È morto a 66 anni Riccardo Cioni, deejay toscano di grande popolarità negli anni Settanta e Ottanta

Riccardo Cioni, deejay radiofonico e animatore di locali famoso soprattutto negli anni Settanta e Ottanta e soprattutto in Toscana, è morto a 66 anni: era stato malato di Covid-19 a dicembre, ma era stato dimesso dall’ospedale. Era nato a Livorno ed era stato uno dei primi in Italia a guadagnare una popolarità rilevante nel ruolo di “deejay” (si era dato il titolo, con cui era noto, di “deejay full time”), lavorando nelle discoteche toscane prima e nazionali poi, in radio , e producendo alcune canzoni dance di qualche successo, come “In America“. Ne scrive il Tirreno, quotidiano di Livorno:

Con Riccardo Cioni non se ne va solo un uomo: se ne va un’epoca,  e improvvisamente la generazione dei 50-60enni si scopre più vecchia. Cioni ha attraversato le mode e le generazioni con la forza della sua tecnica unica in consolle: era considerato tra i migliori d’Italia, con Ago Presta e pochi altri, nella tecnica del mix con i dischi di vinile, quelli che venivano chiamati “gli scambi”.
Aveva costruito il suo successo nelle grandi discoteche dell’epoca, su tutte il Green Ship di Lucca, e aveva commercializzato le sue famose “cassette”, i nastri che contenevano i live della serata, che diventarono oggetto di culto negli anni 70-80. Su di lui mise gli occhi anche la tv, fu ospite della trasmissioner Discoring, e incise diversi singoli (il più conosciuto fu “In America”).

La morte di Riccardo Cioni è stata commentata sui social network dai più famosi tra i suoi colleghi, giovedì, tra cui Linus e Carlo Conti.

READ  Il controverso progetto di autolavaggio verrà presentato al comitato di progettazione martedì, ora Pasadena

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x