Esplosioni in Iran durante una cerimonia in onore di Qassem Soleimani

Esplosioni in Iran durante una cerimonia in onore di Qassem Soleimani

Dubai, Emirati Arabi Uniti –

Mercoledì, a due minuti di distanza l'una dall'altra, in Iran, ha preso di mira la memoria di un importante generale ucciso in un attacco di droni statunitensi nel 2020, uccidendo almeno 103 persone e ferendone almeno altre 141, mentre il Medio Oriente rimane teso per la guerra israeliana contro Hamas Nella Striscia di Gaza. .

Nessuno ha immediatamente rivendicato la responsabilità di quello che i media statali iraniani hanno descritto come un attacco “terroristico” subito dopo le esplosioni a Kerman, circa 820 chilometri (510 miglia) a sud-est della capitale Teheran.

Sebbene Israele abbia effettuato attacchi in Iran a causa del suo programma nucleare, ha compiuto omicidi mirati, non bombardamenti che hanno provocato vittime di massa. Gruppi estremisti sunniti, compreso lo Stato islamico, hanno effettuato in passato attacchi su larga scala che hanno ucciso civili nell’Iran a maggioranza sciita, ma non nella relativamente pacifica Kerman.

Negli ultimi anni l’Iran è stato anche teatro di proteste di massa, comprese quelle scatenate dalla morte della 22enne Mahsa Amini nel 2022. Il paese è stato anche preso di mira da gruppi in esilio in attacchi risalenti ai disordini che circondavano la rivoluzione islamica del 1979.

Le esplosioni sono avvenute in occasione di un evento che celebra il quarto anniversario dell'uccisione del generale Qassem Soleimani, comandante della Forza Quds della Guardia rivoluzionaria. Morto in un attacco di droni statunitensi in Iraq nel gennaio 2020. Le esplosioni sono avvenute vicino alla sua tomba a Kerman.

La televisione di Stato iraniana ha citato il bilancio delle vittime grazie a Babak Yektaparast, portavoce dei servizi di emergenza del Paese. Alcune persone sono rimaste ferite mentre fuggivano, hanno detto le autorità.

READ  La Serbia chiede alla NATO di schierare esercito e polizia serbi in Kosovo

Il filmato indica che la seconda esplosione è avvenuta circa 15 minuti dopo la prima. I militanti spesso utilizzano la seconda esplosione ritardata per prendere di mira il personale di emergenza che interviene sulla scena e causare più vittime.

Si possono sentire le persone urlare nelle riprese della televisione di stato.

Il vicegovernatore di Kerman Rahman Jalali ha descritto l'attacco come “terroristico” senza fornire ulteriori dettagli. L’Iran ha molteplici nemici che potrebbero essere dietro l’attacco, inclusi gruppi in esilio, organizzazioni armate e attori governativi. L’Iran ha sostenuto Hamas così come la milizia sciita libanese Hezbollah e i ribelli Houthi nello Yemen.

Soleimani è stato l'architetto delle attività militari regionali dell'Iran ed è visto come un'icona nazionale tra i sostenitori della teocrazia iraniana. Ha anche contribuito a proteggere il governo del presidente siriano Bashar al-Assad dopo che le proteste della Primavera Araba contro di lui nel 2011 si sono trasformate in una guerra civile, poi regionale, che infuria ancora oggi.

Relativamente sconosciuto in Iran fino all'invasione americana dell'Iraq nel 2003, la popolarità e la mistica di Soleimani sono cresciute dopo che i funzionari statunitensi hanno chiesto la sua uccisione per il suo aiuto nell'armare i militanti con bombe che penetravano nelle strade che uccidevano e mutilavano le truppe americane.

Un decennio e mezzo dopo, Soleimani è diventato il comandante più visibile dell’Iran sul campo di battaglia, ignorando le richieste di entrare in politica ma diventando potente quanto la sua leadership civile, se non di più.

Alla fine, un attacco di droni da parte dell’amministrazione Trump ha ucciso il generale, come parte dell’escalation di incidenti che hanno seguito il ritiro unilaterale dell’America dall’accordo nucleare di Teheran con le potenze mondiali nel 2018.

READ  Meghan Markle, gli ultimi viaggi del principe Harry indicano che 'non va tutto bene'

In passato l’uccisione di Soleimani ha attirato grandi cortei. Al suo funerale nel 2020, a Kerman scoppiò una fuga precipitosa e almeno 56 persone furono uccise e più di 200 ferite mentre migliaia si accalcavano nel corteo. Per il resto, Kerman è rimasta in gran parte indenne dai recenti disordini e attacchi che hanno colpito l’Iran. La città e la provincia con lo stesso nome si trovano nell'altopiano desertico centrale dell'Iran.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x