Draghi Turmwell Brutte notizie per l’Italia

Sospensione

Gran parte dell’Europa pensava che l’Italia annunciasse una nuova alba quando Mario Draghi è stato nominato primo ministro il 13 febbraio 2021. Ma giovedì, non un anno e mezzo dopo, l’era Draghi è entrata nel suo albore.

Draghi ha rassegnato le dimissioni dopo che parte della sua coalizione si è ribellata, astenendosi da un voto che ha ritenuto cruciale per rimanere in carica. Il presidente Sergio Mattarella ha rifiutato la sua offerta di dimettersi e ha suggerito di testare i water riders per il supporto la prossima settimana rivolgendosi ai legislatori e spiegando la crisi. Questo fa guadagnare tempo a Draghi e la possibilità di evitare elezioni anticipate formando una coalizione alternativa.

Tuttavia, la terza economia più grande dell’Eurozona sta nuovamente precipitando in uno stato di turbolenza politica. Brutte notizie per l’Italia e l’Europa e un brusco risveglio per gli investitori internazionali. La grande speranza che il presidente del Consiglio garantisse il miglioramento delle finanze pubbliche e della crescita economica è svanita in un Paese che da anni non vedeva molto.

Tutto questo arriva nel momento peggiore e nelle peggiori circostanze possibili: è in corso una guerra e mancano ancora pochi giorni alla pubblicazione da parte della Banca Centrale Europea di uno strumento anti-frammentazione a beneficio del Paese in larga misura limitando gli spread obbligazionari. È un’ulteriore prova che la classe politica italiana non è in grado di guardare oltre il prossimo ciclo elettorale.

Anche nei momenti più difficili che sta attraversando il Paese, Roma non può fare a meno di porre intrighi di parte sull’interesse nazionale. Di conseguenza, non solo la reputazione di Draghi viene offuscata, ma l’Italia rischia di perdere il suo posto al tavolo delle trattative a Bruxelles insieme a Germania e Francia. È stato il suo prestigio – come ex capo della Banca centrale europea che ha salvato l’Unione europea in mezzo alla crisi dell’euro – a dare all’Italia questo nuovo peso e un senso di forte disciplina. Tutto questo ormai è un miraggio, grazie alla miopia dei politici locali.

READ  Il più grande problema economico dell'Italia? ancora Italia

Prendiamo, ad esempio, Giuseppe Conte, leader del movimento cinque stelle che si è astenuto e catalizzatore delle dimissioni di Draghi. Giustifica la crisi dell’attuale governo dicendo che l’Italia sta affrontando gravi problemi economici e che Draghi non ha ascoltato le sue richieste sulla disuguaglianza. Non è pronto a prendersi la colpa della caduta. Ma non puoi essere nel governo e lavorare contro di esso.

Ci sono delle reali differenze ideologiche tra i due uomini. Ad esempio, Draghi accetta di inviare armi per aiutare l’Ucraina, ma la regola dei cinque stelle no. Tuttavia, la maggior parte del dramma recente è diretto a rilanciare il partito moribondo di Conte alle urne anche se le elezioni non garantiscono nulla per un cinque stelle in termini di seggi. Intanto la crisi economica che Conte dice di voler allentare non potrà che peggiorare a causa delle turbolenze che ha creato.

Le prossime elezioni politiche non si terranno prima della primavera del 2023, ma nella politica italiana la prassi lascia ampio spazio all’improvvisazione. Se Draghi riesce a mettere insieme un’altra coalizione, dovrebbe farlo e guidare il governo durante l’inverno. Al presidente del Consiglio non piace sporcarsi le dita nella politica meschina quotidiana, ma il tempo supplementare eviterebbe i brividi malsani che derivano da una campagna elettorale anticipata. Nella sua precedente vita da presidente della Banca centrale europea, Draghi ha ridato fiducia all’euro con tre semplici parole: “qualunque cosa serva”. Questa volta, può fare lo stesso per l’Italia semplicemente restando fermo. Non è la fine che sperava. In effetti, era il pasticcio che voleva evitare. Ma nessuno ottiene un’uscita netta dalla politica italiana.

READ  The Wine Press: intervista a Joseph Carr, fondatore di Josh Cellars Winery

Rimanere sul posto gli darà la possibilità di mitigare ciò che accadrà dopo. Se i recenti sondaggi d’opinione sono qualcosa su cui basarsi, è probabile che il partito di estrema destra Fratelli d’Italia vincerà le prossime elezioni. La sua leader, Giorgia Meloni, trasse grande vantaggio dall’opposizione di Draghi. (È l’unico grande gruppo politico che non fa parte della sua coalizione.) Non ha perso tempo a indire elezioni. Il fatto che i fratelli d’Italia abbiano ottenuto il maggior numero di seggi nella legislatura ha suscitato shock da Roma a Bruxelles. Ciò annullerà molto di ciò che Draghi ha ottenuto da febbraio 2021. I mercati saranno ancora una volta nel panico per la prospettiva del temuto Italexit.

Mentre i commentatori internazionali sono stati molto ottimisti sull’Italia del dopo Draghi, non sono del tutto convinto che Italexit sarà imminente come lo era nei precedenti disordini politici, anche se Meloni è in aumento. L’argomento è, per la maggior parte, scomparso dal discorso pubblico. Solo un piccolo gruppo lo vuole seriamente; I politici che avanzano il caso lo usano come merce di scambio per istigare concessioni da Bruxelles.

Forse la più grande conquista dell’era Draghi è stata una forma di contenimento. Nel 2018, l’Italia è stata scossa da un terremoto populista che ha portato sia la destra che la sinistra a conquistare potere e influenza, poiché gli elettori hanno spinto a cambiare quello che vedevano come un governo che non stava più fornendo. Le nuove forze hanno promesso trasparenza e la fine degli intrighi politici. Questo non ha funzionato. Draghi (mai eletto) è pronto a sistemare le cose insieme. La sua giornata al sole era sempre breve. La prossima migliore speranza – se e quando arriveranno le prossime elezioni – è che gli italiani non tornino a emulare la politica che hanno votato per smantellare quattro anni fa.

READ  I casi globali di coronavirus superano i 517,3 milioni, il bilancio delle vittime supera i 6,25 milioni

Altro da questo scrittore e altri su Bloomberg Opinion:

Questa crisi energetica ha bisogno di un momento “qualunque”: Maria Tadeo

La donna che potrebbe portare l’Italia all’estrema destra: Rachel Sanderson

L’Ucraina ha eroi migliori di questo amico del fascismo: Andreas Kloth

Questa colonna non riflette necessariamente l’opinione della redazione o di Bloomberg LP e dei suoi proprietari.

Maria Tdio è una corrispondente europea con sede a Bruxelles per Bloomberg Television, dove si occupa di politica europea, economia e NATO.

Altre storie come questa sono disponibili su bloomberg.com/opinion

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x