Fonti: la Gran Bretagna preme per sanzioni contro i talebani durante la riunione del G7

LONDRA (Reuters) – La Gran Bretagna intende spingere i leader mondiali a considerare l’imposizione di nuove sanzioni ai talebani quando il Gruppo dei Sette nazioni industrializzate si riunirà martedì per discutere della crisi in Afghanistan, hanno riferito fonti a Reuters.

Il primo ministro britannico Boris Johnson, che attualmente guida il gruppo che comprende Stati Uniti, Italia, Francia, Germania, Giappone e Canada, ha convocato domenica un incontro virtuale, sulla scia della rapida conquista dell’Afghanistan da parte dei talebani.

La Gran Bretagna ritiene che il G7 dovrebbe prendere in considerazione l’imposizione di sanzioni economiche e la sospensione degli aiuti se i talebani commettono violazioni dei diritti umani e consentono di utilizzare il proprio territorio come rifugio per i militanti, secondo un funzionario del governo britannico, che ha parlato a condizione di anonimato, e un secondo funzionario occidentale diplomatico. .

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha detto ai giornalisti domenica che i talebani non hanno intrapreso alcuna azione contro le forze statunitensi che controllano l’aeroporto di Kabul, in gran parte in linea con il loro impegno a consentire agli americani di raggiungere l’aeroporto in sicurezza.

Alla domanda se sosterrebbe la spinta della Gran Bretagna per le sanzioni se i talebani commettessero abusi, Biden ha detto: “La risposta è sì. Dipende dal comportamento”.

I combattenti talebani hanno conquistato Kabul lo scorso fine settimana in un tumulto che ha spinto i civili e gli alleati militari afghani a fuggire in cerca di sicurezza. Molti temono un ritorno alla rigida interpretazione della legge islamica imposta durante il precedente governo talebano terminato 20 anni fa.

“È imperativo che la comunità internazionale lavori insieme per garantire evacuazioni sicure, prevenire una crisi umanitaria e sostenere il popolo afghano per garantire i guadagni degli ultimi 20 anni”, ha affermato Johnson su Twitter domenica.

READ  Il Vaticano rinuncia alla sua offerta per acquistare l'Italia in un equo processo di estradizione

Un diplomatico occidentale ha affermato che è improbabile che le sanzioni contro i talebani vengano adottate immediatamente. La scorsa settimana il ministro degli Esteri britannico Dominic Raab ha sollevato per la prima volta la possibilità di sanzioni per fare pressione sui talebani. Per saperne di più

Biden, che è stato criticato in patria e all’estero per la sua gestione del ritiro delle truppe statunitensi dall’Afghanistan, ha affermato la scorsa settimana che i leader del G7 avrebbero elaborato un approccio comune ai talebani e ha già tenuto colloqui bilaterali con Johnson, cancelliere tedesco Angela Merkel e la Francia. Il presidente Emmanuel Macron e il presidente del Consiglio Mario Draghi.

I media britannici hanno riferito che Johnson intende spingere Biden a estendere la scadenza del 31 agosto per il ritiro delle forze statunitensi dall’Afghanistan in modo che più persone possano essere evacuate.

Biden ha detto domenica che l’esercito americano sta discutendo la possibilità di estendere la scadenza, ma spera che non sia necessario.

Ha detto che Washington prenderà in considerazione un’estensione se richiesta dagli alleati del G7, ma sta lavorando a stretto contatto con questi e altri paesi per aiutare a evacuare i loro cittadini.

L’esercito americano ha dichiarato domenica scorsa di aver ordinato aerei commerciali per aiutare a trasportare le persone già evacuate dall’Afghanistan.

Biden ha detto ai giornalisti venerdì che lui e il segretario di Stato americano Anthony Blinken lavoreranno con altri paesi per creare “condizioni dure” per qualsiasi cooperazione o riconoscimento dei talebani, in base al loro trattamento di donne e ragazze e alla loro situazione generale in materia di diritti umani.

(Segnalazione di Andrew McCaskill a Londra e Andrea Shalal a Washington). Scritti aggiuntivi di Susan Heffy e Radhika Anilkumar; Montaggio di Susan Fenton, Giles Elgood, Grant McCall, Heather Timmons e Danielle Wallis

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

READ  La crescita economica degli Stati Uniti delude; Le azioni europee salgono sui risultati della società - come è successo | Azione

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x