Fossili: il più grande uccello incapace di volare che visse in Australia 50.000 anni fa e pesava fino a 1.323 libbre

Il più grande uccello incapace di volare che visse in Australia 50.000 anni fa e pesava 1.323 libbre con una testa massiccia di oltre 1,5 piedi, ma il suo cervello era compresso per lo spazio

  • Gli esperti hanno studiato i fossili di “mihirung”, il nome dato agli uccelli giganti australiani
  • Il più grande di loro, Dromornis stirtoni, è stato in grado di raggiungere circa 10 piedi (3 metri)
  • Utilizzando una TAC, il team ha calcolato e confrontato le dimensioni del cervello dei diversi uccelli
  • I mihirung hanno sviluppato cervelli sempre più grandi insieme al clima e al cibo

Parla di essere una “mente uccello”! Il più grande uccello non in volo era lungo circa 1,6 piedi (0,5 m), ma i suoi muscoli rigidi del becco lasciavano spazio prezioso per il suo cervello.

Questa è la conclusione raggiunta dai ricercatori australiani, che hanno studiato i fossili di Dromornis stirtoni, un uccello che è cresciuto fino a 10 piedi (3 metri) e pesava fino a 1.323 libbre (600 kg).

D. stirtoni era il più grande dei “mihirung” australiani – una parola aborigena che si traduce in “uccello gigante” – che si estinse circa 50.000 anni fa.

Dr. fatti

Dromornis stirtoni era un uccello incapace di volare che visse in Australia più di 50.000 anni fa.

Ha raggiunto un’altezza di 10 piedi (3 metri) e pesava fino a 1.323 libbre (600 kg).

La sua testa è cresciuta fino a 1,6 piedi (0,5 m), ma in gran parte era un conto.

I grandi muscoli del becco significano che il suo cranio si è evoluto in un lungo e largo ma sottile, lasciandola con il cervello relativamente piccolo della sua testa gigante.

“ Insieme ai loro grandi occhi rivolti in avanti e alle banconote molto grandi, la forma del loro cervello e dei loro nervi indica che questi uccelli hanno probabilmente una visione stereoscopica ben sviluppata o una percezione profonda ”, ha detto l’autore dell’articolo, Warren Handley .

Il paleontologo della Flinders University Dromornithids ha aggiunto: “Si nutre di una dieta di foglie e frutti lisci”.

Questi sono uccelli meravigliosi [lived] Nelle foreste intorno a canali di fiumi e laghi in tutta l’Australia per molto tempo.

“È entusiasmante quando possiamo applicare i moderni metodi di imaging per rivelare caratteristiche della morfologia dei dromornitidi che in precedenza non erano del tutto note”.

Nel loro studio, i ricercatori hanno confrontato i resti fossili di semi-bromorniti che vanno da quelli vissuti fino a 24 milioni di anni fa al loro ultimo lignaggio, D. stirtoni.

In particolare, hanno lavorato con campioni di D. murrayi (da 24 milioni di anni fa), D. planei e Ilbandornis Woodburnei (da 12 ms.) E Dromornis stirtoni (dalle 19:00) e hanno utilizzato la TC neutronica per scoprire le dimensioni di ogni cervello, un uccello.

Il team ha scoperto che, nel tempo, le dimensioni del corpo dei dromornitidi crescevano alternativamente più grandi e più piccole a seconda del clima e dei foraggi disponibili.

READ  C'è una luna lupo stasera: come ululare alla prima luna piena nel 2021

La loro analisi ha anche rivelato che gli uccelli giganti assomigliano molto ai polli moderni e agli uccelli australiani correlati.

“Il fatto improbabile è che questi uccelli fossero associati a polli – polli e anatre – ma i loro parenti più stretti e gran parte della loro biologia rimangono un mistero”, ha detto l’autore dell’articolo e paleontologo vertebrato Trevor Worthy.

Sebbene il cervello dei dromornitidi fosse molto diverso da qualsiasi uccello che vive oggi, sembra che condividano anche una simile dipendenza dalla buona visione per sopravvivere con lignaggi viventi come lo struzzo e l’emù.

In particolare, hanno lavorato con campioni di D. murrayi (da 24 milioni di anni fa), D. planei e Ilbandornis Woodburnei (da 12 ms.) E Dromornis stirtoni (dalle 19:00) e hanno utilizzato la TC neutronica per scoprire le dimensioni di ogni cervello, un uccello.  Nella foto: un teschio fossile di D. planei e un lembo cerebrale ricostruito, a sinistra, rispetto a un teschio di uccello moderno, a destra

In particolare, hanno lavorato con campioni di D. murrayi (da 24 milioni di anni fa), D. planei e Ilbandornis Woodburnei (da 12 ms.) E Dromornis stirtoni (dalle 19:00) e hanno utilizzato la TC neutronica per scoprire le dimensioni di ogni cervello, un uccello. Nella foto: un teschio fossile di D. planei e un lembo cerebrale ricostruito, a sinistra, rispetto a un teschio di uccello moderno, a destra

Secondo il professor Worthy, D. stirtoni era un “severo esperimento evolutivo” – uno con “il cranio più grande ma dietro l’enorme becco c’era uno strano teschio”.

Ha spiegato: “ Per accogliere i muscoli per tenere questo enorme becco, il cranio è diventato più lungo e più largo di quanto fosse stato lungo, quindi il cervello all’interno è stato compresso e piatto per adattarlo.

Questi uccelli giganti erano probabilmente ciò che l’evoluzione ha prodotto quando ha dato ai polli libertà di controllo nelle condizioni ambientali australiane.

“Sono diventati molto diversi dai loro parenti megapodi – o uccelli terrestri simili a polli che si trovano ancora nella regione australiana”.

READ  La sonda della NASA sta catturando un'immagine del "Grande Accoppiamento" di Giove e Saturno dalla Luna

I risultati completi dello studio sono stati pubblicati sulla rivista diversità.

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x