Euro 2020: Una squadra è rinata, Roberto Mancini ha cambiato il suo ‘grande sogno’ per l’Italia By David Pritchard

Mentre l’Italia assisteva agli ultimi momenti della vittoria per 1-0 sul Galles, il pubblico dello stadio di Roma ha iniziato a cantare Notti Magiche, la canzone dei Mondiali del 1990, l’ultimo grande torneo che si è svolto nel paese.

Era un cenno a un passato dorato e, allo stesso tempo, una celebrazione del presente e del futuro scintillante.

Per l’Italia è stata la terza vittoria in tre partite della fase a gironi a Euro 2020, l’undicesima vittoria consecutiva – ha segnato 32 gol senza subire reti – e la trentesima partita senza sconfitte, eguagliando il record nazionale.

Il prossimo appuntamento per gli Azzurri è sabato contro l’Austria, secondo turno, e a Wembley si recano a Wembley una squadra rinata.

Dalle ceneri della mancata qualificazione ai Mondiali 2018 è emersa una nuova Italia. Il potere difensivo delle generazioni passate permane, ma sotto il manager Roberto Mancini, c’è un nuovo approccio.

I tifosi si innamorano di nuovo della loro squadra. Dalla vivace zona dei tifosi di Piazza del Popolo al tassista che offre a questo giornalista un’emozionante analisi tattica, si può sentire un rinnovato senso di ottimismo pervadere la nazione.

È stata una rinascita per i tifosi dell’Italia, anche se la partita di domenica è stata anche una sorta di addio. Avendo giocato le tre partite della fase a gironi a Roma, la struttura di questa competizione transcontinentale fa sì che l’Italia non rientri nella propria capitale fino alla fine del torneo, e forse anche a casa con un trofeo da sfoggiare.

Quindi Notti Magiche, che si traduce come “notti magiche”, è sembrata una scelta appropriata poiché i fan dell’Italia hanno dato un divertente addio alla loro squadra, anche se è arrivato con un pizzico di rammarico per Mancini.

“È stato fantastico sentirlo finalmente perché è stato un viaggio nella memoria, un momento meraviglioso perché eravamo molto più giovani all’epoca”, ha detto il 56enne, che ha partecipato alla Coppa del Mondo del 1990.

READ  L'Inghilterra non avrà il sostegno interno contro l'Ucraina a Euro 2020

“Il Mondiale del 1990, con tutti i tifosi alle nostre spalle e l’amore che c’era per questa squadra, è stato eccezionale ed è stato un peccato non essere riusciti a vincere questa competizione”.

Il rimpianto personale di Mancini è stato più che la delusione collettiva dell’Italia. Anche se ha partecipato regolarmente a Euro 1988 ed è stato una stella del calcio per club italiano, non ha giocato un solo minuto in Coppa del Mondo in casa in cui il suo paese è arrivato terzo.

Anche per un uomo che ha vinto tanti trofei da giocatore e da allenatore, quella marachella c’è ancora e Mancini lo ha deriso per migliorare questa nazionale.

A un minuto dalla fine della vittoria di domenica sul Galles, Mancini ha portato in campo il secondo portiere Salvatore Sirigu, che è stato visibilmente contento di provare l’entusiasmo di rappresentare il suo paese in un grande torneo in casa.

Dopo aver apportato otto modifiche alla sua formazione iniziale per quella partita, l’introduzione di Sirigu da parte di Mancini ha significato che ora ha utilizzato 25 dei 26 convocati italiani per Euro 2020.

Il mantra dell’allenatore durante tutta la competizione è che non c’è distinzione tra titolari e giocatori in panchina, e ha ripetuto questo punto dopo la vittoria di domenica, dicendo: “Hanno dimostrato di essere tutti principianti”.

“Questo gruppo italiano è molto fiducioso in quello che sta facendo, ha un senso di sinergia, un senso di obiettivi collettivi e un lavoro che risale a quando Mancini è stato in carica con l’Italia”, ha detto alla radio BBC Wales il giornalista calcistico italiano Nikki Bandini.

“La forza di questa squadra italiana è nella mentalità che qui non ci sono stelle, e se qualcuno cade – come ha fatto alla vigilia del torneo Marco Verratti, uno dei protagonisti – puoi perdere un giocatore così ed ecco che arriva Manuel Locatelli, che pensano possa essere altrettanto efficiente in quello che stanno cercando di fare.

