FOTO AP: Dopo più di 19 mesi riaprono i club del Milan

I bicchieri sono ancora accatastati a testa in giù al Rocket Club di Milano, più di 19 mesi dopo che la scena dei club della città è stata chiusa dopo la scoperta – a solo un’ora di distanza – della prima trasmissione locale del coronavirus in Occidente.

Il Rocket Club è stato un fulcro della capitale finanziaria italiana e della scena indipendente, metropolitana e techno della moda dal 2003, trasferendosi nella sua attuale posizione nel quartiere dei Navigli nel 2013.

Ma la musica non risuonava nella sala cavernosa dal 22 febbraio 2020.

Il regista David Volunte ricorda l’atmosfera surreale in cui si sono presentati i clienti mascherati e l’ultima notte prima dell’entrata in vigore dell’ordine di blocco del governo italiano. Sono passati due giorni dalla diagnosi della prima persona nota per avere il coronavirus in Italia, all’interno della cintura dei pendolari di Milano nella città di Codogno in Lombardia.

All’epoca, la maggior parte dei proprietari di club era convinta che la chiusura sarebbe durata solo poche settimane. “Era tutto nuovo ed era lo stesso per tutti”, ha detto Volunte, ricordando di essersi sentita più confusa che ansiosa.

Ma anche quando il blocco è stato allentato in Italia nell’estate del 2020, i locali notturni sono rimasti per lo più chiusi e non ancora aperti, a differenza di ristoranti, cinema e teatri. Solo i club con spazi all’aperto potevano fungere da cocktail bar, ma non per ballare.

READ  Finale Sanremo Giovanni: giovedì 17 dicembre su Rai1, Radio2 e RaiPlay

Il proprietario del Rocket Club Massimiliano Ruffolo ha aperto il Rocket Bar nell’estate del 2020. Ma quando è arrivata un’altra chiusura alla fine dell’estate, ha venduto il bar.

“Void” è forse il club techno più famoso della zona. Creato dal dj Richey V, il cui vero nome è Francesco Orcese, giovedì sera è stato per breve tempo il punto d’incontro milanese.

Orsese ha affermato che i primi giorni del blocco, che hanno portato a un blocco regionale e poi nazionale nel giro di poche settimane, inizialmente sembravano una vacanza dal suo fitto calendario. La depressione è iniziata quando l’estate del 2020 si è trasformata in autunno e non c’era alcun segno di ritorno della vita notturna. Passava le sue ore a leggere libri, guardare film, esercitarsi, scrivere e produrre la propria musica.

Orsese ha detto di essere passato “dall’angoscia e dalla depressione alla rabbia reale, come un prigioniero che non conosce la data di rilascio”. Ha detto che l’alternanza di chiusure e coprifuoco ”ha ucciso l’intera notte.

Da lunedì le sale potranno aprire al 50% di capienza al chiuso e al 75% all’aperto.

———

Segui la copertura della pandemia dell’AP su https://apnews.com/hub/coronavirus-pandemic

———

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x