Farfalle che contengono non una vespa, ma due vespe parassite, vivono dopo il loro rilascio su un’isola finlandese

6:34Farfalle che contengono non una vespa, ma due vespe parassite, vivono dopo il loro rilascio su un’isola finlandese

Leggi il testo della storia

L’ecologo che trent’anni fa ha introdotto la farfalla fritillary di Glanville arancione e marrone in una piccola isola vicino alla Finlandia, per studiare come si diffonde la popolazione, non sapeva che stava anche facendo una sorpresa ad alcuni clandestini: due tipi di vespe parassite, una che vive all’interno l’altro.

La biologa evoluzionista Anne Duplouy, che ha seguito i tre, dice che è un esempio del livello di cautela che gli scienziati devono usare nell’introdurre le specie in un ecosistema. Ma è stata anche sorpresa da quanto le tre specie siano sopravvissute decenni dopo.

“C’è sempre la possibilità di introdurre un parassita, un parassita, come è stato nel nostro sistema”, ha detto. come succede La padrona di casa Carol Ove.

Dobloy ha descritto la relazione tra una farfalla e un calabrone come una serie di bambole russe che nidificano. All’interno delle larve di bruco farfalla di una vespa parassita, Hyposoter orticola, E dentro quelle larve ci sono le larve di un’altra vespa, l’iperparassita mesocoro vedere sTigmatico.

“Piccolo [insects] “In realtà depone le uova all’interno di altri insetti”, ha detto Dobloy. “Le larve escono dalle uova all’interno del corpo della farfalla… e poi le mangiano dall’interno verso l’esterno”.

Quindi è un po’ brutto, ma è anche fantastico”.

L’ecologista Ilka Hansky ha portato il relitto di Glanville a Sotunga, nell’arcipelago delle Åland nel Mar Baltico, da un’isola vicina nel 1991. Stava osservando la farfalla per testare la sua teoria del metabolismo, osservando come le specie affrontano la perdita dell’habitat.

READ  Cambiare la "faccia sorridente" su Marte in circa 10 anni

Il lavoro di Hansuke è Essenziale per capire com’è la biodiversità sostenibile in un ecosistema.

“Il professor Hansky ha scelto quest’isola in particolare… perché in qualche modo sapeva che la farfalla non sarebbe stata in grado di disperdersi”, ha detto Dobloy.

“Non vola molto bene e l’isola è separata dalle altre da almeno sei chilometri d’acqua tutt’intorno”.

Glanville fritillary (Melitaea cinxia) si nutre di fiori di speedwell (Veronica sp.); (Pretrascinamento/Shutterstock)

Ma Hansky non si aspettava di vedere le minuscole – e rare – vespe che a volte scoppiano in larve, uccidendole prima che diventino farfalle.

“È stata una specie di sorpresa, dopo alcuni anni”, secondo Doblois.

All’epoca si sapeva poco della vespa parassita e della vespa più piccola che viveva al suo interno. Recenti studi dimostrano che la crescita eccessiva del parassita può uccidere la vespa parassita più o meno alla stessa ora Perché il grande calabrone uccide il bruco. Quindi, dopo dieci giorni, una giovane vespa si alza dalla carcassa della larva.

Duplouy fu sorpreso di vedere che tutte e tre le specie (più i batteri trasportati da vespe parassite) erano ancora vive sull’isola, trent’anni dopo.

lei pubblicato uno studio in ecologia molecolare a luglio dopo aver seguito per alcuni anni farfalle e vespe.

Nel complesso si dice che tutte e tre le specie hanno numeri abbastanza grandi da essere un “buon gruppo”, ma negli anni in cui non ha piovuto così tanto, o quando c’è stata una siccità sull’isola, le popolazioni di farfalle crollano. Poiché le vespe non avevano altri ospiti di farfalle, non potevano parassitare nient’altro e anche il loro numero si schiantò.

Il suo studio ha esaminato la genetica della vespa parassita, che era sorprendentemente diversa, anche con quelle collisioni.

“Sembra che questa farfalla si stia riprendendo in qualche modo dal collasso della popolazione isolata e la diversità genetica di Öland rimane straordinariamente alta, nonostante tutti i colli di bottiglia che la farfalla ha attraversato”, ha detto. guardiano.

Ma Dobloe rimane cauto riguardo agli effetti non intenzionali dello studio iniziale di Hansky.

“Non introduciamo mai una sola specie, e nel caso di artropodi, insetti, ragni – rettili ovunque – questi batteri possono anche avere un impatto molto grande sulle dinamiche della popolazione, sulla persistenza e resilienza di quelle specie nell’habitat in cui presentarli”, ha ammonito.


Scritto da Mahik Mazhar. Intervista ad Anne Dobloy, prodotta da Chris Harbord.


Altro da questo episodio

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x