READ  Un assistente portatile di Nancy Pelosi è stato rubato durante l'assedio del Campidoglio

“L’Italia ha assunto l’identità della squadra che pensa di poter vincere il campionato”.

“Giochiamo un buon calcio e sogniamo in grande”

Promuovere un così forte senso di simbiosi ha permesso a Mancini di inaugurare un nuovo stile di gioco più avventuroso.

Il calcio italiano è stato a lungo associato a una difesa avara e alla riluttanza a giocare molto, anche quando si vince la partita. Fino a quest’estate l’Italia non aveva segnato più di due gol in una sola partita dell’Europeo, nonostante avesse vinto il campionato una e due volte al secondo posto.

Ma in questo torneo, hanno vinto le loro prime due partite 3-0 contro Turchia e Svizzera, sconfiggendo entrambe le squadre con una prestazione vibrante e piena di intenti offensivi.

“Questo passaggio è dovuto davvero a un momento difficile che abbiamo avuto con la nazionale – ha detto Mancini alla BBC Sport Wales -. Abbiamo avuto questo cambio generazionale con un certo numero di giovani giocatori e volevamo ottenere di più”.

“Ma non dimentichiamo che abbiamo vinto la Coppa del Mondo quattro volte nel modo in cui giochiamo a calcio, quindi, ovviamente, la difesa è sempre un principio chiave del nostro gioco. Serve il giusto equilibrio: devi difendere bene e attaccare bene .

“Abbiamo cercato di cambiare il nostro modo di pensare, soprattutto per quanto riguarda il modo in cui attacchiamo. Cerchiamo di giocare molto davanti.

“C’è un buon mix. I giocatori hanno fatto un ottimo lavoro. Meritano di essere lodati per aver acquistato questo stile di gioco così velocemente”.

Mancini non è sempre stato visto come l’allenatore più offensivo. Avendo gestito club come Manchester City e Inter, ha mostrato la volontà di essere pratico quando necessario.

Ma con una nazionale italiana così fantastica, sta attingendo alla sua forza adottando un approccio così progressista.

Con più di 1.000 minuti di gol subiti, è chiaro che Mancini non ha dimenticato l’importanza della solidità difensiva, ma difensori centrali come Giorgio Chiellini e Leonardo Bonucci hanno davanti a sé una ricca schiera di talenti.

READ  Xero, Nedbank Team presso Bank Feed API Powered

C’è una schiera di centrocampisti di livello mondiale, con Jorginho e Verratti a dettare il gioco, mentre Locatelli, Nicolo Barella e Matteo Pessina hanno tutti impressionato in questo torneo.

In una deviazione dalla tradizione, l’Italia è ora benedetta con grandi attaccanti come Lorenzo Insigne e Federico Chiesa per completare i centravanti Ciro Immobile e Andrea Belotti.

Per dimostrare in profondità la loro forza, Chiesa, il cui padre Enrico ha giocato anche per l’Italia, non è stato in grado di unirsi alla squadra per le vittorie su Turchia e Svizzera, ma è stato il miglior giocatore nella partita contro il Galles.

“Stiamo giocando un buon calcio”, ha detto l’attaccante della Juventus al termine della partita.

“Abbiamo ragione a sognare in grande perché alla fine siamo qui per cercare di vincere la competizione”.

L’Italia è giustamente sicura di sé. Hanno passato tre anni a correre imbattuti, segnando gol gratuiti e non concedendo nulla – e non c’è dubbio che siano tra i favoriti per vincere Euro 2020.

Le semifinali e le finali si svolgeranno a Wembley, dove Mancini ha assaporato il successo da allenatore con il Manchester City nella finale di FA Cup 2011, ma ha sofferto anche da giocatore con la Sampdoria, capitano della squadra quando ha perso l’Europeo del 1992 Finale di Coppa al Barcellona.

Ora con l’Italia, Mancini spera che la partita del secondo turno di sabato sia la prima delle tre trasferte a Wembley quest’estate.

“Siamo molto emozionati”, ha detto, “sarà una prova per chiunque dovremo affrontare”.

“È bello andare a Wembley. È l’inizio di una competizione completamente nuova e dovremo giocare molto bene in futuro. Speriamo di poter tornare più a Wembley nella competizione”.

“Il meglio deve ancora venire.”

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x