Drew Peterson chiede al giudice di ribaltare la sua condanna per omicidio

Chicago (AFP) – Drew Peterson, l’ex sergente della polizia dell’area di Chicago condannato nel 2012 per l’omicidio della sua terza moglie, tornerà in tribunale questo mese dopo che un giudice ha accettato di ascoltare la sua richiesta di ribaltare la sentenza.

Il giudice della contea di Will Edward Burmilla ha fissato l’udienza per il 21 gennaio dopo aver trovato “la sostanza di una rivendicazione costituzionale” nella mozione manoscritta di sei pagine di Peterson, secondo il Chicago Tribune. Burmila Peterson ha nominato un difensore d’ufficio e due investigatori dell’Ufficio del difensore civico.

Peterson, del sobborgo di Bolingbrook di Chicago, sta scontando una condanna a 38 anni Nell’omicidio di Kathleen Savio del 2004. A questa sentenza seguiranno altri 40 anni Dopo essere stato condannato nel 2016 per aver complottato per uccidere un pubblico ministero che lo aveva messo dietro le sbarre.

Il corpo di Savio è stato trovato in una vasca da bagno asciutta nel 2004, settimane prima di un’udienza programmata per determinare i problemi di denaro e custodia dei figli legati al suo divorzio da Peterson. La sua morte è stata inizialmente giudicata un incidente, ma i suoi resti sono stati riesumati dopo la scomparsa della quarta moglie di Peterson, Stacey, nel 2007. La morte di Savio è stata successivamente dichiarata un omicidio.

Si presume che Stacey Peterson sia morta, anche se il suo corpo non è mai stato ritrovato. Drew Peterson è sospettato della sua scomparsa, ma non sono state mosse accuse contro di lei.

Nella sua petizione di ottobre, Peterson sostiene che il suo avvocato capo, Joel Brodsky, non ha fornito un consiglio efficace. Peterson sostiene che Brodsky ha minacciato gli altri avvocati con la rimozione dal caso se non erano d’accordo con lui, e che voleva testimoniare in sua difesa, ma Brodsky non lo avrebbe permesso. Peterson sostiene anche una cattiva condotta dell’accusa e l’intimidazione dei testimoni.

READ  L'uomo di MyPillow deriso per la sua risposta al "riportare" Trump al Ringraziamento

Inoltre, sostiene che due testimoni chiave a cui era stato permesso di testimoniare ai sensi dello State Rumors Act non avrebbero dovuto essere autorizzati a testimoniare. La Corte Suprema dell’Illinois ha deciso In una decisione unanime del 2017 che le voci di Savio e Stacey Peterson non violavano il diritto costituzionale di Drew Peterson di confrontarsi con i suoi accusatori sulle prove del loro omicidio per impedire loro di testimoniare.

L’ufficio del procuratore di stato della contea di Will ha dichiarato in una risposta scritta di 23 pagine che non c’erano basi per le accuse di Peterson e ha negato qualsiasi cattiva condotta o intimidazione dei testimoni.

I pubblici ministeri hanno notato che le più alte corti dello stato, inclusa la Corte Suprema, si erano pronunciate contro Peterson e hanno presentato un deposito in tribunale in cui ha detto al giudice che aveva scelto di non testimoniare, ma non ha mai affermato che Brodsky gli ha impedito di testimoniare.

Brodsky ha convenuto che le accuse di Peterson erano state sollevate o avrebbero potuto essere sollevate in precedenti appelli e che i tribunali superiori avevano già stabilito che non c’era nulla di improprio nel processo.

“Non c’è niente qui”, ha detto Brodsky, la cui licenza legale è stata sospesa per due anni nel 2019.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x