È morto all’età di 92 anni Cy Ciotti, il latitante Erie che ha portato la musica dal vivo a Erierie

giocare

Ad Anthony “Sai” Ciuti piaceva raccontare una bella barzelletta, anche se prendeva in giro la propria storia di vita.

Una volta nei primi anni ’70, è stato eseguito sul palco del Club Calabrese, una leggendaria discoteca nel quartiere Little Italy di Erie. Ciotti, che ha lavorato come direttore dell’intrattenimento del club, ha afferrato il microfono e ha scherzato sui suoi precedenti rapporti con le forze dell’ordine.

“Apprezziamo tutto l’entusiasmo qui”, secondo una registrazione dell’evento. “Ricordo che una volta avevamo una squadra di Glenn Miller… ma (loro) non si sono presentati e (i clienti) se ne sono andati tutti. Ma avevamo due camerieri, tre cameriere e 16 agenti dell’FBI. Il locale era (ancora) pieno.”

Ciotti, morto il 2 luglio all’età di 92 anni, ha vissuto una vita colorata che includeva il servizio nella Guardia Costiera degli Stati Uniti, la prenotazione di spettacoli musicali al Calabrese Club e successivamente al Reflections Bistro nel centro di Erie.

È stato anche imprigionato più volte e ha trascorso due anni in fuga dalle forze dell’ordine dopo aver omesso di presentarsi a una prigione federale nel 1983 dopo essere stato condannato per ricettazione.

Le autorità federali hanno rintracciato Siotti in tutto il mondo prima che venisse arrestato in un hotel di New York nel 1985.

“Questi due anni sono stati spaventosi”, ha detto il figlio di Siotti, Tony. “Quando mio padre era in prigione, potevo parlare con lui e persino fare visite regolari. Non quando era via durante quei due anni. Ho sentito parlare (della sua famiglia) alla radio”.

READ  Mozart vs. Salieri: un'opera giovanile metteva in mostra il talento dei compositori

Trovare la sua vera passione

Cy Ciotti è nato a Erie nel 1928 e ha vissuto la maggior parte della sua vita adulta nella stessa casa di due unità al 413 di Huron Street. Ad un certo punto visse lì con la moglie Carmela; I loro due figli sono suo padre e la sua matrigna. Due dei genitori della mia matrigna e due delle sue sorelle.

Di più: Con la restrizione dell’atto finita, Lucky offre un’altra opportunità d’angolo a Little Italy a Erie

Di più: Woodcarver crea arte pubblica dal tronco di un acero nel quartiere Little Italy di Erie

Ciotti si è unito alla Guardia Costiera nel 1945 dopo essersi diplomato alla Tech Memorial High School nel 1945.

“Ha sempre detto che nessuno ha mai attaccato Cleveland quando ero in servizio”, ha detto Tony Ciuti.

Dopo il suo congedo con onore dalla Guardia Costiera, Ciotti ha lavorato per Marx Toys prima di avviare diverse attività in proprio. Tra di loro c’era un camion di cibo e diverse sale da biliardo.

Ma i viaggi a Las Vegas hanno sviluppato la vera passione di Ciotti: portare big band e altri atti musicali degli anni ’40 e ’50 a Erie.

“Mio nonno era presidente di Calabrese negli anni ’60 e mio padre è stato in grado di avvicinarsi ai membri e convincerli a lasciare che mio padre portasse affari musicali e comici nella sala grill”, ha detto Tony Ciuti.

Ciotti ha lavorato con agenti di prenotazione per assumere musicisti di fama nazionale come Louis Prima, Jerry Vale e Maynard Ferguson, spesso tra i concerti a Buffalo e Cleveland.

Il Calabrese Club ha chiuso nel 1980, ma Ciotti è tornato nel mondo dello spettacolo nel 1996 quando è stato nominato direttore dell’intrattenimento presso il nuovo Reflections Bistro, 1523 State St.

READ  Gli abbonati a Netflix si iscrivono per un nuovo orribile film dell'orrore

“Quando Cy tornava a Erie dopo che era lontano, la gente lo vedeva per strada e gli chiedeva se avrebbe riaperto il Cali Club”, ha detto Jeremy Long, un amico di lunga data della famiglia Siotti.

“Questo è quello che ha provato con Meditazioni”, ha detto Tony Ciuti. “Tranne molti grandi nomi, ma più cantanti locali. Puoi ascoltare la recitazione e poi consumare un pasto delizioso”.

Passare del tempo con papà

Tony Ciotti ha lavorato come cameriere presso Reflections, che gli ha dato la possibilità di trascorrere più tempo con suo padre dopo gli anni di fuga di Cy Ciotti e la successiva prigionia.

Quello che Tony Ciutti vide da dietro il bancone era un uomo sulla settantina, vestito con un elegante completo con cravatta e fazzoletto da taschino abbinato, che camminava da un tavolo all’altro, salutando tutti come se fossero i suoi migliori amici.

“Say ha fatto sentire le persone come se il club fosse loro, come se ne possedessero un pezzo”, ha detto Tony Ciuti.

Le riflessioni si sono chiuse nel 2003 a seguito di un raid dopo che le forze dell’ordine hanno scoperto che operava da circa un anno senza una licenza di alcolici.

La vita di Cy Ciotti è rallentata dopo la chiusura di Reflections. Gli è stato diagnosticato un tipo di distrofia muscolare che ha colpito le mani e la parte inferiore delle gambe e ha usato una stampella – e in seguito un deambulatore – per spostarsi.

“Gli piace ancora stare con la gente”, ha detto Tony Ciuti. “Cee e i suoi amici si incontravano al Tops sulla 26esima Strada Ovest e tutti seduti su quelle sedie di metallo duro. Stavano bevendo caffè e mangiando panini e raccontando solo storie.”

READ  Oroscopo di oggi, 17 dicembre 2020: previsioni oroscopo Leone, Vergine, Bilancia, Scorpione

“Qualcosa era legittimo”

Queste storie sono continuate al LECOM Senior Living Center quando Cy Ciotti si è trasferito lì nel 2017 dopo aver vissuto a Fairview Manor per quasi sette anni.

Tony Ciutti, 66 anni, andava regolarmente a trovare suo padre in entrambi i posti. Stavano condividendo la cena e parlando dei vecchi tempi, incluso il tempo in cui circa 60 anni fa ha visitato suo padre all’interno di una cella di prigione.

“Mio padre era in una cella nel Municipio della Città Vecchia e le guardie mi hanno chiesto di portarli dentro”, ha detto Tony Ciuti. “Mi ha detto di dare un’occhiata e poi mi ha detto che dovevo andare al college e prendere una laurea in qualcosa di legittimo”.

In effetti, Tony Ciuti è andato al college. Ha fatto parte del Pennsylvania Liquor Control Board per 35 anni prima di andare in pensione.

Quanto al consiglio di suo padre?

Suo figlio ha detto: “Ha funzionato”.

Contatta David Bruce a dbruce@timesnews.com. Seguilo su Twitter Tweet incorporato.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x