Fonti hanno detto che l’esclusiva italiana Enel è in trattative per vendere il distributore brasiliano Celg-D

Una foto del logo della multinazionale italiana dell’energia Enel presso la sede di Milano, 5 febbraio 2020. (Reuters) / Flavio Lo Scalzo / File Photo

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

San Paolo (Reuters) – L’italiana Enel SpA (ENEI.MI) è in trattative per vendere la società brasiliana di distribuzione di energia Celg-D in un accordo che potrebbe ammontare a 2 miliardi di dollari, hanno detto tre persone che hanno familiarità con la questione.

Tra le società interessate all’acquisizione di Celg-D, che distribuisce energia nello stato brasiliano centrale di Goias e serve 3,27 milioni di clienti, c’è la concorrente brasiliana CPFL Energia SA (CPFE3.SA), controllata dalla State Grid Corporation of China, Neoenergia SA ( NEOE3.SA), controllata dalle spagnole Iberdrola (IBE.MC) e EDP Energias do Brasil SA (ENBR3.SA), di cui il portoghese EDP (EDP.LS) è il maggiore azionista.

Altri contendenti per Celg-D, che ha un valore stimato di 10 miliardi di reais ($ 2,14 miliardi) compreso il debito, includono i concorrenti brasiliani Energisa (ENGI11.SA) ed Equatorial Energia SA (EQTL3.SA). Il patrimonio di Celg-D è valutato a circa 5 miliardi di OMR.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Enel e Neunergia hanno rifiutato di commentare. CPFL, EDP Energias do Brasil, Equatorial ed Energisa non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento.

L’unità di investment banking di Itau Unibanco Holding SA assiste Enel.

Enel ha pagato SAR2,1 miliardi per acquisire Celg-D dallo stato brasiliano di Goias e dalla holding Centrais Eletricas Brasileiras, meglio nota come Eletrobras (ELET6.SA), in un’asta di privatizzazione del 2016. Nel 2020 il governatore del Goias Ronaldo Kayado ha criticato Enel per la qualità del servizio Celg-D.

READ  L'inviato speciale dell'Onu rinnova le sue richieste per il ritiro delle forze straniere dalla Libia

Celg-D è tra i peggiori distributori di energia brasiliani per qualità del servizio, secondo le valutazioni pubblicate dall’organizzazione energetica brasiliana Aneel. L’anno scorso, l’azienda si è classificata al terzo posto su 29 aziende.

Enel in Brasile ha quattro società di distribuzione di energia negli stati di San Paolo, Rio de Janeiro, Ceará e Goiás, che servono 18 milioni di clienti.

EDP ​​Brasil può avere sinergie significative se prendi Celg-D. L’anno scorso, la società ha acquisito la società di trasmissione Celg-T per due miliardi di riyal in un’asta di privatizzazione. Il CEO di EDP Brasil Joao Marques da Cruz ha detto agli investitori la scorsa settimana che la società avrebbe preso in considerazione la possibilità di fare offerte per i distributori di energia per la vendita.

(1 dollaro = 4,6690 riyal)

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di Tatiana Bautzer e Leticia Fukushima a San Paolo; A cura di Chizu Nomiyama

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x