Ellen White dovrebbe essere considerata un’icona dell’Inghilterra come Wayne Rooney e Harry Kane

Campionessa europea e più grande marcatrice nella storia delle leonesse, Eileen White chiude la sua carriera da leggenda nel calcio femminile. Stranamente, ha segnato solo un gol in meno dell’impareggiabile Wayne Rooney dell’Inghilterra.

E il confronto con Rooney, che ha segnato 53 gol contro i 52 di White, non soddisferà alcuni spettatori. Si sono svolti in campi molto diversi e, come i critici perenni vorranno sottolineare, il conteggio di White è iniziato prima della professionalizzazione di massa del calcio femminile.

Vero – ma ecco l’indiscutibile. Solo tre giocatori, indipendentemente dalla loro struttura anatomica, hanno segnato 50 gol per la nazionale inglese: Rooney e Harry Kane per la squadra maschile e Wyatt per quella femminile. È statisticamente l’attaccante più produttivo di tutti i tempi, sei gol dietro Kelly Smith e otto in più di Keri Davis. Tra l’attuale rosa, l’unico giocatore che ha qualche speranza di prenderla così com’è è Beth Mead – ancora solo 27 anni – che ne ha 28.

Ciò che è anche indiscutibile è che Rooney – e nessuno dubita per un secondo che sia uno degli attaccanti più talentuosi e influenti nella storia del calcio inglese – ha cementato il proprio record di gol contro squadre non professionistiche. Quattro sono arrivate contro una squadra sammarinese che contava fino a otto dilettanti nelle sue fila, e due contro Andorra, che rappresenta una nazione con solo un campionato a tempo parziale. Solo cinque dei suoi gol sono arrivati ​​​​nei tornei principali.

Di più Calcio femminile in Inghilterra

Il bianco ha giocato in due importanti tornei internazionali, perdendo contro la Germania nel 2009 e battendo lo stesso avversario a Wembley a luglio. Mentre i suoi gol agli Europei di questa estate sono stati limitati e ha segnato solo due gol nella vittoria per 8-0 sulla Norvegia, il suo ruolo senza palla esemplifica il suo altruismo.

READ  Quanto è complicato rilanciare la Juve. Tre casi devono essere risolti prima di considerare nuovi acquisti

Per questo si è anche ritirata con il quarto maggior numero di assist nella storia della Premier League femminile; È appena dietro Vivian Miedema dell’Arsenal (74) a segnare (61). Ha vinto due titoli WSL e tre FA Cup attraverso periodi con Arsenal e Manchester City, ma ora ha lasciato quest’ultimo senza vedere il suo attuale contratto.

“La sua professionalità, ritmo di lavoro e capacità di finire sono di livello mondiale”, ha affermato l’allenatore dell’Inghilterra Sarina Wegman. “Sapevo già che era una grande giocatrice, ma ho trovato qualcuno migliore”.

La baronessa Sue Campbell, direttrice del calcio femminile della FA, l’ha definita “una vera leader delle donne – non si trattava solo di Ellen White”.

Opportunamente, nonostante l’inizio di ogni partita di Euro, il torneo ha coinciso con una grande impresa per il suo successore, Alicia Russo.

Omaggio a Ellen White

  • Inghilterra: Campionati Europei (2022), Coppa Arnold Clark (2022), Coppa Shepelevs (2019), Coppa di Cipro (2013)
  • Manchester FA Cup (2020), Coppa di Lega (2022)
  • Arsenale: WSL x2 (2011, 2012), FA Cup x 2 (2011, 2013), League Cup (2011, 2012, 2013)

Come dice White, ora sta lasciando il posto alla “prossima generazione”.

“Non devi essere il migliore in qualcosa per realizzare i tuoi sogni, guardami e basta. Il duro lavoro, la dedizione, la passione e l’amore per quello che fai è un’ottima ricetta. Non permettere mai a nessuno di dirti ‘Non puoi farlo qualcosa o realizza i tuoi sogni”. Una volta mi è stato detto che non potevo giocare per la squadra maschile e non giocherò mai per l’Inghilterra. Ora mi ritirerò dopo aver giocato 113 partite internazionali e segnato 52 gol per l’Inghilterra e l’Europa campione.”

READ  Notizie di calcio in diretta: Tottenham completa l'affare Kulusevsky, Ronaldo "offerta" per il Milan mentre persegue l'accordo con Leao

E se parliamo di impatto, quanti ragazzi avrebbero altrimenti calciato il pallone e preso il controllo del calcio a causa di Rooney o Kane? L’attaccante del Manchester City fa parte di un gruppo unico di leonesse, che, a pochi giorni dalla revoca del Campionato Europeo, ha iniziato una campagna per il calcio femminile da inserire nel curriculum nazionale.

Non sminuisce in alcun modo ciò che Rooney e Kane hanno fatto, ma solo per questo, Wyatt merita di essere discusso allo stesso tempo.

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x