Due delle guardie confessano di aver commesso crimini la mattina della morte di Epstein

NEW YORK – Due guardie dell’ufficio carcerario hanno ammesso di aver falsificato i documenti martedì dopo che il finanziere Jeffrey Epstein è morto in prigione in un processo ritardato che avrebbe fatto guadagnare loro una fedina penale se avessero collaborato pienamente con gli investigatori.

Le guardie Tova Noel e Michael Thomas hanno approvato gli accordi alla Corte Federale di Manhattan dove si dichiarano colpevoli di fronte al giudice Annalisa Torres per le accuse nell’atto d’accusa che saranno archiviate se seguiranno tutte le regole del loro accordo di sei mesi. Il giudice in seguito ha firmato l’ordine di approvare l’accordo.

Il giudice li ha informati quando hanno letto i dettagli dell’accordo dai documenti del tribunale.

Epstein si è suicidato in una prigione di Manhattan nell’agosto 2019 mentre era in attesa di processo con l’accusa di traffico sessuale. La morte, motivo di grave imbarazzo per l’Ufficio carcerario, ha portato a un intenso controllo delle operazioni presso il Metropolitan Correctional Center, una prigione federale adiacente a due grandi tribunali federali a Lower Manhattan.

Nei documenti del tribunale, i pubblici ministeri hanno detto che Noel e Thomas erano nel loro ufficio a 15 piedi (4,5 metri) dalla cella di Epstein mentre stavano acquistando online mobili e motociclette e non riuscivano a fare i giri richiesti ogni 30 minuti. L’atto di accusa ha affermato che entrambi sembravano aver dormito per due ore.

I loro avvocati notano che sono assegnati alla guardia di Epstein mentre fanno gli straordinari a causa della mancanza di personale. Una guardia, di solito non una guardia, faceva il quinto giorno consecutivo di straordinario mentre l’altra faceva gli straordinari obbligatori, il che significava un secondo turno di otto ore in un solo giorno.

READ  Il Qatar rifiuta la "responsabilità" per l'aeroporto di Kabul senza i talebani | Notizie sull'aviazione

Tuttavia, l’accordo è stato criticato la scorsa settimana. Il senatore Ben Sassi, un membro repubblicano della commissione giudiziaria del Senato e un esplicito critico della gestione del Dipartimento di Giustizia del caso Epstein, lo ha definito “inaccettabile” e ha affermato che le 100 ore di servizio alla comunità richieste a Noel e Thomas riguardavano ciò che aveva fatto come un’infrazione stradale.

In una dichiarazione rilasciata martedì, l’avvocato Jason Foy ha detto che il suo cliente, Noel, era “estremamente grato” all’accordo piuttosto che a un altro processo per risolvere le sei accuse contro di lei.

“Avere una decisione che annulla sia la prigione che la condanna penale è il risultato positivo che la signora Noel ha sostenuto dal suo arresto”, ha detto Foy.

Il procuratore generale aggiunto Nicholas Ross ha affermato che i termini degli accordi di procura ritardata richiedono la divulgazione di tutte le informazioni sulle sue attività con l’Ufficio delle carceri quando vengono interrogate dal Dipartimento di giustizia e dall’ufficio dell’ispettore generale.

Il giudice è stato più preciso, dicendo che potrebbero anche essere interrogati da agenti dell’FBI o di un’altra agenzia delle forze dell’ordine nominati da ufficiali del tribunale o procuratori federali.

I termini dell’accordo non impediscono all’ufficio penitenziario di adottare misure amministrative separate contro di loro, comprese la sospensione e l’allontanamento.

——

L’autore della Associated Press Michael R. Sissak ha contribuito a questo rapporto.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x