Emma Hayes insiste che il Chelsea abbia molto da dimostrare nella UEFA Women’s Champions League

Emma Hayes ha insistito sul fatto che il Chelsea “non ha ancora fatto nulla” dopo che la sua squadra ha pareggiato 1-1 con l’Atletico Madrid a Monza per passare ai quarti di finale della UEFA Women’s Champions League.

L’Atletico si è ancora pentito di aver perso tre volte ai rigori durante la partita di andata, poiché Tony Dogan ha colpito la traversa e ha perso un’occasione per il club spagnolo di avanzare.

In modo quasi identico all’andata, Marin Mildy del Chelsea ha rotto il punteggio con un rigore due minuti dopo il fallo di Dogan, e sebbene l’Atletico abbia segnato con il ricciolo di Emeline Laurent, era troppo tardi perché i Blues hanno segnato 3-1. Vittoria totale.

Il Chelsea ha condotto 2-0 contro il nord Italia dopo la partita a Kingsmeadow, dove Milde ha segnato un rigore e Fran Kirby ha aggiunto il secondo gol, giocando la maggior parte della partita con dieci uomini.

“Abbiamo visto i nostri migliori 10 giocatori la scorsa settimana, e anche quando non eravamo al meglio, abbiamo comunque vinto”, ha detto l’allenatore dei Blues Hayes.

“Questo è un segno di una buona squadra. Per essere una grande squadra, dobbiamo continuare a trovare gli altri livelli in noi stessi. Non abbiamo ancora ottenuto nulla”.

Nonostante le limitate possibilità dell’Atletico di segnare bene in entrambe le partite, Hayes crede che gli exploit della sua squadra nella Premier League femminile l’hanno raggiunta in Italia.

“Penso che la mia squadra fosse alta oggi”, ha detto Hayes.

“Penso che il campionato nazionale in Inghilterra sia molto difficile, quindi quando giochi con il West Ham in trasferta ci vogliono un po ‘di giocatori.

READ  A Semmering tutto da ricostruire

“Inoltre, mercoledì scorso abbiamo giocato con 10 giocatori e abbiamo completato alcune statistiche fisiche che per alcuni giocatori erano il livello più alto della stagione, quindi avrebbe influenzato la squadra oggi.

“Davvero un duro lavoro e tutto dentro e fuori dal possesso palla. Non avevamo le gambe per entrare in certe situazioni”.

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x