'Era impensabile': l'attesa ventennale di San Marino per la vittoria potrebbe presto finire | San Marino

'Era impensabile': l'attesa ventennale di San Marino per la vittoria potrebbe presto finire |  San Marino

“IO Ricordatelo chiaramente. Ciò che lo ha reso davvero speciale è che non ce lo aspettavamo. “Ma non c'è stata una grande celebrazione: il semplice fatto di uscire dal campo dopo 90 minuti da vincitori, per la prima volta, è stata la più grande celebrazione che avremmo potuto festeggiare”, afferma Simone Battucci. “Non avevamo bisogno di una festa. Questa era più di una semplice squadra di calcio, non solo un gruppo di giocatori di football. Era un gruppo di amici, un gruppo di persone che hanno fatto sacrifici, lottato e combattuto insieme per raggiungere il traguardo l’obiettivo era fare una bella partita per ottenere un buon risultato”.

Paciocchi aveva 27 anni quando il San Marino batté il Liechtenstein 1-0 nell'aprile 2004, la prima vittoria del suo Paese in una partita internazionale. Un mese dopo due decenni, i Samaritani aspettano ancora la loro seconda vittoria. Dal fischio finale di Serravalle quella sera, il San Marino ha giocato 137 partite ed è stato in vantaggio per soli sei minuti, contro Malta nell'agosto 2012.

Ma i giorni bui potrebbero presto finire. Giocano amichevoli mercoledì e domenica in casa contro il St. Kitts e Nevis, il che potrebbe anche essere Classificato Nobile 147 dalla FIFA (San Marino è 210esimo e ultimo) Ma ha perso sette delle ultime nove partite, l'ultima 5-0 in Guadalupa lo scorso novembre. Nel frattempo, San Marino entra in campo con una serie di gol in ciascuna delle ultime tre partite, un'impresa senza precedenti, avendo perso le partite con un margine ristretto di 2-1, 3-1 e 2-1.

READ  Pasadena Humanities organizza una giornata di adozione gratuita sabato - Pasadena Weekender

“Non ho idea di cosa accadrà se vinciamo”, dice Lorenzo Cappuccione, un centrocampista di 22 anni. “Era qualcosa di quasi inimmaginabile, qualcosa di irrealizzabile, ma questa volta possiamo sicuramente farcela. Normalmente cerchiamo di mantenere il punteggio sullo 0-0 il più a lungo possibile, ma sarà completamente diverso, perché dobbiamo essere davanti. provare a segnare”. Ma abbiamo dimostrato di cosa siamo capaci contro la Danimarca sul nostro terreno [last October]: Abbiamo perso 2-1 e eravamo in pareggio a 20 minuti dalla fine e alla fine stavamo pressando per pareggiare.

San Marino batte il Liechtenstein 1-0

Cappuccione ha esordito in nazionale nel 2022, quando il San Marino ha giocato due amichevoli contro i rivali caraibici a Santa Lucia, pareggiandone una e perdendo l'altra. Ma quelle partite si giocarono fuori casa e con una squadra debole. “Non conosco bene St. Kitts, ma l'allenatore ci ha mostrato alcuni videoclip e presumo che il loro livello sarà più o meno lo stesso di St. Lucia”, dice. “Ci mancavano diversi giocatori della nostra formazione titolare in quelle partite e questa volta saremo al massimo delle forze, quindi penso che se giochiamo al meglio possiamo farcela, non voglio portarci sfortuna, ma possiamo farcela Esso.”

Nonostante la promettente serie di gol, il San Marino ha cambiato allenatore, Roberto Civoli, al posto di Fabrizio Costantini. “Mi dispiace molto”, ha detto Costantini alla sua scomparsa lo scorso dicembre. “Mio padre non è potuto venire allo stadio in questi anni e volevo dedicarlo alla vittoria che sapevo sarebbe arrivata”. Dall'ultima volta che la squadra ha giocato Aldo Simoncini, il 37enne portiere titolare, e il suo sostituto, il 28enne Elia Benedettini, hanno annunciato il loro ritiro dalla nazionale. Ultima parola Che nonostante l'età pensava già da tempo a questo passaggio: “Il clima che c'era in squadra mi ha sempre impedito di farlo, non rinuncerei mai ad una seconda famiglia”.

Matteo Vitaioli è stato oggetto di una diffusa derisione dopo aver interrotto una serie di 34 trasferte senza segnare nel 2015. Un gol vincente per la Lituania nei minuti di recupero ha suggellato la sconfitta della squadra. Fotografia: Petras Malukas/AFP/Getty Images

Cappuccione insiste che il clima in squadra è ancora frizzante. “Sono sempre le stesse persone e non credo che sia cambiato molto”, dice. “Siamo comunque un bel gruppo, proveniamo da un Paese piccolo, ci conosciamo bene. Quando arriva il momento di giocare in Nazionale sappiamo che dobbiamo dare qualcosa in più per aiutarci a vicenda amicizia – si può dire che ci vediamo più come fratelli”. “Quindi facciamo del nostro meglio l'uno per l'altro in campo. È uno spirito diverso. Sappiamo che di solito siamo più deboli dei nostri avversari, quindi è quello che dobbiamo fare .”

Salta la precedente promozione della newsletter

Con la popolazione sammarinese Secondo le stime delle Nazioni Unite Con 32.960 – circa un duemillesimo di quelle del Regno Unito – le possibilità della squadra di battere la maggior parte degli avversari saranno sempre scarse e, dopo 206 partite, il loro record di tutti i tempi è di una vittoria, nove pareggi e 196 sconfitte. Ma nonostante quegli scarsi risultati e i gol segnati, rappresentare San Marino non è mai stata un’impresa. Ovviamente permette ai selezionati di giocare davanti a migliaia e contro superstar: Cappuccione custodisce una foto con Christian Eriksen; Bacciucci ricorda di aver guardato Zlatan Ibrahimovic, Robert Lewandowski e Klaas-Jan Huntelaar e di aver giocato tre volte a Wembley.

“Ogni partita era motivo di grande orgoglio”, dice Patiucci. “Siamo una nazione piccola, quindi ovviamente non abbiamo grandi giocatori e chi gioca deve fare dei sacrifici, quindi quando giochi ci metti il ​​cuore, giochi con la massima passione. Eravamo giocatori, eravamo lavoratori , eravamo gente normale. Il ragazzino che lavora tutto il giorno. Oggi poi va in campo a giocare contro i professionisti, contro gente che gioca a calcio per vivere, questa è una cosa speciale.

“Che quella partita del 2004 rimanga l'ultima vittoria, l'unica vittoria, non va bene, ma c'è anche il piacere di essere coinvolti nel dare l'esempio, dimostrando che vincere è possibile. Negli ultimi anni c'è stata una cosa tanto lavoro e molte cose sono migliorate. E ora “È il momento di trasformare questa fatica in vittoria”.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x