Facebook sta testando la crittografia end-to-end come predefinita su Messenger

Facebook è stato a lungo criticato per non aver utilizzato la crittografia end-to-end come opzione predefinita per il suo servizio di messaggistica, ma ciò potrebbe cambiare presto.

Questa settimana Facebook annunciare Ha iniziato a testare la crittografia end-to-end predefinita tra alcuni utenti della sua app Messenger. La società prevede di implementare la funzionalità di messaggistica e chiamate a livello globale il prossimo anno.

Con la crittografia end-to-end, Facebook e la sua società madre Meta non possono visualizzare le conversazioni private dei propri utenti, solo mittenti e destinatari possono farlo. Questa è un’importante funzionalità di sicurezza che protegge gli utenti dai criminali informatici e dagli hacker, nonché dalle forze dell’ordine, che potrebbero richiedere alle piattaforme di social media di fornire la cronologia delle chat private come parte dell’indagine.

L’annuncio di Facebook arriva in mezzo a una reazione da parte dei difensori della privacy dopo che la società ha consegnato messaggi privati ​​tra una madre e una figlia al dipartimento di polizia del Nebraska in un caso relativo all’aborto. Facebook ha affermato che il suo aggiornamento di sicurezza non ha nulla a che fare con il caso del Nebraska.

Finora, WhatsApp è l’unico servizio di proprietà di Meta che utilizza la crittografia end-to-end predefinita.

L’anno scorso, Meta ha iniziato a testare la crittografia end-to-end per messaggi e chiamate su Instagram. A febbraio, ha ampliato il test per includere gli adulti in Ucraina e Russia. Meta ha affermato di voler espandere questo test a persone provenienti da più paesi e fasce di età diverse.

Facebook fornisce già agli utenti la crittografia end-to-end delle cosiddette “conversazioni segrete”, che devono essere abilitate. Non è chiaro quale percentuale di Facebook 3 miliardi di utenti In realtà crittografa le loro conversazioni.

READ  The Humble Bundle sta andando avanti con un tetto alle donazioni di beneficenza sugli acquisti

Rendere la crittografia end-to-end l’opzione predefinita sarebbe un passo importante, in particolare alla luce delle preoccupazioni sulla scia dell’inversione della sentenza Roe contro Corte Suprema. Wade il giudice per pubblicare messaggi privati poter usare Per perseguire le donne che cercano assistenza sanitaria riproduttiva.

Sebbene i sostenitori della privacy digitale supportino l’aggiornamento della sicurezza di Meta, hanno affermato che la mossa dovrebbe arrivare prima, poiché la questione della crittografia end-to-end è stata dibattuta per anni.

“La richiesta è semplice: ogni servizio di messaggistica dovrebbe essere crittografato end-to-end per impostazione predefinita, il più vicino umanamente possibile. Qualcosa di meno rischioso”, Egli ha detto Evan Greer, direttore dell’organizzazione no profit per i diritti digitali Fighting for the Future.

Aggiornamenti di sicurezza di Facebook

Oltre alla crittografia end-to-end predefinita, Facebook sta anche testando una nuova funzionalità di archiviazione sicura per eseguire il backup dei messaggi degli utenti nel caso in cui perdano il telefono cellulare o il computer e decidano di ripristinare la cronologia dei messaggi su un altro dispositivo.

Con la crittografia end-to-end, Facebook non sarà in grado di accedere a questi messaggi a meno che l’utente non venga segnalato come in violazione delle politiche di Facebook.

Per accedere a questi backup, gli utenti devono creare un PIN o creare un codice noto solo a loro. Un’altra opzione è utilizzare un servizio cloud come iCloud per archiviare una chiave segreta che consente agli utenti di accedere ai backup. Quest’ultimo metodo è sicuro, ha affermato Facebook, ma non è protetto dalla crittografia end-to-end di Messenger.

Nelle prossime settimane, l’azienda rilascerà più test e aggiornamenti per le sue chat crittografate end-to-end. Ad esempio, i messaggi eliminati verranno sincronizzati su tutti i dispositivi e gli utenti potranno annullare l’invio di messaggi o risposte alle storie di Facebook.

Fino Neri

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x