Entra in vigore il gigantesco accordo di libero scambio asiatico

Foto del file fornita da Tanjung Pelepas Port

Pubblicato il 3 gennaio 2022 00:31 Scritto da

Filippo Toh

Il 1° gennaio 2021 ha visto il lancio del Regional Comprehensive Economic Partnership (RCEP), il più grande accordo commerciale multilaterale al mondo. RCEP copre 15 paesi, inclusi 10 membri di ASEAN, Cina, Giappone, Repubblica di Corea, Australia e Nuova Zelanda. Ha una popolazione complessiva di circa 2,3 miliardi, circa il 30% del totale globale, con un PIL combinato di $ 28,5 trilioni.

La Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo (UNCTAD) ha osservato in uno studio pubblicato a metà dicembre che “le dimensioni economiche e il dinamismo commerciale del blocco emergente lo renderanno un centro di gravità per il commercio mondiale”. Nel contesto attuale. In caso di pandemia, l’entrata in vigore della RCEP potrebbe servire anche a uno scopo in più: la resilienza delle imprese”.

Al centro dell’RCEP ci sono le concessioni tariffarie, in cui i membri sono fissati per eliminare i dazi imposti su oltre il 90% delle merci scambiate all’interno del blocco. Ciò andrà a vantaggio in particolare di tre colossi regionali, Cina, Giappone e Corea del Sud, che ora stanno stipulando per la prima volta un accordo di libero scambio. Secondo il Ministero del Commercio giapponese, ad esempio, verranno rimosse le tariffe sulle esportazioni giapponesi di alcuni componenti dei veicoli elettrici verso la Cina. Il Giappone dovrebbe essere il maggior beneficiario, con un impatto totale sulle esportazioni stimato in 20,2 miliardi di dollari, seguito dalla Cina con 11,2 miliardi di dollari e dalla Corea del Sud con 6,7 miliardi di dollari.

Paesi membri RCEP (Tigre 7253 / CC BY SA 4.0)

Lo studio dell’UNCTAD ha stimato che le concessioni tariffarie da parte dei partecipanti all’RCEP aumenterebbero le esportazioni all’interno della regione del 2% rispetto al livello del 2019, ovvero circa 41,8 miliardi di dollari, allontanando il commercio dalle economie non membri e stimolando nuovi scambi all’interno del blocco.

Si prevede che RCEP aumenterà i flussi commerciali regionali e approfondirà i collegamenti di produzione transfrontalieri tra le sue 15 economie membri. Dovrebbe aiutare ad attrarre investimenti, fornire alle aziende un’ampia gamma di siti di produzione con diversi vantaggi comparativi e l’opportunità di esportare a tariffe preferenziali in un’ampia regione economica che comprende sia consumatori ad alto reddito che un segmento di reddito medio ampio e in crescita .

In base all’accordo, oltre il 90% del commercio di merci tra i membri sarà infine soggetto a tariffe zero. I tagli tariffari saranno in media una leggera riduzione dello 0,7 percento entro il decimo anno e dell’1 percento entro il ventesimo anno dall’entrata in vigore dell’accordo. I tagli alle tariffe variano ampiamente tra i prodotti e le economie, con il ritmo di riduzione più graduale in Cambogia, Laos e Vietnam, consentendo più tempo a queste economie a basso reddito per adattarsi all’aumento della concorrenza.

I vantaggi si estendono alle imprese di tutte le dimensioni. Con l’aumento della connettività, il commercio elettronico transfrontaliero tra la Cina e i paesi membri dell’ASEAN si è sviluppato rapidamente, fornendo nuovo impulso allo sviluppo economico regionale.

La produzione in settori come tessile, abbigliamento, pelle, legno e carta crescerà più rapidamente durante i primi 10 anni dell’accordo; Mentre settori come l’agricoltura, l’energia, l’estrazione mineraria, la chimica e l’elettronica si espanderanno a un ritmo più rapido nel lungo termine.

Philip Toh è un avvocato praticante e partner ed è il responsabile delle pratiche assicurative, marittime, del commercio internazionale e dell’arbitrato presso Azmi & Associates Malaysia. Ha esercitato la pratica legale a Singapore e in Malesia per oltre 30 anni ed è un arbitro internazionale con diversi centri di arbitrato internazionale di AIAC, ICC, SCMA, LMAA, KCAB, AABD, Brunei, CAAI Taiwan e LCIA.

Le opinioni qui espresse sono quelle dell’autore e non necessariamente quelle di The Maritime Executive.

READ  I profitti Ferrari aumentano con il ritorno della produzione

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x