Ennio Morricone: L’uomo dietro la musica più famosa del film

La vita di Ennio Morricone, il prolifico compositore italiano responsabile della colonna sonora di Il buono il brutto e il cattivo, e altro ancora

“Seguo sempre un’idea e se un’idea mi chiede di utilizzare combinazioni insolite di strumenti, farò qualsiasi cosa.”

Ennio Morricone parlava del famoso motivo bicolore che compose e arrangiò per Sergio Leone nel Western del 1966. Il buono il brutto e il cattivo.

Disse: “Volevo distinguere tra tre campane per rappresentarle ciascuna. Il flauto d’argento, suona bene, è il buono. Il cattivo sono le voci che cantano insieme, fuori tonalità. L’ocarina è il brutto”.

La dispersione della colonna sonora riflette gli aspri paesaggi desertici in cui è stato girato il film e l’economia della composizione riflette la tensione del dialogo. Nella visione musicale di Morricone del West americano, gli spazi tra le note erano importanti quanto le note stesse. Ha permesso all’ascoltatore di sperimentare il caldo secco e la sete di paesaggi spietati attraverso una musica che era minimamente civettuola e condiscendente, ma è diventata una delle colonne sonore dei film più popolari di sempre.

Se Leon ha rivoluzionato il genere con i suoi Spaghetti Western Morricone, lo stesso ha fatto per la sua musica. Prima che la loro collaborazione emergesse negli anni ’60, i western erano rappresentazioni igienizzate di un periodo brutale della storia americana accompagnate da ampi temi orchestrali. Leon e Morricone hanno ridotto al minimo il dialogo, il movimento e la musica e hanno combinato perfettamente i loro talenti per creare un’atmosfera così stretta, tesa e bruciata dal sole che il pubblico non si sentiva a proprio agio ai loro posti, il che significava che Morricone era ugualmente responsabile della realizzazione degli spaghetti western. Come Leon e Clint Eastwood e lo stesso scenario di Almeria.

Anche se disprezzava il termine. Per lui erano italiani occidentali.

Il duo ha collaborato all’inizio una manciata di dollari, pubblicato nel 1964. In realtà erano a scuola insieme a Roma quando erano bambini, anche se questo non ha avuto alcun effetto sul loro lavoro insieme.

“All’inizio non mi riconobbe”, ricorda Morricone. Quando è venuto e mi ha chiesto di scrivere musica una manciata di dollariNon sapeva che fossi lo stesso Morricone di scuola”.

Mentre i due stavano discutendo sul tipo di voce che Leon voleva una manciata di dollariMorricone ha interpretato il regista, arrangiando la versione di Peter Teves del 1962 di Woody Guthrie pascoli dell’abbondanza.

“Ecco,” dichiarò Leon, colpendo il tavolo, “questo è il suono.”

READ  Pierpaolo e Julia si abbracciano sotto le coperte, tra carezze e baci - VIP fratello maggiore

“Parte della musica è stata scritta prima del film, il che è insolito”, ha detto Morricone nel 2007. “I film di Leon sono stati realizzati in questo modo perché voleva che la musica ne fosse una parte importante: spesso teneva le scene più lunghe solo perché io non volevamo che la musica finisse, ecco perché il motivo per cui i film erano così lenti era a causa della musica.

Potrebbe aver avuto una cattiva opinione del progetto, almeno col senno di poi – “È il peggior film che Leon abbia fatto e il peggior risultato che abbia mai avuto” – ma una manciata di dollari Ha messo Morricone sulla strada della fama internazionale e di una carriera illustre per combinare diversità e longevità.

Anche nella sua vecchiaia la sua produzione è stata dura. Aveva 88 anni quando ha ricevuto il suo primo e unico Oscar per la migliore colonna sonora originale per il suo lavoro nel western di Quentin Tarantino. gli otto odiosi Si stima che abbia lavorato a più di 500 colonne sonore. Inoltre, ha composto più di 100 opere per la sala da concerto in cui ha sempre lottato per i “più alti ideali di composizione”.

È un’eredità notevole, non ultimo come la sua prolificità non sia mai stata influenzata dalla qualità delle sue creazioni. Sia che stia scrivendo eccentrici intermezzi musicali per una commedia spensierata o che stia registrando opere come la cantata inquietante e dissonante. suoni di silenzio, che ha scritto in risposta agli attacchi terroristici dell’11 settembre, il lavoro di Morricone è sempre stato impeccabile. Non che pensasse di essere davvero prolifico.

“L’idea che io sia un compositore e che scriva molte cose è vera da una parte e non vera dall’altra”, ha detto. “Forse il mio tempo è organizzato meglio di altri. Ma rispetto a compositori classici come Bach, o Frescobaldi, o Palestrina, o Mozart, mi definirei disoccupato”.

