Espresso e Carmine scoprono due esopianeti abitabili attorno a una stella vicino al Sole

I pianeti appena scoperti orbitano attorno alla stella GJ 1002, che si trova a meno di 16 anni luce dal sistema solare.

La natura sembra intenzionata a dimostrare che i pianeti simili alla Terra sono molto comuni. Con questi due, ora ne conosciamo 7 nei sistemi planetari molto vicini al Sole”, spiega Alejandro Suárez Mascareño, ricercatore IAC, che è il primo autore dello studio che è stato accettato per la pubblicazione su Astronomy & Astrophysics.

I pianeti appena scoperti orbitano attorno alla stella GJ 1002, che si trova a meno di 16 anni luce dal sistema solare. Entrambi hanno masse simili a quelle della Terra e si trovano nella zona abitabile della loro stella. GJ 1002b, la parte più interna delle due, impiega poco più di 10 giorni per completare un’orbita attorno alla stella, mentre GJ 1002c ha bisogno di poco più di 21 giorni. “GJ 1002 è una stella nana rossa, la sua massa è appena un ottavo di quella del Sole. È una stella debole e brillante. Ciò significa che la sua zona di abitazione è molto vicina alla stella” spiega Vera María Passegger, coautrice dell’articolo e ricercatore IAC.

La vicinanza della stella al nostro sistema solare indica che i due pianeti, in particolare GJ 1002c, sono ottimi candidati per caratterizzare le loro atmosfere in base alla loro luce riflessa o alla loro emissione termica. “Il futuro spettrografo ANDES del telescopio ELT dell’ESO, in cui è coinvolto IAC, può studiare la presenza di ossigeno nell’atmosfera di GJ 1002c”, osserva Junai I. . Inoltre, entrambi i pianeti soddisfano le caratteristiche richieste per essere bersagli della futura missione LIFE, attualmente in fase di studio.

READ  La NASA e SpaceX lanciano la missione Crew-2 dopo un ritardo meteorologico

La scoperta è stata fatta durante una collaborazione tra il consorzio di strumenti ESPRESSO e CARMENES. GJ 1002 è stato osservato da CARMENES tra il 2017 e il 2019 e da ESPRESSO tra il 2019 e il 2021. «A causa delle basse temperature, la luce visibile di GJ 1002 è troppo debole perché le sue variazioni di velocità possano essere misurate con la maggior parte degli spettrometri», afferma Ignasi. Ribas, Ricercatore presso l’Istituto di Scienze Spaziali (ICE-CSIC) e Direttore dell’Istituto di Studi Spaziali della Catalogna (IEEC). Carmen ha una sensibilità su un’ampia gamma di lunghezze d’onda del vicino infrarosso superiore a quella di altri spettrometri volti a rilevare differenze nelle velocità delle stelle, e questo le ha permesso di studiare GJ 1002, dal telescopio di 3,5 metri del Calar Alto Osservatorio.

La combinazione di ESPRESSO e la potenza di raccolta della luce dei telescopi VLT 8m dell’ESO ha consentito misurazioni con una precisione di soli 30 cm/sec, irraggiungibile con qualsiasi altro strumento al mondo. “Nessuno dei due gruppi avrebbe incontrato molte difficoltà se si fosse avvicinato a questo lavoro in modo indipendente. Insieme siamo stati in grado di ottenere progressi molto maggiori di quelli che avremmo fatto da soli.

Due pianeti di moderata massa terrestre orbitano attorno alla vicina stella GJ 1002e astronomia e astrofisica

Astrobiologia

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x