Ecco come la NASA ha testato la sua navicella spaziale per resistere ai rigori dei viaggi spaziali

Ecco come la NASA ha testato la sua navicella spaziale per resistere ai rigori dei viaggi spaziali

La navicella spaziale Europa Clipper è stata recentemente sottoposta a una serie di test chiamati test ambientali, che simulano l'ambiente spaziale per verificare se ci sono problemi che potrebbero causare danni alla navicella o impedirne il completamento della missione. Nel corso di 16 giorni, la navicella spaziale è stata sottoposta a test, tra cui il posizionamento all'interno di una camera a vuoto termico che ricreava il vuoto dello spazio. Una delle sfide era semplicemente far entrare la navicella spaziale nella stanza, che è alta 85 piedi e larga 25 piedi. I bracci della navicella erano completamente dispiegati, distribuiti su 100 piedi, quindi non fu incluso nella camera di prova, ma anche senza i bracci, il Clipper era ancora uno dei più grandi veicoli spaziali mai collocati nella camera.

Oltre al vuoto, la navicella spaziale è stata esposta ad alte temperature utilizzando potenti lampade, simulando l'esplosione della luce solare che la navicella spaziale avrebbe sperimentato su un lato mentre viaggiava nello spazio, soprattutto quando era vicina alla Terra. Mentre si muove verso Giove, i raggi del sole diventeranno meno potenti quanto più è lontano.

“Questi sono stati gli ultimi grandi test per individuare eventuali difetti”, ha affermato Jordan Evans, responsabile del progetto Europa Clipper. Laboratorio di propulsione a reazione della NASA. “I nostri ingegneri hanno eseguito una serie di test ben progettati e impegnativi che hanno messo alla prova il sistema. Ciò che abbiamo scoperto è che il veicolo spaziale è in grado di gestire gli ambienti che vedrà durante e dopo il lancio. Il sistema ha funzionato molto bene e funziona come previsto. “

READ  Vancouver ha una notte limpida per vedere l'aurora boreale

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x