Per il compositore disoccupato, ha compilato un’autobiografia. Oltre a Leon e Tarantino, ha composto colonne sonore per grandi nomi come Pier Paolo Pasolini, Brian De Palma, Bernardo Bertolucci, Terence Malick, Barry Levinson e John Carpenter, scrivendo film che spaziano da prigione folle per Battaglia d’Algeria Attraverso la missione. Soprattutto durante i periodi di produzione, produceva più di 20 film in un anno.

READ  Euro 2021 | Repubblica Ceca v Inghilterra: la decisione di Declan Rice su Southgate

Tuttavia, Morricone era forse il più felice quando componeva musica non progettata per lo schermo. È stato un membro chiave del Gruppo di Improvvisazione Nuova Consonanza, un gruppo di compositori e musicisti d’avanguardia attivo dalla metà degli anni Sessanta agli inizi degli anni Ottanta. Mentre il gruppo ha una rinnovata appartenenza, Morricone è stato un forte fondatore e mentore. Il Gruppo era determinato a spingere i confini della composizione musicale e dell’improvvisazione, producendo discordia e musica di espiazione utilizzando strumenti insoliti e metodi sperimentali di studio che hanno portato a una serie di album che sono ancora popolari oggi.

Il Gruppo era il canale perfetto per l’innata curiosità musicale di Morricone. Anche nella sua vecchiaia, ha cercato nuovi gruppi di strumenti, nuovi toni e nuovi paesaggi sonori. Ha dimostrato un’apertura affidabile a forme, generi e commissioni, portando avanti progetti diversi come il tema ufficiale della Coppa del Mondo 1978 in Argentina e Non può succedere quiUna canzone che ha scritto insieme ai Pet Shop Boys per il loro album del 1987 Veramente.

Tutto questo ha ottenuto, anche se raramente lascia Roma. Hollywood ha ripetutamente cercato di attirarlo attraverso l’Atlantico – spesso gli è stato offerto l’uso gratuito di un appartamento di lusso – ma l’esca del dollaro non è mai tornata. Roma rimase effettivamente la sua base e il suo mondo. Era più felice lì, componendo lontano alla sua scrivania e ascoltando la musica nella sua testa così chiaramente che non ha usato molto il pianoforte durante il processo creativo.

Era nato in città da un padre che era un trombettista professionista e una madre che gestiva un’azienda tessile. Dall’età di sei anni, Morricone componeva melodie e trascriveva classici che aveva ascoltato alla radio, il che lo portò a entrare al Conservatorio Santa Cecilia per studiare tromba e composizione all’età di dodici anni. Nella sua adolescenza, ha iniziato a suonare nei jazz club e dopo la laurea si è guadagnato la reputazione di dj di talento. Nel 1958 viene assunto dalla RAI, ma presto lascia – alcuni dicono che sia il suo primo giorno di lavoro – quando viene a conoscenza di una norma che vieta la diffusione di brani musicali originali da parte dei dipendenti dell’azienda. Si è trasferito alla RCA e si è affermato come coordinatore principale per il loro studio di Roma.

READ  Gli eredi di Gucci sono allarmati dal ritratto della famiglia di Ridley Scott con Lady Gaga

Durante gli anni ’60, Moricon ha composto per artisti diversi come Françoise Hardy e Demis Roussos e ha scritto la prima colonna sonora per il suo film nel 1961 per accompagnare Luciano Salles. federazione,fascista‘, e iniziare un rapporto con il regista fruttuoso come il suo lavoro con Leon, anche se non era affatto conosciuto.

federazione Ha anche lanciato un percorso di carriera che non doveva durare.

Ha detto nel 2006: “Quando avevo 35 anni, ho detto a mia moglie Maria, OK, quando ne avrò 40 smetterò di scrivere musica per film e scriverò musica assoluta. Ma sono ancora qui a scrivere musica per film, quindi tu non posso mai dire quando smetterai”.

Anche se non sapeva dire quando fermarsi, era almeno pronto, avendo già scritto l’annuncio pubblico della sua morte quando è arrivato il 2020 all’età di 91 anni.

“Io, Ennio Morricone, sono morto” iniziò, scatenando un’ondata mondiale di titoli e necrologi che quasi tutti portarono a riferimenti al suo soggetto su Il buono il brutto e il cattivo.

Tuttavia, è probabilmente la scena dello scontro a fuoco nel film che mostra Morricone al suo meglio. Mentre i tre protagonisti affrontano il silenzio nella piazza centrale arrugginita e dolce di un remoto cimitero, le mani che ondeggiano accanto alle fondine, la musica di Moricon costruisce una tensione a un livello insopportabile con semplici motivi di tre o quattro note, il ritmo è veloce e lento, ogni battito irrisolto, chitarra, pianoforte e tromba che suonano tutti così forte che sono appena intonati.

La telecamera di Leon si spegne finché non vediamo gli occhi dei personaggi oscillare avanti e indietro, la musica che si dirige verso un climax che non arriva mai perché all’improvviso c’è silenzio, perforato da un grido solitario, secco, di un corvo.

È intenso, è teso, è claustrofobico, è snervante ed è Morricone all’apice dei suoi poteri.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x