Embattled Time’s Up, dopo che Cuomo annuncia un “reset maggiore”

Jocelyn Novick, The Associated Press

Pubblicato venerdì 19 novembre 2021 14:49 EST

Ultimo aggiornamento venerdì 19 novembre 2021, 17:09 EST

Los Angeles (AFP) – Confusione su scopo e missione. Non focalizzarsi su obiettivi a lungo termine. Comunicazione inefficace internamente ed esternamente. Mancanza di responsabilità degli alti funzionari, in particolare del CEO. Molto politicamente prevenuto e molto prevenuto con Hollywood.

Queste sono solo alcune delle questioni sollevate in un rapporto commissionato da Time’s Up e pubblicato venerdì – in nome della trasparenza – in cui il gruppo di advocacy ha promesso un “ripristino maggiore” compreso il licenziamento della maggior parte dei dipendenti. Arriva tre mesi dopo che uno scandalo devastante ha costretto l’amministratore delegato Tina Chen a lasciare il paese per le rivelazioni secondo cui i leader del gruppo avevano consigliato l’amministrazione dell’ex governatore di New York Andrew Cuomo dopo essere stato accusato per la prima volta di molestie sessuali l’anno scorso.

Andremo ai bottoni”, ha detto Ashley Judd, uno dei membri più visibili del gruppo e una delle prime voci chiave nel più ampio movimento #MeToo.

“Ricostruiremo, ripristineremo e torneremo in un modo che rispetti il ​​nostro mandato, includa le voci dei nostri critici, impariamo dai nostri risultati e ci ritenga responsabili ma anche all’altezza del nostro potenziale”.

Judd e Mineva Pandel, leader ad interim da settembre, hanno parlato con l’Associated Press prima che il rapporto fosse pubblicato, il che coincide con una grave interruzione del personale. Alla maggior parte del personale di 25 persone è stato detto venerdì che sarebbero stati licenziati alla fine dell’anno, con uno staff di tre persone rimaste. Rimarranno quattro membri del consiglio, incluso Judd, mentre l’organizzazione decide i suoi prossimi passi e sceglie la leadership. Pandel si dimette.

Le due donne hanno insistito sul fatto che Time’s Up rimane estremamente importante come gruppo femminista. Pandel, che ha affermato di aver preso lei stessa la decisione di non cercare – per ora – la posizione di CEO permanente che desiderava, ha osservato che “anche le persone che sono le più dure e le critiche più dure hanno detto: ‘Abbiamo ancora bisogno di tempo per scadere.’ ” Time Up giocherà un ruolo importante nel nostro movimento. â€. Non ho visto “tutto bruciato. ”

READ  Un sostenitore di Trump avverte che la guerra civile della CNN sta arrivando in un allarmante clip in diretta مقطع

Judd ha offerto una difesa emotiva dell’organizzazione, dicendo che si sente “eccitata e obbligata oggi” come si sentiva quando ha licenziato Time’s Up sulla scia delle accuse contro il magnate di Hollywood Harvey Weinstein, che lei stessa ha accusato di molestie sessuali. “La necessità di posti di lavoro equi, sicuri e dignitosi per le donne di tutti i tipi rimane urgente”.

Spiegando il significato del set, Judd ha raccontato un aneddoto di come un produttore in visita è venuto da lei in un film che stava facendo e ha fatto riferimento a un film a cui avevano lavorato anni prima. “Avrei dovuto essere con te quando ne ho avuto la possibilità”, ha detto, di fronte all’intero equipaggio e a sua moglie. La qualità del prodotto non è specificata.

Judd ha detto di aver appreso di essere stata molestata ed è andata alla homepage di SAG, la Screen Actors Guild, per chiedere aiuto. “Non c’è stato alcun aiuto per me. Oggi, a causa di Time’s Up, la mia tessera sindacale ha una hotline per le molestie sessuali. “

“Tutti i nostri criteri sono cambiati”, ha aggiunto Judd. “Niente più riunioni nelle stanze d’albergo. Niente più riunioni prima e dopo il normale orario di lavoro. I coordinatori dell’intimità sono sul set e puoi portare con te un amico per i test di sicurezza. Questi sono passi da gigante nel nostro settore”.

Time’s Up è stata costituita quasi quattro anni fa da un gruppo di donne di spicco di Hollywood – produttori, agenti e star del cinema – desiderose di sfruttare lo slancio dello scandalo Weinstein e combattere le molestie sessuali nel loro settore e oltre.

Il gruppo si è impegnato a essere una voce per le donne di tutti i ceti sociali, ma è stato tormentato dalle critiche – sia all’esterno che all’interno – per essere troppo compatibile con Hollywood e meno preoccupato dei bisogni degli altri. Quando Pandele ha assunto la leadership ad interim, ha promesso che il gruppo si sarebbe chiesto: “Quali conflitti di interesse abbiamo e quali sono le nostre barriere?”

