella città densamente democratica di Phoenix nel novembre 2020. Un giudice ha stabilito che i repubblicani del Senato dell’Arizona potrebbero accedere alle schede elettorali per condurre il proprio riconteggio [File: Matt York/AP Photo]

I difensori dei diritti di voto hanno sostenuto che mentre i progetti di legge proposti individualmente apporteranno modifiche piccole e apparentemente ragionevoli alle leggi sul voto, nel loro insieme si aggiungeranno a una restrizione generale dei diritti di voto.

“Se si traccia oggettivamente una linea di demarcazione attraverso la maggior parte di queste leggi, allora stanno reagendo alla” grande bugia “, ha detto Alex Julotta, direttore dello stato dell’Arizona per la campagna All Voting is Local.

“Stanno, infatti, interagendo con il brogli di quanto accaduto nelle ultime elezioni e sviluppando nuove politiche per affrontare principalmente le circostanze deliranti che nella realtà non esistevano”, ha detto Julota ad Al Jazeera.

Le lamentele di Trump sulle elezioni hanno scatenato un’ondata nazionale di oltre 250 proposte legislative in 43 stati per rendere più difficile il voto, secondo un rapporto del Brennan Center for Justice, un istituto politico della New York University.

Il movimento sta già dando i suoi frutti. In Iowa, il governatore repubblicano ha firmato un disegno di legge sostenuto dai repubblicani per ridurre il periodo di votazione anticipata dello stato e chiudere prima i seggi elettorali.

“La crescente proporzione di latinoamericani, neri e giovani adulti in questi stati che Biden – Georgia e Arizona in particolare – ha appena confermato che i repubblicani stanno affrontando una dura realtà demografica e politica”, ha detto Sutter ad Al Jazeera.

Questi paesi non sono più paesi rossi sicuri. Sutter ha detto che quello che stanno cercando di fare – in bella vista – stanno cercando di cambiare le regole per aumentare la probabilità che saranno in grado di competere in questi paesi.

READ  Un uomo armato rimane intrappolato in una stanza d'albergo di Honolulu

Biden è diventato, nel 2020, il primo candidato presidenziale democratico a vincere la Georgia in 24 anni dopo che 1,3 milioni di elettori hanno votato per posta, spingendo l’affluenza totale a un nuovo livello. Ha superato Trump, il repubblicano, di soli 11.779 voti su cinque milioni.

Biden ha vinto l’Arizona con uno stretto margine di 10.457 voti su 3,4 milioni di voti, l’88% dei quali è stato espresso in anticipo. Biden, che è stato il primo candidato presidenziale democratico a vincere lo stato dal 1996, ha raccolto più del 60% dei voti latini in Arizona.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x