Fermi della NASA rileva un impulso di radiazione di supernova ad alta energia che corre verso la Terra

In un’affascinante scoperta, la NASA ha rilevato gli eventi di burst di raggi gamma (GRB) più brevi della storia dopo aver rilevato raggi energetici da una stella in collasso che correva verso la Terra. Il fenomeno, rilevato dal telescopio spaziale Fermi Gamma Ray della NASA il 26 agosto 2020, è uno dei tipi più brevi di GRB derivanti dalla morte di una stella massiccia e dura meno di un secondo.

Secondo Bin-bin Zhang dell’Università di Nanchino in Cina e dell’Università del Nevada a Las Vegas, questo evento ha dimostrato che le stelle morenti possono anche produrre brevi esplosioni. I GRB corti vengono spesso prodotti quando coppie di oggetti compatti, come le stelle di neutroni, rotolano verso l’interno per miliardi di anni e si scontrano, secondo la NASA.

“Questa esplosione è speciale perché è sicuramente un GRB di breve durata, ma le sue altre caratteristiche indicano la sua origine da una stella che collassa. Ora sappiamo che anche le stelle morenti possono produrre brevi esplosioni”.

Thomas Ahumada, uno studente di dottorato presso l’Università del Maryland, College Park, e il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, Maryland, ha osservato che l’esplosione ha rilasciato 14 milioni di volte l’energia che l’intera Via Lattea ha prodotto nello stesso periodo di tempo. Questo lo ha reso uno dei GRB più attivi di sempre.

L’evento, chiamato GRB 200826A, è stato registrato come un brusco scoppio di emissioni ad alta energia che è durato solo 0,65 secondi. Dopo aver viaggiato per un lungo periodo di tempo attraverso l’universo in espansione, il segnale è stato rilevato dal Fermi Gamma Ray Burst Monitor. È apparso anche negli strumenti a bordo della missione Wind della NASA, del Mars Odyssey e del satellite INTEGRAL dell’Agenzia spaziale europea (ESA).

READ  TrueCaller Guardians risolve un bug che consentiva agli hacker di rintracciare segretamente la tua famiglia

Come viene prodotto il GRB?

Secondo la NASA, quando una stella molto più grande del Sole esaurisce il carburante, il suo nucleo collassa e forma un buco nero. Mentre la materia ruota verso il buco nero, parte di essa fuoriesce sotto forma di due potenti getti che si precipitano verso l’esterno quasi alla velocità della luce in direzioni opposte. Ogni getto attraversa la stella, producendo un impulso di raggi gamma che è la forma di energia più alta della luce e dura fino a minuti. Un GRB viene rilevato quando uno di questi getti si sta dirigendo quasi direttamente verso la Terra. Dopo l’esplosione, la stella in frantumi si espande come una supernova. Un GRB corto spesso dura meno di due secondi, mentre un GRB lungo dura più di due secondi.

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x