Formula 1, in Ferrari, tutto è nero: Vettel è così intenso, Leclerc china la testa

Non solo Disastro Mercedes e gioia Racing Point. Una delle più grandi sconfitte Gran Premio di Sakhir In realtà lo è Ferrari, Che sta lasciando definitivamente i due mari Con gli spiriti sotto le tue scarpe, Solo un punto Ha vinto due gare, molti dubbi, alcuni Causa di controversia lui è uno Frustrato sesto posto Nella classifica generale.

L’esasperazione per Cavallino è palpabile anche ascoltando il testo Sebastian Vettel. In una corsa folle che molti hanno evidenziato Eroi inaspettati Il trionfo è vivo Sergio Perez (Primo messicano in 50 anni Per riuscire), il tedesco è stato il protagonista Prestazioni completamente ambigue E ha concluso con L’ultimo dodicesimo posto. E una frustrazione invisibile dopo il traguardo.

“Migliore Non parlare della mia razzaPerché era irrilevante “, si è limitato a osservare la squadra tedesca di Maranello. Poi si è concentrato sugli altri:”Sono felice per Perez Mi congratulo con lui. Ma loro sono Triste per Russell“.

La situazione alla Ferrari è molto peggiore. “Niente funzionaNon riuscivo proprio a tenere il passo e difendermi “, osserva Vettel, che se non altro lo è Finalmente arrivato, Diversamente da Charles Leclerc.

Il quarto partito, Monaco, ha effettivamente sollevato un carambola con Verstappen e Perez di proprietà (Quindi è in grado di raccogliere fino alla vittoria). Leclerc Lo sarà anche punire Da tre posizioni Sulla Rete Display Abu Dhabi E soprattutto questo è Assumiti le loro responsabilità.

“Vorrei essere onesto, e Quando commetto un errore Dico. Mi aspettavo che Perez restasse all’estero, ma non lo fece Non è colpa suaHa ammesso il Ferrari, protagonista negativo dell’altro Week end da dimenticare Per il rosso.

READ  Disegna | Under 21 | UEFA.com

OMNISPORT | 06-12-2020 23:52

Fonte: Getty Images

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x