READ  Greenpeace afferma che i documenti trapelati mostrano che i paesi hanno cercato di moderare il rapporto sul clima delle Nazioni Unite

La pubblicazione del rapporto, scritto dall’avvocato indipendente Leilani M. Brown, e riportato per la prima volta dal Washington Post, costituisce la prima fase del reset del gruppo; La fase successiva è la pianificazione strategica e l’ultima fase sarà l’attuazione, ha affermato Bandel. Il rapporto è stato redatto nell’arco di due mesi; Sono state contattate circa 200 persone, tra dipendenti attuali ed ex dipendenti e stakeholder, e 85 hanno accettato di essere intervistate.

“Questo è un reset necessario, non un rollback”, ha dichiarato il CEO Gabriel Sulzberger in una nota. “È nostro dovere imparare da questi risultati e concentrarci sulla costruzione di un’organizzazione che serva fortemente le donne di ogni tipo e ponga fine all’impunità per le molestie e le aggressioni sessuali sul posto di lavoro”.

Pandel ha affermato che il rapporto “ha avuto un vero successo in quanto abbiamo davvero dimostrato trasparenza e apertura in un modo che è vulnerabile. E quindi ci si sente bene. Allo stesso tempo, è agrodolce”.

Tra i risultati:

C’era confusione interna circa l’obiettivo e la missione, che erano stati “in gran parte indefiniti per qualche tempo”. Ciò è in parte dovuto al fatto che l’organizzazione si è evoluta così rapidamente, afferma il rapporto, trasformandosi durante la notte come un aereo a reazione in una nave missilistica.

I leader sono stati spesso visti come persone che perseguono obiettivi a breve termine piuttosto che una visione strategica a lungo termine.

La comunicazione era “incoerente e frammentata”. Alcuni membri erano frustrati nel sentire le accuse sul caso di Cuomo dai media e non dallo stesso Time’s Up. (Tchen si è dimesso il 26 agosto in seguito alla partenza anticipata del presidente dell’organizzazione, Roberta Kaplan. Entrambe le donne hanno fatto arrabbiare i sostenitori di Time’s Up con l’idea di aver offerto assistenza a Cuomo, e che Tchen inizialmente ha scoraggiato altri leader di Time’s Up dal commentare pubblicamente le accuse di uno dei suoi accusatori, Lindsey Boylan. Cuomo si è dimesso il 10 agosto tra una raffica di accuse di molestie.)

READ  Ingegnere della Marina degli Stati Uniti arrestato per aver venduto segreti di sottomarini nucleari Notizie sulle armi nucleari

Il gruppo sembrava essere politicamente di parte. Il rapporto citava membri che ritenevano che Time’s Up fosse danneggiato dai legami dei leader con il Partito Democratico (Tchen era un tempo il capo dello staff di Michelle Obama). Alcuni hanno accusato l’organizzazione di non sostenere Tara Reade, che ha accusato il presidente in carica Joe Biden di averla aggredita negli anni ’90, un’accusa che ha negato con forza. I legami di Cuomo hanno portato a critiche secondo cui i rapporti del gruppo con il sovrano hanno tradito favoritismi politici.

Bandel ha detto nell’intervista che l’episodio di Cuomo sarebbe potuto andare diversamente se la struttura del gruppo fosse stata più corretta. “La crisi di Cuomo è stata fondamentale per dove siamo ora”, ha detto Bandel. “Ma se la struttura interna – è più forte, e se le comunicazioni e la trasparenza delle operazioni sono più forti, allora la probabilità che qualcosa di simile a quello che è successo con Cuomo sarà[meno]. Anche se così fosse, non avrebbe lo stesso dannoso”. effetto sulla percezione delle persone dell’organizzazione perché avremmo una maggiore fiducia all’interno della comunità.”

La domanda ora è come il gruppo ricostruirà quella fiducia.

“Tutte le organizzazioni commettono errori”, ha affermato Bandel. “Quindi anche noi faremo degli errori. Ma non è un chiodo nella bara, non è la fine per noi. Il fatto è che dobbiamo costruire più forti”.

Il gruppo non ha fornito un calendario per i suoi prossimi passi. Judd ha detto che è valsa la pena aspettare.

“Quello che mostreremo è un’organizzazione con un obiettivo che sarà inclusivo e amplificherà le voci delle donne di ogni tipo”, ha detto. “Siamo molto entusiasti di poterlo condividere con il mondo”.

Quanto a lei, ha detto: “Sono ancora qui perché conosco l’urgenza della necessità della società di porre fine ai tempi. Delegare è più grande e più importante degli errori che abbiamo commesso. Persevereremo e saremo di aiuto”.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x